Fracchia contro Dracula

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fracchia contro Dracula
Fracchia contro Dracula.png
Fracchia e Dracula
Titolo originale Fracchia contro Dracula
Paese di produzione Italia
Anno 1985
Durata 88 min
Colore colore
Audio SR Dolby Stereo
Genere commedia
Regia Neri Parenti
Soggetto Neri Parenti, Franco Marotta, Laura Toscano e Paolo Villaggio
Sceneggiatura Neri Parenti, Franco Marotta, Laura Toscano, Paolo Villaggio
Produttore Bruno Altissimi, Claudio Saraceni
Scenografia Giovanni Licheri
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Fracchia contro Dracula è un film del 1985, diretto dal regista Neri Parenti.

È la seconda delle tragicomiche avventure dell'impacciato, timidissimo e non troppo coraggioso geometra Giandomenico Fracchia, libera parodia del romanzo di Bram Stoker sul mito del principe dei vampiri, il conte Dracula. Da segnalare l'inconsueta presenza di un personaggio della serie di Fantozzi, ossia il ragionier Filini.

Il film, pur essendo diretto dallo stesso regista e interpretato dallo stesso attore, non è un sequel di Fracchia la belva umana.

Degna di nota l'inconsueta presenza di Luciano Tovoli alla fotografia e Bruno Zambrini alle colonne sonore.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'agente immobiliare Giandomenico Fracchia rischia d'essere licenziato se entro pochi giorni non riuscirà a vendere qualcosa. Cerca allora di rifilare al ragionier Filini, semi-cieco, un castello in Transilvania.

Il castello è però abitato dal conte Dracula insieme alla sorella, la contessina Oniria, fidanzata del mostro Frankenstein. I due vampiri passano le loro giornate dormendo nelle rispettive bare e di notte, terrorizzano e azzannano la gente nei dintorni.

Il castello di Fénis in Valle d'Aosta dove sono girati gli esterni del film.

Arrivati al Castello, Fracchia inizia a trattare la vendita con Dracula, sempre nascondendo faticosamente al miope Filini la vera natura del posto. A un certo punto sopraggiunge una certa Luna, sorella di un ammazzavampiri ucciso da Oniria; Dracula, che la fa mettere in prigione, ma viene liberata da Fracchia e Filini: i tre decidono quindi di fuggire insieme dal castello.

Alcune immagini del film[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Filmtv, Commento breve del film su FilmTV.it, Filmtv. URL consultato il 5 novembre 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema