Ricognizione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Si dice ricognizione l'azione effettuata oltre la linea del fronte per acquisire informazioni militari relative al nemico. La ricognizione, che fino al XX secolo era solo terrestre o navale, dalla Guerra italo-turca (1911) ha utilizzato anche mezzi aerei per svolgere i suoi compiti.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

I veicoli da ricognizione, indipendentemente dall'ambiente operativo (terrestre, navale o aereo), devono tutti avere delle caratteristiche comuni, in particolare devono avere:

  • velocità sufficientemente elevata per sfuggire al contrasto dei veicoli da combattimento nemici operanti nello stesso ambiente
  • protezione ed armamento leggeri, in quanto un aumento della protezione e dell'armamento del veicolo, aumentandone il peso, ne diminuirebbe la mobilità a parità di potenza
  • per i veicoli terrestri, possibilità (almeno limitata) di operare su terreno vario per non essere vincolati alla rete stradale

Tipologie di ricognizione[modifica | modifica wikitesto]

La ricognizione terrestre fino all'avvento dell'automobile veniva effettuata dalla cavalleria leggera o da fanterie particolarmente addestrate. A partire dall'inizio del XX secolo viene effettuata sia da autoblindo sia da carri armati leggeri.

La ricognizione navale è sempre stata effettuata dalle navi più leggere: all'epoca della vela il compito era essenzialmente assegnato alle fregate, mentre con l'avvento delle corazzate monocalibro la ricognizione fu affidata agli esploratori, agli incrociatori leggeri o ai cacciatorpediniere. Con la riduzione del dislocamento successivo alla Seconda guerra mondiale la ricognizione attualmente è affidata alle fregate ed alle corvette.

La ricognizione aerea è affidata ad una particolare classe di aerei, i ricognitori, generalmente disarmati[senza fonte]. Dopo l'incidente dell'U2 (1960) la ricognizione aerea ad alta quota viene sostituita, quando possibile, dalla ricognizione satellitare.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]