Mercedes-Benz W166

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Mercedes-Benz Classe GLE)
Mercedes-Benz W166
Mercedes-Benz ML 250 BlueTEC (W 166) – Frontansicht, 26. Februar 2012, Velbert.jpg
Descrizione generale
Costruttore Germania  Mercedes-Benz
Tipo principale SUV
Produzione dal 2011
Sostituisce la Mercedes-Benz W164
Euro NCAP (2012[1]) 5 stelle
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4804 mm
Larghezza 1926 mm
Altezza 1796 mm
Passo 2915 mm
Massa da 2000 a 2390 kg
Altro
Assemblaggio Tuscaloosa, Alabama (USA)
Stile Gorden Wagener
Stessa famiglia Mercedes-Benz Classe GL X166
Mercedes-Benz Classe GLE
Auto simili Audi Q7
BMW X5
Jeep Grand Cherokee
Lexus RX
Range Rover Sport (2013)
Porsche Cayenne
Volkswagen Touareg
Volvo XC90
Mercedes-Benz ML 250 BlueTEC (W 166) – Heckansicht, 26. Februar 2012, Velbert.jpg

W166 è la sigla di un'autovettura SUV di lusso prodotta dalla Mercedes-Benz a partire dal 2011. Fino alla primavera del 2015, questo modello costituisce la terza generazione della cosiddetta Classe M, mentre a partire dal mese di aprile dello stesso anno la W166 va invece a costituire la prima generazione della Classe GLE che è una Classe M sottoposta a un restyling e a un cambio di denominazione secondo i nuovi criteri commerciali stabiliti dalla Daimler AG (detentrice del marchio Mercedes-Benz) a partire appunto dal 2015.

Storia e profilo[modifica | modifica wikitesto]

Debutto[modifica | modifica wikitesto]

Anticipata da alcuni rendering molto simili alla vettura definitiva, nonché dalle prime foto ufficiali, la terza generazione della Classe M, siglata W166, è stata presentata al pubblico al Salone dell'automobile di Francoforte nel settembre 2011. Contemporaneamente ne è stata avviata la produzione, anche se l'avvio della commercializzazione è stato fissato per il mese di novembre.

Design esterno ed interno[modifica | modifica wikitesto]

Interni di una Classe M con guida a destra

Il disegno della carrozzeria della W166 riprende a grandi linee l'impostazione della precedente W164. Il frontale presenta un grande radiatore solcato da tre listelli orizzontali, sul quale campeggia il grande logo della casa. Ai suoi lati si trovano i nuovi gruppi ottici dal design più moderno e più in basso si trova lo scudo paraurti suddiviso in tre sezioni trapezoidali: quella centrale, più grande, con parasassi cromato, e le due laterali, più piccole, che ospitano le luci diurne a led. Il disegno della fiancata è quello che presenta la maggior parte dei punti in comune con le due precedenti generazioni della Classe M; due nervature lungo la fiancata danno risalto al gioco di curve e spigoli, e portano ad evidenziare il parafango posteriore bombato, un elemento stilistico presente anche nei contemporanei modelli W212, C207/A207 e C218. I cerchi sono in lega, disponibili nelle misure da 17 a 21 pollici. La coda presenta dei gruppi ottici avvolgenti a sviluppo orizzontale, con tecnologia a LED e a fibre ottiche; sempre la coda presenta un lunotto avvolgente, un andamento discendente del padiglione e uno spoiler posto sul tetto. Il paraurti posteriore, assai massiccio, è integrato con un parasassi cromato.

L'abitacolo della W166 offre più spazio rispetto alla serie precedente, pur essendo rimasta invariata la misura del passo. Sulla plancia scorre un inserto longitudinale in radica che va a raccordarsi con gli inserti in radica sui pannelli porta. Il posto guida è caratterizzato da una razionale disposizione dei comandi, sia principali che secondari, e da numerose possibilità di regolazione dei sedili. La capienza del vano bagagli, a sedili abbattuti, raggiunge 2.010 litri.

Struttura, meccanica e motori[modifica | modifica wikitesto]

La struttura di base della W166 presenta una scocca a deformazione programmata nelle zone anteriori e posteriori, nonché la cella abitativa indeformabile. La rigidità della scocca portante è garantita dall'ausilio di longheroni in acciaio posti su due livelli ed uniti da elementi verticali anch'essi in acciaio. Una traversa di collegamento in corrispondenza del montante centrale serve ad unire i due longheroni laterali, mentre apposite traverse in acciaio uniscono i longheroni laterali al tunnel centrale. Nella zona posteriore, il serbatoio è stato posizionato davanti al retrotreno per consentire l'ottenimento di una struttura deformabile anche in coda.

