Satana (film 1920)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Satana
Satanás 1.jpg
Titolo originaleSatanas
Paese di produzioneGermania
Anno1920
Durata60 min
Dati tecniciB/N
film muto
Generereligioso, drammatico, storico
RegiaFriedrich Wilhelm Murnau
SoggettoRobert Wiene
SceneggiaturaRobert Wiene
ProduttoreVictoria Film (Ernst Hofmann)
FotografiaKarl Freund
ScenografiaKarl Freund
Episodi

Satana è un film muto del 1920 in tre episodi, diretto da Friedrich Wilhelm Murnau.

Anche questo film di Murnau è andato perduto. Solo pochi metri di una pellicola riproducente il primo episodio sono sopravvissuti fino ad oggi e sono conservati presso la Cinémathèque Française di Parigi[1].

Si tratta di un film a episodi, forse influenzato da Intolerance di D. W. Griffith. A documentazione del film è rimasto uno scritto di Robert Wiene simile a una sceneggiatura e molto dettagliato.[2]

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Tra i protagonisti, nel ruolo di Lucifero in tutti e tre gli episodi che compongono il film, l'attore Conrad Veidt.

Primo episodio: Il tiranno (Der Tyrann)[modifica | modifica wikitesto]

Un fotogramma tratto dall'episodio Il tiranno

Il primo episodio del film è ambientato nell'antico Egitto.

Il cast è composto da:

Secondo episodio: Il principe (Der Furst)[modifica | modifica wikitesto]

Il secondo episodio è ispirato all'opera Lucrezia Borgia di Victor Hugo.

Il cast è composto da:

Terzo Episodio: Il conquistatore (Der Eroberer)[modifica | modifica wikitesto]

Il terzo episodio si svolge nella Zurigo del 1917, in concomitanza della Rivoluzione Russa.

Il cast è composto da:

Prima[modifica | modifica wikitesto]

La prima proiezione del film avvenne intorno al 30 gennaio 1920 al Richard Oswald-Lichspiele a Berlino.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Progressive Silent Film List: Satan, in Silent Era. URL consultato il 3 novembre 2008.
  2. ^ Lotte H. Eisner, Murnau. Vita e opere di un genio del cinema tedesco, pp. 119-123.
  3. ^ Lotte H. Eisner, Murnau. Vita e opere di un genio del cinema tedesco, pag. 273.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lotte H. Eisner, Murnau. Vita e opere di un genio del cinema tedesco, Alet Edizioni, Padova, settembre 2010 ISBN 978-88-7520-125-8
  • Pier Giorgio Tone, Murnau, Milano, Il Castoro, 1976.
  • Luciano Berriatúa, Los proverbios chinos de F.W. Murnau, 2 voll., Filmoteca Espaňola, Madrid 1990-1992. ISBN 84-86877-06-7
  • Hana Helmut Prinzler, Murnau. Ein Melancholiker des Films, Bertz, Berlin 2003. ISBN 3-929470-25-X

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema