Venanson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Venanson
comune
Venanson – Stemma
(dettagli)
Venanson – Veduta
Veduta di Venanson, tra le nuvole
Localizzazione
StatoFrancia Francia
RegioneBlason région fr Provence-Alpes-Côte d'Azur.svg Provenza-Alpi-Costa Azzurra
DipartimentoArms of Nice.svg Alpi Marittime
ArrondissementNizza
CantoneSaint-Martin-Vésubie
Territorio
Coordinate44°03′N 7°15′E / 44.05°N 7.25°E44.05; 7.25 (Venanson)Coordinate: 44°03′N 7°15′E / 44.05°N 7.25°E44.05; 7.25 (Venanson)
Superficie19 km²
Abitanti144[1] (2009)
Densità7,58 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale06450
Fuso orarioUTC+1
Codice INSEE06156
Nome abitantiVenansonnois (FR); Venanzonesi (IT)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Venanson
Venanson
Sito istituzionale

Venanson (in italiano Venanzone[2], ormai desueto) è un comune francese di 144 abitanti situato nel dipartimento delle Alpi Marittime della regione della Provenza-Alpi-Costa Azzurra.
I suoi abitanti sono chiamati Venansonnois in francese e Venanzonesi in italiano.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il villaggio è costruito su una barra rocciosa, nido d'aquila sorvegliante l'alta valle del fiume Vesubia, al di sopra di San Martino Lantosca (Saint-Martin-Vésubie).

Il piccolo paese è dominato dal picco della "Colmiane" (Colmiana), e dalla piazza all'entrata del villaggio, si ha con il bel tempo un'ampia veduta sulle sommità del massiccio del Mercantour.

Il territorio del comune di Venanson appartiene geograficamente nella sua interezza, trovandosi tutto sulla riva sinistra del fiume Varo, alla regione fisica italiana, come tutto l'ex Contado di Nizza.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Venanzone[2] è stato quindi parte integrante della storica Contea di Nizza fino al 1860, ed ha seguito perciò con essa, fin dal 1388, anno di dedizione di Nizza alla Savoia, le vicende storiche prima della Contea di Savoia e del Ducato di Savoia, e poi dopo il Congresso di Vienna, dal 1815 al 1860, le sorti del regno di Piemonte e Sardegna, facendone parte per quasi mezzo secolo, per essere poi annesso nel 1861 alla Francia, dopo referendum nell'aprile del 1860, secondo le clausole del Trattato di Torino fra Vittorio Emanuele II, re di Sardegna e Piemonte e Napoleone III, imperatore dei Francesi, con cui era ceduto dal primo ministro Camillo Benso, conte di Cavour, il Contado di Nizza alla Francia, per il suo aiuto nella seconda guerra d'indipendenza e l'unità d'Italia.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

Luoghi e Monumenti - Cultura[modifica | modifica wikitesto]

La Cappella di San Sebastiano di Venanzone (Chapelle Saint-Sébastien de Venanson)[3], detta Cappella di Santa Chiara (Chapelle Sainte-Claire)[4] del XV secolo è uno degli esempi più compiuti dell'arte nizzarda, intieramente coperta dagli affreschi di Giovanni Baleison, notevolmente compositi.
Il pittore ha datato la fine della realizzazione degli affreschi addì 26 luglio 1481: Anno Domini MCCCCLXXXI die 26 Julli. Han capellem fecit fieri communitas. Venansonii-ad honorem Dei Sanctissime. Virginis Mariae Matris eius et Sanctis...dominus Guilhelmus coni...tavit et ordi (navit)...Baleison....habit...
La cappella probabilmente è stata costruita all'entrata del villaggio di Venanzone per proteggerlo dalla peste del 1467.
Sul fondo della cappella, il Cristo in Croce tra la Madonna e San Giovanni Evangelista. Di sotto, tra San Grato, vescovo d'Aosta, e San Rocco, il martirio di San Sebastiano tra due arcieri che lo trafiggono di frecce.

Sotto la volta, Giovanni Baleison ha dipinto dodici scene del martirio di San Sebastiano all'epoca di Diocleziano. Nella parte inferiore, i santi ed i santi protettori ed il fregio delle virtù:

  • Parte sinistra:
    • semi-volta banda superiore, vita di San Sebastiano:
- Sebastiano in ginocchio è fatto cavaliere dall'imperatore romano Diocleziano,
- Sebastiano visita e benedice i fratelli cristiani imprigionati Marco e Marcellino,
- le loro spose vengono a supplicarli d'abiurare per salvare le loro vite;
    • semi-volta banda inferiore, vita di San Sebastiano:
- Sebastiano che insegna ls sua Fede ad alcune donne inginocchiate, tra le quali si trova Zoe, sposa di "Nicotrasto",
- Sebastiano davanti a Diocleziano. L'imperatore romano gli domanda d'abiurare e Sebastiano gli risponde che adora il vero Dio,
- Diocleziano impone a Sebastiano d'adorare gli idoli. Egli li rovescerà.
    • parte inferiore del muro di sinistra:
- oggetti della vita quotidiana,
- affresco dei Santi protettori: Sant'Apollonia, Santa Barbara, San Biagio e San Lorenzo,
- affresco dei vizi, molto sbiaditi: l'orgoglio o superbia, l'avarizia, la lussuria, la collera od ira, la gola, l'invidia e la pigrizia od accidia.
  • Parte destra, vita di San Sebastiano:
    • semi-volta banda superiore, vita di San Sebastiano:
- Sebastiano riporta a Diocleziano le frecce del suo supplizio e gli fa dei rimproveri,
- l'imperatore romano fa bastonare a morte Sebastiano,
- il corpo di Sebastiano è gettato in una fossa comune in presenza di Santa Lucina,
    • semi-volta banda inferiore, vita di San Sebastiano:
- Santa Lucina fa tirar fuori il corpo di San Sebastiano dalla fossa,
- ella lo fa inumare,
- Scene d'epidemia o di miracolo;
    • parte inferiore del muro di destra:
- affresco dei santi protettori della comunità: San Nicola, San Bernardo delle Alpi, San Mauro, Santa Caterina, Santa Margherita, Santa Clara
- La buona e la cattiva preghiera,
- Fregio delle virtù: l'umiltà, la castità, la carità, la fraternità, la temperanza, la pazienza, la veglia o vigilanza.

La chiesa di San Michele (église Saint-Michel)[5] datante dal XVII secolo, che non ha facciata e possiede una torre campanaria che serve da portico d'ingresso alla chiesa. Essa possiede un quadro del 1645 rappresentante il donatore Claudio Ghigoni (Claude Guigonis), proprietario e notaio del villaggio che ha fatto ricostruire la chiesa.

La Cappella dei Penitenti Bianchi (chapelle des Pénitents Blancs), posta sul lato della chiesa di San Michele.

La Cappella San Rocco (Chapelle Saint-Roch)[6], situata ad un chilometro dal villaggio, ad ovest, dove sono conservati degli affreschi che raccontano la vita del Santo Protettore del paese contro la peste, i quali sono stati dipinti da "Paul Macario" nel 1987.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Il film "Il Caso del dottor Laurent" (Le Cas du docteur Laurent), con Jean Gabin nel ruolo d'un medico parigino che introduce i metodi del parto senza dolore (accouchement sans douleur) nell'entroterra montanaro, è stato girato a Venanson (Venanzone).

Araldica[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma del comune di Venanson è un blasone d'azzurro all'ascia d'armi ed al bordone da pellegrino passati in petto, il tutto d'oro, accompagnati da quattro torri d'argento ai cantoni dello scudo.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ INSEE popolazione legale totale 2009
  2. ^ a b ↑ Guglielmo Stefani, Dizionario generale geografico-statistico degli Stati sardi, Torino, Pomba, 1855, p. 1308.
  3. ^ Luc F. Thevenon, L'art du Moyen Âge dans les Alpes méridionales, pp. 32-33, Éditions Serre, Nice, 1983 ISBN|2-86410-047-9
  4. ^ Association Montagne et Patrimoine: Chapelle Saint-Sébastien
  5. ^ Association Montagne et Patrimoine: Église Saint-Michel
  6. ^ Association Montagne et Patrimoine: Chapelle Saint-Roch

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN233948037
Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Francia