Massiccio del Mercantour

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Massiccio del Mercantour
Le Mercantour National Park.jpg
Panorama
ContinenteEuropa
StatiFrancia Francia
Italia Italia
Catena principaleAlpi Marittime (nelle Alpi Marittime e Prealpi di Nizza)
Cima più elevataMonte Gelàs (3143 m s.l.m.)
Età della catenaOligocene
Tipi di rocceRocce metamorfiche, Rocce sedimentarie

Il Massiccio del Mercantour è un massiccio delle Alpi situato a cavallo del dipartimento francese delle Alpi Marittime, delle Alpi dell'Alta Provenza e del Piemonte. Il versante italiano è chiamato massiccio dell'Argentera, nelle Alpi Marittime. Il nome deriva dalla Cima del Mercantour.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

In senso stretto il massiccio si estende lungo la linea di montagne che va dalla Rocca dei Tre Vescovi (presso il Colle della Bonette) al Colle di Tenda. In senso più ampio, da un punto di vista turistico e di organizzazione geografica, comprende alcune aree estese più a nord e ad ovest.

È compreso tra il massiccio dell'Ubaye e l'affluente Ubayette a nord-ovest; il massiccio Oronaye e la Stura di Demonte a nord; le Alpi Liguri e la Valle Vermenagna a est; le Prealpi di Nizza e la Vesubia a sud-est; le Prealpi di Castellane e il Varo a sud e infine il massiccio del Monte Pelat a ovest. Dal Mercantour si dipartono anche le gole della Tinea e della Cians, affluenti del Varo.

Il parco nazionale del Mercantour comprende, tra le altre cose, la parte francese del massiccio eccetto la zona compresa tra la stazione sciistica di Isola 2000 e il lago di Rabuons.

Montagne principali[modifica | modifica wikitesto]

Geologia[modifica | modifica wikitesto]

Il massiccio è costituito da rocce risalenti a 350 milioni di anni fa. Principalmente si trovano gneiss e affioramenti di granito. A est si incontrano rocce sedimentaree più recenti come il calcare, la scisto, l'arenaria violacea della valle delle Meraviglie. A nord e ovest del massiccio, lungo le valli dell'Ubaye, della Tinea e del Varo, sono presenti depositi di rocce alluvionali.

Stazioni di sport invernali[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]