Al suo debutto, la W166 è disponibile in tre motorizzazioni, una a benzina e due a gasolio. Questi ultimi sfruttano la tecnologia common rail e la tecnologia BlueTEC, che prevede l'aggiunta dell'additivo AdBlue ai fumi dello scarico, in modo da convertire le emissioni inquinanti in gas innocui:

  • ML350 BlueEFFICIENCY: motore V6 M276 con tecnologia BlueDIRECT, ossia con alimentazione ad iniezione diretta di terza generazione, caratterizzato da una cilindrata di 3498 cm³ e da una potenza massima di 306 CV;
  • ML250 BlueTEC: si tratta del primo motore diesel a 4 cilindri montato su una Classe M. Caratterizzato da una cilindrata di 2143 cm³, grazie alla doppia sovralimentazione mediante due turbocompressori, è possibile raggiungere una potenza massima di 204 CV;
  • ML350 BlueTEC: versione con motore V6 turbodiesel da 2987 cm³ in grado di erogare fino a 258 CV di potenza massima.

La trazione è integrale permanente su tutte le versioni, così come identico per tutti i modelli è il cambio automatico 7G-Tronic Plus a 7 rapporti con dispositivo Stop & Start integrato. Il cambio prevede la leva sul piantone, posizionata in modo da permettere al conducente di non staccare mai le mani dal volante.

Telaisticamente vengono proposte sospensioni di tipo selettivo, così chiamate perché adattano immediatamente ed automaticamente la rigidità degli ammortizzatori a seconda delle situazioni. Le due versioni con motore V6 montano anche le sospensioni pneumatiche AIRMATIC Dual Control, ottenibili invece a richiesta sulla ML250. L'impianto frenante prevede quattro freni a disco autoventilanti su tutte le versioni, tranne che nella ML250 che monta dischi pieni al retrotreno. Lo sterzo è elettro-meccanico con servoassistenza ad incidenza variabile sia a seconda della velocità, sia che si stia eseguendo una manovra in spazi stretti. A questo proposito vale la pena evidenziare come la W166 sia la vettura con il minor diametro di svolta della sua categoria.[senza fonte]

Allestimenti e dotazioni[modifica | modifica wikitesto]

Al suo debutto, la W166 è stata proposta in due livelli di allestimento, denominati Sport e Premium, più un allestimento speciale denominato Edition 1, limitato a pochi esemplari e che serve a celebrare il debutto del nuovo modello. Più in dettaglio, questi sono gli equipaggiamenti di serie previsti per i due livelli di allestimento:

  • Sport, livello di accesso alla gamma, la cui dotazione include: ABS, BAS, ESP, ASR, doppio airbag frontale, airbag laterali anteriori, airbag per le ginocchia lato conducente, airbag per il torace, airbag a tendina, climatizzatore bi-zona, freno a mano elettronico con rilascio automatico in partenza, fendinebbia a LED, luci di posizione laterali a LED e fibre ottiche, cinture di sicurezza con cicalino di avviso cinture non allacciate, volante multifunzione a 4 razze regolabile in altezza e profondità, retrovisori esterni regolabili elettricamente, ripiegabili elettricamente e riscaldabili, cruise control, tergicristallo con sensore pioggia, sedili anteriori regolabili in altezza ed inclinazione dello schienale, battitacco anteriori con scritta Mercedes-Benz, dispositivo Attention Assist, chiave elettronica, cofano motore attivo, sistema Pre-Safe, sensore pneumatici, serrature porta a chiusura automatica a veicolo in movimento, cerchi in lega da 19 pollici (per la ML250) o da 20 pollici (per le altre due versioni), interni in ecopelle e tessuto, impianto audio con display da 5 pollici, lettore CD MP3, presa Aux e 8 altoparlanti.
  • Premium, livello superiore, che prevede quanto già visto per il livello Sport, con in più: carrozzeria con appendici sportive AMG-Style, freni a disco forati, cerchi in lega da 20 pollici su tutte le versioni (anche per la ML250), vetri laterali posteriori oscurati, lunotto oscurato, interni in ecopelle, retrovisore interno ed esterno sinistro antiabbagliamento, sistema multimediale con impianto audio con lettore CD MP3, navigatore satellitare con cartografia europea 3D, prese USB, Aux ed SD, display da 7 pollici, rilevatore di segnali di limite di velocità.

Tra gli optional c'è il pacchetto On&OffRoad, che prevede: differenziale centrale autobloccante, cambio automatico con convertitore di coppia a doppio stadio e con sei programmi di marcia, protezioni sottoscocca supplementari, sospensioni AIRMATIC ottimizzate ed adattate all'eventuale utilizzo fuoristrada, altezza da terra aumentabile fino a 285 mm, possibilità di guado fino ad una profondità di 600 mm.

Tra gli altri optional vi sono: tetto apribile normale o panoramico, cerchi in lega da 21 pollici, climatizzatore automatico tri-zona, sedili anteriori con memoria, sedili anteriori riscaldabili, dispositivo Active Curve System (non per la ML250) che stabilizza e riduce il rollio in curva, airbag laterali posteriori, sistema Night View ad infrarossi, telecamera posteriore, sistema di infotainment per passeggeri posteriori (display da 8 pollici dietro i poggiatesta anteriori e cuffie wireless) e funzione TV.

Quanto alla versione Edition 1, si tratta di un'edizione speciale limitata a pochi esemplari, comprendente quanto già visto nel livello Premium, ma con in più alcuni accessori previsti solo a pagamento nelle altre due versioni, tra cui gli interni in pelle Nappa, gli inserti in frassino, i sedili anteriori riscaldabili con memoria e gli airbag laterali posteriori.

Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni di carriera[modifica | modifica wikitesto]

La produzione ha inizio subito dopo la presentazione ufficiale, nello stabilimento di Tuscaloosa (Alabama, USA), esattamente come la sua progenitrice.

Vista laterale di una ML 63 AMG

All'inizio del 2012, è già possibile ordinare la versione AMG, denominata ML63 AMG: questa versione è equipaggiata con un motore V8 da 5461 cm³ dotato di doppia sovralimentazione ed in grado di sviluppare fino a 525 CV di potenza massima. Con il pacchetto Performance si arriva a 557 CV. La ML63 AMG è equipaggiata di serie con le sospensioni pneumatiche AIRMATIC a gestione elettronica, nonché del cambio automatico sequenziale AMG Speedshift Plus 7G-Tronic. Contemporaneamente alla AMG è stata introdotta la ML500, versione intermedia tra la ML350 e la stessa AMG: equipaggiata con il nuovo V8 biturbo da 4.7 litri, questa vettura dispone di 408 CV di potenza massima. L'ultimo aggiornamento prima del restyling si ha nel gennaio 2015, quando la ML 350 esce di scena, sostituita dalla ML 400, equipaggiata con il V6 biturbo da 3 litri in grado di erogare fino a 333 CV.

Il restyling: nasce la GLE[modifica | modifica wikitesto]

Vista posteriore di una GLE350 d

Tre mesi dopo, al salone dell'automobile di New York è stata presentata la versione restyling della gamma W166. Ma proprio nei primi mesi del 2015 è stato messo in atto dalla casa tedesca un programma di standardizzazione delle denominazioni commerciali dei SUV e crossover SUV Mercedes-Benz. Così, la W166 ristilizzata prende il nome di Classe GLE .

Anteriore di una Mercedes GLE W166 del 2014

Rispetto alla precedente W166 è stata ridisegnata la calandra, ora a due soli listelli orizzontali anziché tre, e con un logo più grande. Ridisegnati anche i paraurti: quello anteriore presenta nuove prese d'aria laterali di maggiori dimensioni. Anche i gruppi ottici anteriori hanno ricevuto un taglio più affine al contemporaneo corso stilistico della casa di Stoccarda, mentre per quelli posteriori sono state ridisegnate le grafiche e quindi la disposizione delle varie luci. Quest'ultima novità è stata proposta per la prima volta anche con carrozzeria profilata in maniera tale da competere nel segmento di mercato che fino a quel momento aveva visto come protagonista la BMW X6. La versione "simil coupé" denominata GLE Coupé (codice di progetto: C292) è stata la prima GLE a debuttare, mentre la versione corrispondente alla classica W166 post-restyling è stata prevista solo in un secondo momento, in maniera tale da permettere la commercializzazione delle ultime novità previste per la terza generazione della Classe M, ossia la W166 pre-restyling, ormai prossima al pensionamento definitivo. Ciononostante, la casa tedesca ha diffuso già dalla primavera le caratteristiche della gamma della W166 restyling su carta e web, compresa la gamma motori e già dalla fine del mese di aprile, il listino ufficiale presente sul sito tedesco non comprende più la Classe M, ma già la Classe GLE modello W166. Le motorizzazioni previste per la GLE W166 sono le stesse della precedente W166, ma con in più alcune novità, come ad esempio la GLE 500e, primo SUV ibrido della Mercedes. Si tratta di una motorizzazione ibrida che abbina il motore V6 della GLE 400 (quindi con le stesse caratteristiche del motore della vecchia ML400) ad un motore elettrico da 116 CV. Un'altra versione inedita introdotta con l'arrivo della GLE è stata la GLE 450 AMG equipaggiata con un motore V6 biturbo da 3 litri, lo stesso della GLE 400, ma con potenza portata a 367 CV. Fra le altre novità introdotte con la GLE W166 si ha l'arrivo del nuovo cambio automatico sequenziale a 9 rapporti in abbinamento alle motorizzazioni diesel, ma anche il debutto del primo SUV extra-large della casa a trazione posteriore, ossia la GLE 250d, presente comunque in gamma anche con trazione integrale. All'inizio del 2016, la GLE 500 riceve un surplus di potenza, raggiungendo così 455 CV di erogazione massima. Nel luglio dello stesso anno, la GLE 450 AMG cambia denominazione in GLE 43 AMG, ma rimane equipaggiata con lo stesso propulsore da 367 CV, che un anno dopo verrà portato fino a 390 CV.

Riepilogo caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Modello Sigla modello Motore Cilindrata
cm³
Potenza
CV/rpm
Coppia
Nm/rpm
Cambio Massa a vuoto
(kg)
Velocità
max
Acceler.
0–100 km/h
Consumo
(l/100 km)
Emissioni CO2
(g/km)
Anni di
produzione
Versioni a benzina
ML350 4Matic 166.057 M276DE35 3498 306/6500 370/
3500-5250
Automatico
a 7 rapporti
2.065 235 7"6 8.8 206 11/2011-12/2014
ML400 4Matic 166.056 M276DEH30LA 2996 333/
5250-6000
480/
1600-4000
2.055 247 6"1 9.2 215 01/2015-04/2015
GLE400 4Matic dal 05/2015
GLE450 AMG 4Matic 166.064 367/
5500-6000
520/
2000-4000
Automatico
a 9 rapporti
2.105 250 5"7 9.3 199 05/2015-07/2016
GLE 43 AMG 4Matic 07/2016-07/2017
390/6100 520/
2500-5000
Automatico
a 7 rapporti
205 dal 07/2017
ML500 4Matic1 166.073 M278DE46AL red. 4663 408/5250 600/
1600-4750
Automatico
a 7 rapporti
2.160 250 5"6 11 258 02/2012-04/20151
GLE 500 4Matic 435/5250 700/
1800-4000
Automatico
a 9 rapporti
5"3 05/2015-12/2015
M278DE46AL 455/5250-5500 11.1 247 01/2016-12/2017
ML63 AMG 4Matic 166.074 M157DE55AL 5461 525/5250 700/
1750-5000
Automatico AMG a 7 rapporti 2.270 4"8 11.8 276 01/2012-04/2015
GLE 63 AMG 4Matic 557/5750 700/
1750-5500
4"3 dal 05/2015
ML63 AMG 4Matic
Performance
557/5750 760/
2000-5000
280 4"7 01/2012-04/2015
GLE 63 AMG S 4Matic 166.075 585/5500 760/
1750-5250
2503 4"2 dal 05/2015
Versioni a gasolio
GLE 250d 166.006 OM651DE22LA 2143 204/4200 500/
1600-1800
Automatico
9 rapporti
2.000 210 8"6 5.4 149 dal 05/2015
ML250 4Matic
BlueTEC
166.004 Automatico
7 rapporti
2.075 9" 6.5 170 11/2011-04/2015
GLE 250d 4Matic Automatico
9 rapporti
2.075 8"6 5.7 156 dal 05/2015
ML350 4Matic
BlueTEC
166.024 OM642LSDE30LA 2987 258/3600 620/
1600-2400
Automatico
7 rapporti
2.100 224 7"4 7.4 194 11/2011-04/2015
GLE 350 4Matic Automatico
9 rapporti
225 7"1 6"4 169 dal 05/2015
Versioni ibride
GLE 500e 4Matic 166.063 M276DE30AL +
motore elettrico
2996 4422 6502 Automatico
7 rapporti
2.390 245 5"3 3.5 80 dal 05/2015
Note:
1Disponibile nel mercato italiano solo dal dicembre 2012
2I valori massimi di potenza e coppia motrice sono indicati dalla Casa costruttrice come i valori più alti ottenuti durante il funzionamento simultaneo di entrambe le unità motrici, quella termica (da 333 CV) e quella elettrica (da 116 CV). Non corrispondono perciò al totale delle potenze e delle coppie massime dei due motori.

3Fino a 280 km/h con il pacchetto AMG Driver's Package

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Test Euro NCAP del 2012, su euroncap.com. URL consultato il 27 dicembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili