Mercedes-Benz M177 e M178

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I motori Mercedes-Benz M177 e M178 sono due varianti di un medesimo motore V8 a ciclo Otto prodotto a partire dal 2014 dalla AMG, reparto sportivo della casa madre Mercedes-Benz.

Profilo[modifica | modifica wikitesto]

Vista di un motore M178 sotto il cofano di una AMG GT

Questo motore è stato presentato nel marzo del 2014 al Salone di Ginevra, ed è stato destinato fin da subito ad equipaggiare la vettura sportiva AMG GT, erede della SLS AMG, e le versioni AMG della gamma W205. Mentre nella prima applicazione questo motore prende il codice M178, nella seconda è invece codificato come M177. In seguito, la gamma delle sue applicazioni si è estesa anche ad altri modelli Mercedes-Benz e ne è stata derivata una terza variante denominata M176.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

I motori M177 ed M178 sono due motori da 4 litri di cubatura e ognuno di essi nasce dall'unione di due unità AMG da 2 litri ciascuna. In particolare, queste unità da 2 litri sono le M133 già montate sulla potente A45 AMG, ossia la versione di punta della terza generazione della Classe A. Del 2 litri originario sono state mantenute le misure di alesaggio e corsa, e quindi è rimasta invariata anche la cilindrata di ogni singola bancata, per cui l'intera unità possiede una cilindrata esattamente doppia rispetto al motore M133.

Motore M177 montato su una Classe C 63 AMG

Lo sviluppo dell'unità motrice è stato basato su requisiti di compattezza ed è proprio per soddisfare tali requisiti che sono state adottate alcune soluzioni particolari, fra le quali quella di collocare le valvole di scarico e i due turbocompressori all'interno della V di 90° del motore. Per questo motivo, tale nuovo V8 viene definito "a V interna calda", mentre le valvole di aspirazione sono all'esterno delle bancate. Un'altra novità presente in questo motore è la realizzazione delle due testate in lega leggera arricchita con zircone, in maniera tale da renderlo più resistente alle notevoli sollecitazioni termiche cui viene sottoposto.

L'alimentazione è affidata ad iniettori di tipo piezoelettrico con pressioni di alimentazione comprese fra 100 e 200 bar[1], mentre la pressione di sovralimentazione è pari a 1,2 bar. I cilindri sono stati realizzati utilizzando la tecnologia Nanoslide, che permette una riduzione degli attriti fra le parti in movimento radente. Il motore è dotato di un sistema di raffreddamento a liquido, dispone inoltre di intercooler per il sistema di sovralimentazione.

I motori M177 ed M178 sono caratterizzati da un peso di 209 kg, facendone i più leggeri propulsori nella loro categoria. Una delle principali differenze fra le due varianti motoristiche sta nel sistema di lubrificazione, del tipo a carter secco nel motore M178 e a carter umido nel motore M177. I due motori sono stati realizzati in due livelli di prestazioni ognuno.

Di seguito ne vengono riepilogate le caratteristiche:

Come già menzionato in precedenza, esiste anche una terza variante derivata direttamente da questi motori. Questo motore prende la sigla di M176DE40AL, ha debuttato nella variante da 422 CV sotto il cofano dello storico fuoristrada della Casa di Stoccarda, ossia la Classe G, più precisamente nei modelli G500 e G500 4x42, entrambe prodotte a partire dal 2015. In seguito è stata proposta anche in un secondo livello di potenza, e cioè 469 CV, utilizzato in alcuni modelli della Classe S berlina, limousine, coupé e cabrio. La differenza principale fra il motore M176 e gli altri due, sta nel fatto di non essere stato sottoposto alle cure del reparto sportivo Mercedes-AMG, ma di essere assemblato solo sotto gli occhi dei tecnici Mercedes-Benz e presso lo stabilimento di Stoccarda-Untertürkheim.

Applicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nella seguente tabella vengono riassunte le differenze principali fra i due motori, le prestazioni e le applicazioni:

Variante Lubrificazione Potenza
CV/rpm
Coppia
Nm/rpm
Applicazioni Anni di
produzione
M176DE40AL Carter umido 422/6000 530/
2800-4800
Mercedes-Benz G500 4x42 W463 dal 03/2015
Mercedes-Benz G500 W463 dal 06/2015
469/
5250-5500
700/
2000-4000
Mercedes-Benz S 560 W222 / V222 dal 06/2017
Mercedes-Benz S 560 Coupé C217 dal 09/2017
M177DE40AL 476/
5500-6250
650/
1750-4500
Mercedes-Benz C63 AMG W205 dal 11/2014
Mercedes-Benz GLC 63 AMG X253 dal 04/2017
510/
5500-6250
700/
1750-4500
Mercedes-Benz C63 AMG S W205 dal 11/2014
Mercedes-Benz GLC 63 AMG S X253 dal 04/2017
571/
5750–6500
750/
2250–5000
Mercedes-Benz E63 AMG 4MATIC+ W213 dal 03/2017
612/
5750-6500
850/
2500-4500
Mercedes-Benz E63 S AMG 4MATIC+ W213 dal 03/2017
900/
2750-4500
Mercedes-Benz S 63 AMG S 4MATIC+ dal 06/2017
Mercedes-Benz S 63 AMG S 4MATIC+ dal 09/2017
M178DE40AL Carter secco 462/6000 600/
1600-5000
Mercedes-Benz AMG GT dal 11/2014
510/6250 650/
1750-4750
Mercedes-Benz AMG GT S dal 11/2014
557/
5750-6750
680/
1900-5750
Mercedes-Benz AMG GT C Roadster dal 01/2017
585/
6250
700/
1900-5500
Mercedes-Benz AMG GT R dal 01/2017

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]