Mediterraneo (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mediterraneo
Mediterraneo (film).jpg
Diego Abatantuono e Claudio Bigagli in una scena del film
Paese di produzioneItalia
Anno1991
Durata96 min (86 min versione internazionale)
Generecommedia, drammatico
RegiaGabriele Salvatores
SoggettoEnzo Monteleone
SceneggiaturaEnzo Monteleone
ProduttoreGianni Minervini
Casa di produzioneA.M.A. Film, Cecchi Gori Pictures, Penta Film, Silvio Berlusconi Communications
Distribuzione (Italia)Penta Film
FotografiaItalo Petriccione
MontaggioNino Baragli
Effetti specialiGiovanni Corridori
MusicheGiancarlo Bigazzi, Marco Falagiani
ScenografiaThalia Istikopoulou
Interpreti e personaggi

Mediterraneo è un film del 1991, diretto da Gabriele Salvatores, con Diego Abatantuono, Claudio Bigagli e Giuseppe Cederna, ispirato e liberamente tratto dal romanzo Sagapò di Renzo Biasion.[1]

La pellicola ha vinto il premio Oscar per il miglior film straniero nel 1992.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 1941, otto militari italiani sbarcano su una piccola isola dell'Egeo, con il compito di stabilirvi un presidio. L'isola appare deserta in quanto è stata parzialmente abbandonata dalla popolazione greca dopo aver subito la precedente sanguinosa occupazione tedesca. I soldati, comandati dal tenente Raffaele Montini, un insegnante di latino e greco al ginnasio appassionato di pittura, si rivelano assolutamente inadatti all'attività militare e presto, sfruttando l'isolamento geografico, l'impossibilità di comunicare con il comando dovuta alla radio rotta e l'apparente solitudine dell'isola, incominciano tutti a dedicarsi ad attività del tutto estranee alla guerra, compreso il sergente maggiore Nicola Lorusso, l'unico di loro che aveva già combattuto seriamente e si era guadagnato il grado nella campagna d'Africa.

La popolazione presente sull'isola, composta esclusivamente da donne, vecchi, bambini e da un prete ortodosso, sfuggiti alla deportazione che i tedeschi avevano inflitto ai maschi adulti, compare all'improvviso uscendo dai nascondigli nei quali si era rifugiata nel corso dello sbarco degli italiani. Gli isolani hanno avuto modo di osservare quei soldati e hanno compreso che sono ben diversi dai tedeschi, che stavolta per loro non ci sono pericoli e che si può tentare una collaborazione. L'isola si rianima di un'umanità nuova, con la quale il gruppo di soldati stringe diverse forme di legame e di sodalizio. Inoltre il prete chiede al tenente Montini di restaurare gli affreschi della chiesa ("Gratis, naturalmente") sfruttando le sue abilità pittoriche, che ha notato mentre il professore stava dipingendo il ritratto di uno degli abitanti dell'isola.

Un giorno sull'isola approda il turco Aziz, il quale, la sera stessa, offre agli italiani il fumo dell'oblio. Durante la notte, approfittando dei postumi della festa, Aziz ruba armi, soldi ed orologi ai militari. Con la scusa del furto degli effetti personali e la radio inutilizzabile, per i militari italiani la vita scorre tranquilla, animata solo dalle vicende personali e dagli attriti che si consumano intorno alla bella Vassilissa, la prostituta dell'isola, che si pone al servizio del plotone intero, ma della quale finisce per innamorarsi profondamente l'attendente Antonio Farina, impacciato soldato con la passione per la letteratura e la poesia, che finisce col rivendicare il suo sentimento verso la ragazza e farla diventare la sua fidanzata, sparando addirittura contro i compagni che cercano di fargli cambiare idea. Farina sposa Vassilissa nella chiesa affrescata da Montini (che ha riprodotto negli affreschi i volti di tutti i suoi compagni), ma durante la cerimonia succede un fatto che sembra calare un'ombra sul legame dei due: dopo aver bevuto insieme, Farina deve rompere, lanciandolo a terra, il bicchiere di vetro, gesto simbolico per suggellare la loro unione, ma il bicchiere urta una pedana di legno e rimane intero. Allora Lorusso, nell'immobilità generale, esce dal banco e rompe il bicchiere pestandolo col suo scarpone.

Un giorno, tre anni dopo lo sbarco dei soldati, un aereo da ricognizione italiano è costretto a compiere un atterraggio d'emergenza sull'isola. Il pilota è il tenente Carmelo La Rosa, il quale, esterrefatto, comunica ai soldati ciò che è avvenuto in Italia negli ultimi tempi: la caduta del fascismo, la fondazione della RSI e l'armistizio con gli anglo-americani firmato dall'Italia. Per i soldati quindi si pone il problema del rientro in patria.

Durante quella che sembra una delle ultime sere nell'isola, in attesa del reimpatrio, Colasanti confessa a Lorusso di essersi innamorato di lui ("Non so come mi è successo ... ").

Tutti lasciano l'isola a malincuore a bordo di una motobarca inglese, eccetto Farina, che, per poter rimanere con Vassilissa, diserta e si nasconde in un barile di olive con la complicità di Lorusso, che finge di averlo cercato senza riuscire a trovarlo, e il soldato Noventa, che, preso da una irrefrenabile smania di tornare in Italia, aveva già abbandonato l'isola su una barca a remi.

Molti anni dopo il professor Montini, ormai invecchiato, accetta l'invito di Farina a recarsi di nuovo sull'isola. Il turismo di massa ha ormai stravolto la piccola isola greca e il tenente, dopo avere reso omaggio alla tomba di Vassilissa, torna a trovare Farina, insieme al quale Montini trova a sorpresa il sergente Lorusso, che, deluso dell'Italia del dopoguerra, nella quale non si è affatto compiuto quel processo di rinnovamento in cui lui sperava fortemente, aveva scelto molti anni prima di tornare sull'isola e ricongiungersi a quel compagno d'armi dal quale un tempo sembravano dividerlo tante cose.

Ambientazione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è girato nella isola greca di Castelrosso (Megisti in lingua greca), posta a est di Rodi, nel Dodecaneso.[2]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Con il lungometraggio Mediterraneo, premiato agli Academy Awards del 1992 come miglior film straniero, si conclude la cosiddetta "trilogia della fuga"[3], composta da Marrakech Express del 1989 e da Turné del 1990, ovvero il trittico di film diretti da Salvatores dedicati alla poetica della fuga verso una nuova forma di interiorità, di individualità, di impegno non condizionato da fattori ideologici, da miti collettivi, da figure guida carismatiche ma corruttibili.

Il film è accompagnato dalla citazione di una frase di Henri Laborit («In tempi come questi la fuga è l'unico mezzo per mantenersi vivi e continuare a sognare») e si chiude con una didascalia significativa ed emblematica: «Dedicato a tutti quelli che stanno scappando».[4]

Mediterraneo è un film generazionale[5], ovvero un'opera che identifica, esprime e incarna la riflessione storica di una determinata generazione. La generazione alla quale il regista appartiene e alla quale si rivolge è quella che agli inizi degli anni novanta si ritrova orfana di un impegno politico «in bilico tra una utopia che sfuma e un realismo che incombe»[6].

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato commercializzato in Italia e negli Stati Uniti in due diverse versioni che differiscono tra loro per la durata complessiva. La versione per il mercato americano infatti, diffusa successivamente anche in Italia attraverso i formati VHS e DVD, risulta essere più breve di 11 minuti. I tagli, come riferisce lo stesso Salvatores nell'intervista allegata alla versione DVD, edita dalla Cecchi Gori Home Video nel 2006, furono effettuati dalla stessa Miramax (la società di distribuzione che aveva acquistato i diritti del film per il mercato americano) in completa autonomia e sostanzialmente contro il parere del regista.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Morto Biasion l'autore di ' Sagapò', in Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 27 giugno 2018.
  2. ^ Mediterraneo (1991), IMDb. URL consultato il 22 novembre 2010.
  3. ^ Mediterraneo (PDF), apav.it. URL consultato il 22 novembre 2010.
  4. ^ Tra il sole e il mare non esistono nemici, ClaudioBisio.it. URL consultato il 22 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 18 febbraio 2009).
  5. ^ Mediterraneo, ComingSoon.it. URL consultato il 22 novembre 2010.
  6. ^ Roberto Escobar, Mediterraneo, MyMovies. URL consultato il 22 novembre 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN186564316 · GND (DE7568967-4
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema