Giuseppe Cederna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuseppe Cederna al Palazzo Chiericati di Vicenza per la lettura di La notte dei libri (2009)

Giuseppe Cederna (Roma, 25 giugno 1957) è un attore e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del giornalista, scrittore, ambientalista e politico italiano Antonio Cederna e nipote della scrittrice e giornalista Camilla Cederna, ha per nonno paterno il socio fondatore del Milan e calciatore Giulio Cederna.

Esordisce come attore cinematografico nel 1982 con Cercasi Gesù, di Luigi Comencini. Nel 1983 è protagonista, nel ruolo di un giullare, di uno spot per una marca di biscotti.

Dopo molto cinema d'autore, si fa notare in Fracchia contro Dracula (1985) di Neri Parenti, nel ruolo comico dell'orrido servitore gobbo Boris, che si esprime in striduli grugniti e a cui spesso viene staccata una mano, che prontamente e come nulla fosse si riattacca.

Tra le sue interpretazioni più note vi è la parte del soldato Antonio Farina, follemente innamorato di una prostituta che poi sposerà, nel film Mediterraneo (1991). Sempre diretto da Gabriele Salvatores, aveva precedentemente interpretato il ruolo di uno degli amici trentenni nel cult-movie Marrakech Express (1989).

All'attività cinematografica e letteraria affianca quella teatrale con spettacoli di lettura pubblica, come "In cammino. Storie per sentirsi vivi e camminare a testa alta", nel 2004, tratto dal suo libro Il grande viaggio, accompagnato dai musicisti Umberto Petrin (pianoforte) e Alberto Capelli (chitarra e sitar). Nel 2007, a Mantova, nell'ambito del Festivaletteratura, legge pubblicamente alcuni estratti dal libro La tenda rossa di Bologna, dello scrittore inglese John Berger.

Tra le apparizioni più recenti, nel 2009 vi è quella nella terza stagione della serie televisiva de L'ispettore Coliandro, (prima puntata: Sempre avanti), nella quale interpreta la parte di uno spacciatore di droga, crudele e assassino.

Nel 2010 partecipa al film Maschi contro femmine e nel 2011 al derivato Femmine contro maschi.

Nel 2014 partecipa alla fiction di Raiuno Non avere paura - Un'amicizia con Papa Wojtyla.

È autore del radio-documentario "Un viaggio tra le pietre vive della Palestina", che Radiotre trasmette per il ciclo "Passioni" l'1 e il 2 novembre 2014.

Il 7 gennaio 2015 debutta al Teatro Stabile di Torino il nuovo spettacolo "L'ultima Estate dell'Europa", il racconto straziante di un sopravvissuto alla Grande Guerra attraverso le voci di soldati, scrittori e letterati del tempo (Ungaretti, Gadda, Trilussa). Sul palco, oltre a Cederna, i musicisti ed autori delle musiche Alberto Capelli e Mauro Manzoni.

Interpreta Francesco Saverio Borrelli nel 2015 nella serie TV 1992 e nel 2017 nella successiva 1993.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN184987303 · SBN: IT\ICCU\RAVV\090353 · GND: (DE1015147372