Max Schreck

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Max Schreck nel 1922

Friedrich Gustav Max Schreck (Berlino-Friedenau, 6 settembre 1879Monaco di Baviera, 20 febbraio 1936) è stato un attore tedesco, divenuto celebre quando Friedrich Wilhelm Murnau lo scelse per interpretare il ruolo del Conte Orlok nel suo capolavoro Nosferatu il vampiro, del 1922.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Terminata la formazione artistica presso il Berliner Staatstheater, fece una tournée di due anni lavorando, tra gli altri, a Zittau, Erfurt, Brema, Lucerna, Gera e Francoforte sul Meno. Nel 1910 si sposò con l'attrice Franziska Ott, che da quel momento assunse il nome d'arte di Fanny Schreck.

Dal 1919 al 1922 Schreck lavorò presso la Münchner Kammerspiele.[1] Nel 1922 fu ingaggiato dalla Prana Film per l'unica produzione di questa società, Nosferatu il vampiro, in cui interpretava il conte-vampiro Orlok. Questo film di Friedrich Wilhelm Murnau gli diede visibilità su scala mondiale.[1]

Nel 1923 Schreck recitò nel dramma sociale La strada di Karl Grune, mentre nel 1925 ricevette ottime critiche per il ruolo del farmacista in Krieg im Frieden di Carl Boese. Nel 1927 lavorò nuovamente con Grune nel film pacifista Am Rande der Welt.

Dopodiché tornò alla Kammerspiele di Monaco, lavorando sia in teatro che in altri film muti insieme a Max Ophüls, Bertolt Brecht e Karl Valentin. Complessivamente partecipò in oltre quaranta film nei ruoli più variegati (tra questi in Ritter der Nacht del 1928). Nel 1934 doppiò l'abate Faria nella versione tedesca di Rowland V. Lee de Il conte di Montecristo. Per tutto il mese di febbraio 1933 recitò nello spettacolo di cabaret di Erika Mann "Die Pfeffermühle" presso la Münchner Bonbonniere. Recitava nel secondo programma di questo spettacolo antifascista dal titolo "Il cuoco".

Schreck morì improvvisamente all'età di 56 anni dopo aver recitato in teatro nei panni del grande inquisitore nel Don Carlos. Il 14 marzo 1936 fu sepolto al cimitero Wilmersdorfer Waldfriedhof di Güterfelde, presso Berlin (fossa U-UR 670). Nel 2011 venne realizzata una nuova lapide.[2]

La leggenda sullo Schreck vampiro fu utilizzata da E. Elias Merhige ne L'ombra del vampiro (2000), in cui Willem Dafoe interpreta il misterioso Max Schreck in una fittizia ricostruzione della lavorazione di Nosferatu di Murnau.

Leggende[modifica | modifica wikitesto]

Intorno alla figura del Conte Orlok (il nome fu cambiato da Dracula a Orlok per problemi di copyright), interpretato da Schreck nel film Nosferatu aleggiano alcune leggende; secondo alcuni[chi?], sotto il trucco mostruoso del conte Orlok non si celerebbe Schreck, ma lo stesso Murnau, irriconoscibile.[senza fonte] Altri sostengono invece che Murnau si sia recato nei Carpazi per cercare un vero vampiro. Le strane leggende sono state alimentate nel tempo anche a causa della curiosa coincidenza legata al significato del nome Max Schreck che, in tedesco, suona come "Massimo Spavento".

In realtà, benché la coincidenza del nome sia curiosa (e sia stata peraltro sfruttata dallo stesso Murnau), l'ipotesi dello Schreck attore è confermata dagli annali di teatro, dove tra i protagonisti minori vi sono citazioni riguardanti un tale Max Schreck, che nelle foto d'epoca appare sorridente ma sinistramente somigliante al conte Orlok.

Alla storia della lavorazione del film è dedicata una pellicola del 2000 del regista E. Elias Merhige, dal titolo L'ombra del vampiro, nella quale Murnau è interpretato da John Malkovich e Schreck da Willem Dafoe. Nella visione fornita dal film, si cavalca l'ipotesi, ovviamente frutto di fantasia, che Max Schreck fosse un vero e proprio vampiro e non un attore teatrale.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (DE) Max Schreck - Biographie, su film-zeit.de. URL consultato il 3 febbraio 2016.
  2. ^ (DE) Maximilian Schreck, su knerger.de. URL consultato il 3 febbraio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN44601890 · LCCN: (ENno99027039 · ISNI: (EN0000 0000 6314 1223 · GND: (DE12461874X · BNF: (FRcb15121209b (data)
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema