L'espulsione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'espulsione
Titolo originaleDie Austreibung
Lingua originaletedesco
Paese di produzioneGermania
Anno1923
Durata40 min 1.557 metri (4 rulli)
Dati tecniciB/N
rapporto: 1.33 : 1
film muto
Generedrammatico
RegiaFriedrich Wilhelm Murnau
Soggettodal lavoro teatrale Die Austreibung (1905) di Carl Hauptmann
SceneggiaturaThea von Harbou
ProduttoreErich Pommer
Casa di produzioneDecla-Bioscop AG
FotografiaKarl Freund
MusicheHans Joseph Vieth
ScenografiaErich Czerwonski e Rochus Gliese
Interpreti e personaggi

L'espulsione (Die Austreibung) è un cortometraggio muto del 1923 diretto da Friedrich Wilhelm Murnau della durata di quaranta minuti.

Il film - basato sul lavoro teatrale di Carl Hauptmann e sceneggiato da Thea von Harbou - è andato distrutto durante la Seconda guerra mondiale.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Steyer vive tra i Monti dei Giganti insieme ai genitori e a Ludmila, la sua seconda moglie. La donna, giovane e bella, lo tradisce disinvoltamente con Lauer, un cacciatore, ma gli racconta che l'uomo li frequenta perché è innamorato di Änne, la figlia di primo letto di Steyer. Ingannato e fiducioso, Steyer va a ballare con la moglie e, ubriaco, vende la casa e cerca di combinare il matrimonio tra Lauer e Änne. Ma, in una notte, gli crolla il mondo addosso: non solo la moglie sparisce senza dirglia una parola, ma Steyer perde anche la casa dove viveva con tutta la famiglia.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu prodotto dalla Decla-Bioscop AG. Venne girato in Polonia, tra i Monti dei Giganti[1] (in polacco Karkonosze, in tedesco Riesengebirge), luogo di nascita di Carl Hauptmann, l'autore del dramma teatrale da cui prende spunto il soggetto del film.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuito dalla Decla-Film, uscì nelle sale cinematografiche tedesche dopo essere stato presentato a Berlino il 23 ottobre 1923 all'Ufa-Theater Kurfürstendamm[2]. In Germania è conosciuto con i titoli Die Austreibung e Die Austreibung - die Macht der zweiten Frau. Non si conoscono copie ancora esistenti della pellicola e il film viene considerato presumibilmente perduto[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema