Mercedes-Benz W246

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mercedes-Benz Classe B
Mercedes-Benz B 180 BlueEFFICIENCY (W 246) – Frontansicht, 10. März 2012, Düsseldorf.jpg
La W246
Descrizione generale
Costruttore Germania  Mercedes-Benz
Tipo principale Monovolume
Produzione dal 2011
Sostituisce la Mercedes-Benz W245
Euro NCAP 5 stelle
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4359 mm
Larghezza 1786 mm
Altezza 1557 mm
Passo 2699 mm
Massa da 1395 a 1650 kg
Altro
Stile Gordon Wagener
Stessa famiglia Mercedes-Benz W176, Classe CLA e Classe GLA
Infiniti Q30 e QX30
Auto simili BMW Serie 2 Active Tourer
Citroen C4 Picasso
Ford C-Max
Opel Meriva B
Renault Scénic Mk2 e Scénic X-Mod
Mercedes-Benz B 180 BlueEFFICIENCY (W 246) – Heckansicht, 10. März 2012, Düsseldorf.jpg
Vista posteriore

La Mercedes-Benz W246 (W242 per le versioni elettrica e a metano) è una monovolume compatta prodotta a partire dal 2011 dalla Casa automobilistica tedesca Mercedes-Benz e corrispondente alla seconda generazione della cosiddetta Classe B.

Storia e profilo[modifica | modifica wikitesto]

Genesi e debutto[modifica | modifica wikitesto]

Se la nascita della prima generazione della Classe B, la T245, è avvenuta in un periodo tormentato come quello che ha visto il declino del gruppo DaimlerChrysler poco tempo dopo la sua formazione, la seconda generazione della monovolume è avvenuta durante la grave recessione nel mercato automobilistico che ha accompagnato il periodo a cavallo tra il primo ed il secondo decennio del XXI secolo. Mercedes-Benz quindi per la nuova generazione della Classe B scelse di non avvalersi più del sofisticato e costoso pianale a sandwich, bensì di un pianale di tipo convenzionale. In questo modo ne hanno beneficiato i costi di produzione. Dopo la diffusione, nella prima metà del 2011, dei primi rendering grafici della stampa specializzata e la presentazione di un primo prototipo definitivo, la nuova Classe B, codificata con la sigla W246, fa il suo debutto ufficiale al Salone dell'automobile di Francoforte, ma la commercializzazione effettiva non verrà avviata che due mesi dopo, a novembre.

Impatto visivo ed interni[modifica | modifica wikitesto]

Fin dal primo impatto visivo, la nuova W246 rivela un'impostazione differente rispetto al modello precedente, pur mantenendo un corpo vettura da monovolume di taglia media. L'utilizzo di un pianale convenzionale, ha permesso di ridurre l'altezza del corpo vettura. Nel suo complesso la W246 risulta più bassa di 5 cm, mentre l'altezza dei sedili dal piano stradale risulta inferiore di 8.6 cm. viene ridotto il Cx, ora pari 0.26.
Dal punto di vista dello stile, l'équipe guidata dal responsabile del design Gordon Wagener ha disegnato un corpo vettura che riprende il family feeling con altri modelli della Casa lanciati poco tempo prima. Tra questi va ricordata la seconda generazione della CLS, così come la SLK R172 e la Classe M W166, ecc). Di nuovo disegno è anche il disegno dei paraurti anteriori, con due prese d'aria laterali nelle quali trovano posto i fari fendinebbia. La fiancata è mossa da due nervature laterali: una appena sotto la linea delle maniglie porta, che si spegne a metà della portiera posteriore, e l'altra più in basso, più lunga e che nella zona posteriore piega verso l'alto, arrivando quasi in corrispondenza con i fari posteriori. Anche il padiglione tende ad inclinarsi nella zona posteriore. Gli interni propongono anch'essi alcuni elementi già visti su altri recenti modelli del marchio, come il volante multifunzione a tre razze, la pedaliera traforata in alluminio oppure le bocchette di climatizzazione in stile aeronautico, viste per la prima volta nella SLS AMG. Nonostante la ridotta altezza da terra dei sedili, pensata unicamente per agevolare l'accesso ai sedili stessi, la posizione di guida rimane alta.

Struttura, motori e meccanica[modifica | modifica wikitesto]

La W246 nasce su un pianale non più a sandwich, ma di tipo modulare. Per quanto riguarda le sospensioni è previsto un avantreno di tipo MacPherson con molle elicoidali ed ammortizzatori a doppio tubo, mentre il retrotreno è un multilink a 3 bracci e mezzo (3+1), sempre con molle elicoidali, ma in questo caso con ammortizzatori mono-tubo. L'impianto frenante prevede invece freni a disco sulle quattro ruote, dei quali quelli anteriori di tipo autoventilante. Nuovo è lo sterzo, di tipo elettromeccanico, con servosterzo elettrico in grado di intervenire solo in caso di sterzata, senza rimanere sempre attivato, e richiedendo così un minor fabbisogno energetico.
Al suo debutto, la W246 è prevista in due motorizzazioni, una a benzina e l'altra a gasolio, entrambe del tutto inedite, ed ognuna delle quali in due livelli di potenza:

  • B180, equipaggiata dal nuovo motore M270 da 1595 cm³ con sovralimentazione mediante turbocompressore e potenza massima di 122 CV;
  • B200, equipaggiata dallo stesso motore, ma con potenza portata a 156 CV;
  • B180 CDI, spinta dal nuovo propulsore OM651 turbodiesel common rail da 1796 cm³, con potenza massima di 109 CV;
  • B200 CDI, equipaggiata con lo stesso propulsore della B180 CDI, ma con potenza portata a 136 CV.

Due le tipologie di trasmissione inizialmente previste di serie per la gamma W246: si tratta di un cambio manuale a 6 marce, montata su tutta la gamma tranne che sulla B180 CDI che monta invece un cambio a doppia frizione a 7 rapporti.

Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

La versione a metano, qui alla sua presentazione a Parigi nel 2012: arriverà sul mercato pochi mesi dopo

La produzione viene quindi avviata negli allestimenti e nelle motorizzazioni previste. Dall'estate 2012, diviene ordinabile anche la B250 BlueEFFICIENCY (sebbene la commercializzazione ufficiale sia stata dichiarata per il settembre successivo), spinta da un motore M270 da 2 litri, anch'esso sovralimentato ed in grado di erogare fino a 211 CV di potenza massima. Anch'esso monta di serie un cambio robotizzato a 7 rapporti. Nel mese di settembre dello stesso anno, al Salone di Parigi, è stata presentata la Concept Electric Drive, una Classe B completamente elettrica che prelude al programma di mobilità sostenibile ad emissioni zero varato da Mercedes-Benz. Il prototipo presentato alla kermesse francese era equipaggiato con un'unità elettrica da 136 CV di potenza massima e 310 Nm come picco di coppia.
Dal mese di dicembre entra in listino anche la B220 CDI, spinta dall'ormai pluricollaudato motore OM651 da 2.1 litri con doppia sovralimentazione e potenza massima di 170 CV, mentre un mese dopo, nel gennaio del 2013, la gamma si allarga con l'arrivo della versione bi-fuel, la B200 Natural Gas Drive, in cui il tradizionale motore M270 da 2 litri viene qui proposto in versione depotenziata a 156 CV e può essere alimentato anche a metano. In Italia, però, tale versione arriverà solo tre mesi dopo.
Alla fine della primavera del 2013, il listino si amplia ulteriormente con l'arrivo di una variante particolare della B180 CDI, spinta da un motore da 1461 cm³ denominato OM607 e strettamente imparentato con quello utilizzato ormai da diversi anni dalla Renault e dalla Nissan per i loro modelli di fascia media e bassa. Tale motore eroga anch'esso una potenza massima di 109 CV come il 1.8 diesel, ma entrambi vengono proposti a listino in contemporanea. Dalla fine di agosto dello stesso anno, diviene ordinabile anche la versione base della gamma diesel: la B160 CDI, mossa dal motore di origine Renault già montato sulla B180 CDI 1.5, ma depotenziato a 90 CV (pari a 66 Kw). Contemporaneamente, nei listini compare anche la B220 4MATIC, prima Classe B a poter usufruire della trazione integrale. Il motore è una versione potenziata a 184 CV del motore della B200.

La Electric Drive esposta a Francoforte nell'autunno 2013: debutterà solo un anno dopo

Nell'autunno 2014 a Parigi è stato svelato il restyling di mezza età del modello: tale aggiornamento è stato discreto esternamente, dove si intravede un nuovo paraurti con prese d'aria di maggiori dimensioni ed una nuova griglia. Rivisitati anche i fari, sia anteriori che posteriori, con nuove grafiche e tecnologia a led integrata[1]. Alcuni aggiornamenti di dettaglio si sono avuti anche all'interno, ma le novità più consistenti sono state quelle tecniche, dove si ha l'arrivo della trazione integrale anche per la B250, mentre sul fronte diesel, la B220 CDI riceve sette CV in più rispetto a prima e viene anch'essa proposta sia a trazione anteriore che a trazione integrale. Entrambe queste soluzioni divengono disponibili anche nella B200 CDI, fino a quel momento proposta solo con trazione anteriore. Quest'ultima, tra l'altro abbandona il 1.8 a gasolio in favore dell'unità da 2.1 litri della stessa famiglia di motori, più ricca di coppia in basso. In generale, poi, i motori subiscono alcune rivisitazioni atte e migliorare leggermente le prestazioni e a ridurre i consumi e le emissioni nocive. Viene inoltre confermata la motorizzazione bi-fuel benzina/metano. L'aggiornamento di mezza età della monovolume di Stoccarda ha coinciso anche con l'annuncio del lancio della versione definitiva della Classe B Electric Drive, ossia la variante a sola trazione elettrica. In realtà la presentazione ufficiale del modello definitivo si è avuta già un anno prima a Francoforte. Inoltre i primi esemplari furono già assemblati nel mese di aprile del 2014[2], ma le ordinazioni del modello si sono aperte solo in autunno[3], mentre tale versione è comparsa nei listini solo a partire dalla fine dello stesso anno[4]. La vettura è spinta da un motore elettrico asincrono in grado di raggiungere una potenza di picco pari a 179 CV (ma quella continua è di 88 CV). L'alimentazione avviene invece mediante una batteria da 28 kWh agli ioni di litio. La velocità massima è autolimitata a 160 km/h e l'autonomia massima è invece di 200 km. Assieme alla versione a metano, la Electric Drive è l'unico modello della gamma a veder mutare la propria sigla di progetto in W242.

Nel settembre 2015 la gamma si estende verso il basso con l'arrivo della B160 a benzina, spinta da un 1.6 da 102 CV. Contemporaneamente, per uniformarsi ai criteri di denominazione utilizzati di recente negli ultimi modelli della Casa, tutte le versioni a gasolio perdono la sigla CDI. Al suo posto viene invece utilizzata una semplice lettera d. Così, ad esempio, la B180 CDI diviene B180 d. Due anni e mezzo in cui la gamma è rimasta invariata, nel marzo del 2018 sono uscite di listino le due versioni "verdi" della gamma, ossia la versione a metano e quella a trazione elettrica.

Nel 2019 sarà attesa la nuova erede che manderà in pensione la w246.

Riepilogo caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito vengono riportate le principali caratteristiche tecniche delle versioni previste per la gamma W246. I prezzi riportati si riferiscono al livello di allestimento più basso ed al momento del debutto nel mercato italiano:

Modello Codice modello Motore Cilindrata
cm³
Potenza
CV/rpm
Coppia
Nm/rpm
Trazione Cambio/
N°rapporti
Massa a vuoto
(kg)
Velocità
max
Acceler.
0–100 km/h
Consumo
(l/100 km)
Emissioni CO2
(g/km)
Anni di
produzione
Versioni a benzina
B160 246.241 M270DE16AL red. 1595 102/
4500-6000
180/
1200-3500
A Manuale
6 marce
1.320 190 10"7 5.5 126 dal 09/2015
B180 246.242 122/5000 200/
1250-4000
190 10"4 6.2 144 11/2011-11/2014
200 9"3 5.4 129 dal 11/2014
B200 246.243 M270DE16AL 156/5000 250/
1250-4000
220 8"6 6.2 144 11/2011-11/2014
5.6 130 dal 11/2014
B220 4MATIC 246.247 M270DE20AL 1991 184/5000 300/
1250-4000
I Doppia frizione
7 rapporti
1.455 225 7"5 6.5 151 dal 09/2013
B250 246.244 211/5500 350/
1250-4000
A 1.400 240 6"8 6.2 dal 09/2012
B250 4MATIC 246.246 I 1.430 235 6"7 6.6 154 dal 11/2014
Versioni a gasolio
B160 CDI 246.211 OM607DE15LA red. 1461 90/4000 240/1750-2750 A Manuale
6 marce
1.360 180 13"8 4.5 98-105 dal 09/2013
B180 CDI (1.5) 246.212 OM607DE15LA 109/4000 260/
1750-2500
1.400 190 11"3 dal 06/2013
B180 CDI (1.8) 246.200 OM651DE18LA red. 1796 109/
3200-4600
250/
1400-2800
Doppia frizione 7 rapporti 1.475 10"8 4"6 121 dal 11/2011
B200 CDI 246.201 OM651DE18LA 136/
3600-4400
300/
1600-3000
Manuale
6 marce
210 9"5 4.6 121 11/2011-11/2014
246.208 OM651DE22LA red. 2143 136/
3200-4000
300/
1400-3000
1.400 210 9"5 4.4 115 dal 11/2014
B200 CDI 4MATIC 246.202 OM651DE22LA red. 2143 136/
3200-4000
300/
1400-3000
I 1.500 207 9"8 5 131 dal 11/2014
B220 CDI 246.203 OM651DE22LA 170/
3400-4000
350/
1400-3400
A Doppia frizione 7 rapporti 1.425 220 8"3 4.7 120 12/2012-11/2014
177/
3600-3800
1.430 224 8"3 4.3 111 dal 11/2014
B220 CDI 4MATIC 246.205 I 1.500 220 5 131 dal 11/2014
Versione bi-fuel
B200 Natural Gas Drive 242.848 M270DE20AL red. 1991 156/5000 270/
1250-4000
A M/6 1.430 200 9"2 61 119 01/2013-03/2018
Versione elettrica
B Electric Drive 242.890 Motore asincrono con batteria da 28 kWh agli ioni di litio - 1792/
9900-12500
340 A Monomarcia 1.650 160 7"9 16.63 0 11/2014-03/2018
Note:
1Il dato riportato indica i litri di benzina ogni 100 km: in caso di marcia a metano il consumo dichiarato è di 4.4 kg ogni 100 km
2Il dato dichiarato si riferisce alla potenza massima: quella continua è di 88 CV[5]
3Il dato va inteso espresso in kWh/100 km.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili