Censuo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il censuo (in latino: Census, letteralmente: censo) in epoca medioevale era un tributo sull'usufrutto assicurato all'originario proprietario sui propri beni immobili ceduti a terzi.[1]

Il proprietario di un bene immobile poteva infatti venderne la nuda proprietà, mantenendo il diritto alla rendita derivante.

Nel passato tale rendita era inalienabile ed era tassata come reddito da bene immobile. L'imposizione era proporzionale, secondo una certa aliquota, alla rendita stessa e al censo del proprietario originario.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Imposte e Servizi Feudali, brigantaggio.net. URL consultato il 25 maggio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]