Schiebel Camcopter S-100

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Schiebel Camcopter S-100
Schiebel Camcopter S-100
Schiebel Camcopter S-100
Descrizione
Tipo aeromobile a pilotaggio remoto da ricognizione ed attacco nelle versioni predisposte
Equipaggio nessuno (pilota + osservatore a terra)
Costruttore Austria Schiebel
Data primo volo 2005
Utilizzatore principale Emirati Arabi Uniti Esercito emiratino
Altri utilizzatori Germania Deutsche Marine
Libia Forze armate libiche
Italia Marina Militare Italiana
Costo unitario 4,2 milioni di
Dimensioni e pesi
Lunghezza 3,11 m
Larghezza 1,24 m
Altezza 1,12 m
Diametro rotore 3,4 m
Peso a vuoto 110 kg
Peso max al decollo 200 kg
Capacità 50 kg (tipico)
Propulsione
Motore un rotativo Wankel Austro AE50R
Potenza 50 hp (37 kW)
Prestazioni
Velocità max 222 km/h (120 kt)
VNE 241 km/h[senza fonte]
Velocità di crociera 102 km/h (55 kt)
Autonomia oltre 6 h con 34 kg di carico
oltre 10 h con serbatoi supplementari
Raggio di azione 80 o 180 km (43 o 97 nm)
Tangenza 5 486 m[senza fonte]
Sensori sensori elettrottici, scanner IR, radar ad apertura sintetica (SAR)

i dati sono estratti da Schiebel[1]

voci di aeromobili a pilotaggio remoto presenti su Wikipedia

Lo Schiebel Camcopter S-100 è un aeromobile a pilotaggio remoto ad ala mobile sviluppato dall'azienda austriaca Schiebel Elektronische Geräte GmbH negli anni duemila e prodotto, oltre che dalla divisione aerea della stessa, dalla Schiebel Aircraft in Russia, su licenza.

Destinato al mercato militare nelle versioni da ricognizione ed attacco è in servizio nell'esercito degli Emirati Arabi Uniti e nelle marine militari di Germania, Italia e Pakistan (in versione russa).

Storia del progetto[modifica | modifica sorgente]

S-100 in versione UCAV equipaggiato con un Lightweight Multirole Missile.

Prodotto dalla Schiebel con sede a Vienna, è stato sviluppato tra il 2003 e il 2005. Con un carico massimo al decollo (MTOW) di 200 kg ha un'autonomia di sei ore. Può raggiungere la velocità massima di oltre 200 km/h e superare i 5 500 m di tangenza. Azionato da un motore Wankel da 50 hp (37 kW), può trasportare vari carichi come ottiche elettroniche e sensori IR. Il 12 marzo 2012 la Schiebel ha annunciato il successo dei test con un nuovo tipo di motore sviluppato all'interno dell'azienda e sostitutivo del motore standard Diamond. Questa nuova motorizzazione permette l'uso di JP-5, Jet A-1 o JP-8 come carburanti. Questi carburanti sono standard utilizzati sulle navi militari, più sicuri da maneggiare ed immagazzinare.[2]

Impiego operativo[modifica | modifica sorgente]

Il Gorizont G-Air S-100, di fabbricazione russa, il Camcopter costruito su licenza.

Il primo utilizzatore è stata la Union Defence Force (UAE), che ha ordinato 40 esemplari destinati all'Esercito degli Emirati Arabi Uniti con opzione per altri 40. Altre tre nazioni hanno ordinato per un totale di 200 esemplari.

La Marina pachistana ha testato il velivolo da una delle sue navi nel mar d'Arabia, seguita dalla marina francese il 9-10 ottobre 2008, mentre la fregata Montcalm era in navigazione.[3]

La Marina tedesca ha completato tre settimane di test a bordo di corvette della classe Braunschweig, la Braunschweig e la Magdeburg in agosto e settembre 2008. La ditta tedesca Diehl è incaricata di introdurre il prodotto alle forze armate tedesche.[4][5]

La Libia ha ordinato quattro Camcopters nel 2009, che operano sotto il comando della Khamis Brigade.[6]

La Giordania ha ordinato due esemplari con L-3 Wescam MX-10 EO-IR nel luglio 2010 e consegna febbraio 2011.[7]

Nel novembre 2011 il Camcopter ha fatto voli dimostrativi dalla corvetta della marina francese L'Adroit.[8] Allo stesso tempo, una versione russa costruita su licenza è stata testata con successo a bordo della nave della guardia costiera Rubin. La Russia è intenzionata ha dotare tutte le navi di suddetta classe con il Camcopter.[9]

Nel 2010 la Marina cinese ha comprato 18 esemplari. Dopo due anni, nel maggio 2012, un velivolo è stato fotografato dalla Marina giapponese mentre si alzava in volo da una fregata cinese.[10]

La Royal Australian Navy ha in progetto di testare un elicottero Schiebel nel giugno 2013.[11]

Nell' aprile del 2012 la Marina militare italiana ha sperimentato un esemplare di S-100 sulla Nave Bersagliere con risultati confortanti, tanto da spingere lo Stato Maggiore Marina ad avviare le procedure di acquisizione in leasing di due Camcopter da utilizzare già nel secondo semestre del 2013 (vedi link).

A partire dal 2014, nell'ambito dell'operazione Mare Nostrum, due esemplari di S-100 della Marina Militare Italiana, pilotati da due ufficiali piloti dalla nave anfibia San Giusto, intercettano ed individuano in maniera silenziosa i barconi di immigrati.[12]

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

(lista parziale)

Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti
Germania Germania

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ CAMCOPTER® S-100 Italian in Schiebel Corporation, http://www.schiebel.net/, 4 maggio 2012. URL consultato il 9 settembre 2012.
  2. ^ Andrea Blama, Maiden Flight of the Camcopter S-100 with Schiebel's New Heavy Fuel Engine, Schiebel.net, 12 marzo 2012. URL consultato il 22 giugno 2012.
  3. ^ Richard Scott, DCNS claims automatic shipborne UAV recovery breakthrough in Janes.com, 14 ottobre 2008. URL consultato il 16 ottobre 2008.
  4. ^ Camcopter S-100 completes extensive German Navy flight trials in Shephard.co.uk, 30 settembre 2008. URL consultato il 4 giugno 2011.
  5. ^ Camcopter S-100 UAV Successfully Completes Deck Landing Trials on K130 Corvettes in Deagle.com, 14 ottobre 2008. URL consultato il 4 giugno 2011.
  6. ^ Rot-weiß-rote Drohnen in Gaddafis Diensten in Der Standard, 1º marzo 2011. URL consultato il 2 marzo 2011.
  7. ^ Gayle Putrich, Jordan gets Schiebel Camcopter S-100 in Flight International, 23 febbraio 2011. URL consultato il 22 giugno 2012.
  8. ^ Schiebel's unmanned helo proves its worth in United Press International via Spacewar.com, 30 novembre 2011. URL consultato il 1º dicembre 2011.
  9. ^ (RU) На Черном море успешно проведены морские испытания БЛА вертолетного типа in Military Paritet, 29 novembre 2011. URL consultato il 27 giugno 2012.
  10. ^ Greg Waldron, Schiebel Camcopter S-100 operated from Chinese frigate in Flight Global, 18 maggio 2012. URL consultato il 18 maggio 2012.
  11. ^ Mark Corcoran, The kill chain: Australia's drone war in Foreign Correspondent, ABC News, 8 giugno 2012. URL consultato il 9 giugno 2012.
  12. ^ Corriere della Sera, mmigrazione, la Marina Militare pattuglia il canale di Sicilia con i droni.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]