Finanze del granduca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Finanze del granduca
Titolo originale Die Finanzen des Großherzogs
Lingua originale tedesco
Paese di produzione Germania
Anno 1924
Durata 71 min 80 min (versione restaurata del 1995)
Colore B/N
Audio muto
Rapporto 1,33 : 1
Genere commedia drammatica
Regia Friedrich Wilhelm Murnau Edgar G. Ulmer (aiuto regista)
Soggetto dal romanzo Storhertigens finanser di Frank Heller
Sceneggiatura Frank Heller, Thea von Harbou
Produttore Erich Pommer Fritz Schwarz (direttore di produzione)
Casa di produzione Universum Film (UFA)
Fotografia Karl Freund e Franz Planer
Scenografia Erich Czerwonski e Rochus Gliese Edgar G. Ulmer (non accreditato)
Interpreti e personaggi

Finanze del granduca (Die Finanzen des Großherzogs) è un film muto del 1924 diretto da Friedrich Wilhelm Murnau.

La sceneggiatura, tratta dal romanzo Storhertigens finanser di Frank Heller, è firmata dallo stesso Heller e da Thea von Harbou.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il granduca di Soria sta facendo i salti mortali per riuscire a tirare avanti in mezzo ai debiti in cui affoga il suo staterello che si affaccia sul Mediterraneo, rifiutandosi oltretutto di vendere alcuni terreni ricchi di zolfo a un affarista senza scrupoli. Sarà salvato da una dama misteriosa che segue le sue mosse e che, alla fine, gli rivelerà la sua vera identità.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu prodotto dall'Universum Film (UFA) e venne girato in Germania (Neubabelsberg, Potsdam e agli Ufa-Atelier di Berlin-Tempelhof) e in Dalmazia, nell'isola di Arbe, a Spalato[1], a Zara e a Cattaro[2]. Le riprese durarono dal maggio al giugno 1923[3].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuito dall'Universum Film (UFA), uscì nelle sale cinematografiche tedesche il 7 gennaio 1924 presentato in prima a Berlino all'Ufa-Palast am Zoo[4].

La pellicola è stata masterizzata da una copia restaurata in 35 mm stampata dalla Cineteca Italiana di Milano, dalla Cineteca di Bologna e dal Münchner Stadtmuseum Filmmuseum con licenza della Friedrich-Wilhelm-Murnau-Stiftung[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ IMDb locations
  2. ^ Film Portal
  3. ^ IMDb business
  4. ^ Silent Era
  5. ^ Silent Era DVD

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema