Cadavere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero urtare la sensibilità di chi legge. Le informazioni hanno solo un fine illustrativo. Wikipedia può contenere materiale discutibile: leggi le avvertenze.
Il cadavere di Bill Doolin, fuorilegge statunitense che terrorizzò Arkansas, Oklahoma e Kansas verso la fine del XIX secolo

Il cadavere è il corpo di un essere umano dopo l'accertamento di morte. Diversamente, per ragioni storiche e religiose, il corpo di un animale morto è detto «carcassa» e, se in stato di putrefazione, «carogna»[1]. Più raramente, si usa il termine "cadavere" anche riferito a corpi di animali morti[2], soprattutto in ambito veterinario [3][4].

Se in attesa dell'accertamento di morte il cadavere è definito salma[5].

Lo studio delle modificazioni del corpo post mortem di un cadavere ricade nell'ambito della medicina legale.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine italiano cadavere, dal latino cadaver, potrebbe essere correlato al verbo cadere[6]. Etimologicamente inconsistente è invece la derivazione dall'acronimo latino "ca. da. ver." ("caro data vermibus", ossia "carne data ai vermi")[7][8].

Diagnosi di morte, constatazione del decesso ed accertamento di morte[modifica | modifica wikitesto]

La diagnosi di morte spetta a qualsiasi medico che abbia prestato assistenza al morente o che sia intervenuto a decesso appena verificato e che non rilevi nel paziente alcuna attività vitale redigendo apposita constatazione. Sarà compito del curante, od in sua assenza fino all'arrivo del necroscopo, del sostituto o del medico di continutà assistenziale.

L'accertamento della morte spetta al medico necroscopo dopo aver eseguito un'ulteriore visita sulla salma nei tempi e nei modi previsti dalla legge.

Il personale non medico può solo notificare la morte esclusivamente nei casi di decapitazione, maciullamento, carbonizzazione, stati putrefattivi avanzati o rinvenimento di resti.

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Psichiatria[modifica | modifica wikitesto]

L'attrazione sessuale nei confronti di cadaveri o salme, che prende il nome di necrofilia, è una forma di parafilia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Angelo Fiori e Franco Cardini, Cadavere, su http://www.treccani.it/, 1999. URL consultato il 24 marzo 2014.
  2. ^ Cadavere, su http://www.garzantilinguistica.it/. URL consultato il 30 marzo 2015.
  3. ^ Necroscopie - Struttura Didattica Speciale Veterinaria - Università degli Studi di Torino
  4. ^ ORLANDO PACIELLO - www.docenti.unina.it
  5. ^ Cadavere, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 24 marzo 2015.
  6. ^ Cadavere, garzantilinguistica.it. URL consultato il 7 giugno 2014.
  7. ^ Etimologia, parodos.it. URL consultato il 7 giugno 2014.
  8. ^ Giovanni Bolza, Vocabolario genetico-etimologico della lingua italiana, Vienna, 1852, p. 35.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4167214-8