Roncà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roncà
comune
Roncà – Stemma Roncà – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto-Stemma.png Veneto
Provincia Provincia di Verona-Stemma.png Verona
Amministrazione
Sindaco Roberto Turri (Lega Nord - Liga Veneta) dal 23/06/2009
Territorio
Coordinate 45°29′00″N 11°17′00″E / 45.483333°N 11.283333°E45.483333; 11.283333 (Roncà)Coordinate: 45°29′00″N 11°17′00″E / 45.483333°N 11.283333°E45.483333; 11.283333 (Roncà)
Altitudine 78 m s.l.m.
Superficie 18,22 km²
Abitanti 3 780[2] (01-12-2011)
Densità 207,46 ab./km²
Frazioni Brenton, Santa Margherita, Terrossa[1]
Comuni confinanti Arzignano (VI), Chiampo (VI), Gambellara (VI), Montebello Vicentino (VI), Montecchia di Crosara, Montorso Vicentino (VI), San Giovanni Ilarione
Altre informazioni
Cod. postale 37030
Prefisso 045
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 023063
Cod. catastale H522
Targa VR
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti roncadesi
Patrono S. Maria Annunziata
Giorno festivo 25 marzo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Roncà
Posizione del comune di Roncà all'interno della provincia di Verona
Posizione del comune di Roncà all'interno della provincia di Verona
Sito istituzionale

Roncà (Roncà in veneto[3]) è un comune di 3.780 abitanti della provincia di Verona, in Veneto. Fa parte dell'area del Parco della Lessinia e dell'associazione città del vino.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Roncà dista 36 chilometri da Verona. Rispetto al capoluogo è in posizione est. Confina con la provincia di Vicenza e fa parte della sua diocesi.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

L'origine del nome pare derivi dal latino runco o runcare ovvero "disboscare", "rendere coltivabili terre incolte". I suoi abitanti si chiamano roncadesi.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La testimonianza della presenza di antichi insediamenti sul territorio di Roncà, è stata decisa dal ritrovamento di preistorici attrezzi da lavoro sul monte Calvarina, che sono, a tutt'oggi, conservati nel Museo francescano di Chiampo e dal ritrovamento di una lapide di copertura di un sarcofago romano, che è, attualmente, la copertura della tomba-monumento ai Caduti della Libertà.

Il periodo medioevale fu piuttosto travagliato. La storia del paese di Roncà ha inizio il 20 gennaio del 1300, durante il dominio di Alberto della Scala, il quale stabilì patti con un gruppo Cimbro: si poteva coltivare il terreno gratuitamente con il solo obbligo di versare alla fine di ogni anno 20 soldi ed un agnello allo stesso Alberto della Scala. La Serenissima ebbe il pregio di regolamentare le varie colture, (la tipica uva Durella era già conosciuta allora con il termine "Durasena"), di bonificare molti terreni, di canalizzare i corsi d'acqua con la possibilità di irrigare oltre all'uva tipica, anche olivi e colture erbacee come il frumento, la segale, il sorgo ed il mais. Tra il 1600 e il 1700, le pestilenze descritte anche dal Manzoni nel suo famoso romanzo "I Promessi Sposi" e la carestia colpirono in maniera devastante la popolazione roncadese sino a ridurla a poche centinaia di persone.

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[4]

Chiese[modifica | modifica sorgente]

La chiesa più antica che pare sia del 1300, un periodo che coincide con la presenza dei Cimbri.


Ville[modifica | modifica sorgente]

Sul territorio di Roncà, vi è la presenza di antiche ville rurali. La maggior parte di queste è stata recentemente restaurata. Le più antiche sono la Pastoria, corte Cavaggioni, villa Pompei e villa Meneguzzi.

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Il museo dove sono conservati i fossili rinvenuti nel territorio di Roncà sul Monte Duello e nella cellula fossillifera detta "Strati di Roncà", distribuiti lungo un percorso che descrive lo stato dei luoghi in quella lontana epoca.

Gli appuntamenti[modifica | modifica sorgente]

  • Carnevale dei ragazzi
La seconda domenica di febbraio
  • Vini Vulcani - Festa del vino Durello e Soave D.O.C
Nella terza domenica di maggio con chioschi di degustazione dei vini locali.
  • Sagra della Madonna del Carmine
  • Sagra di S. Margherita
Il 20 luglio (qualsiasi sia il giorno settimanale) di ogni anno si tiene l'annuale sagra di S.Margherita nella omonima frazione.
  • Sagra di S. Maria Maddalena e Antico Palio dei Mussi - TERROSSA
A Terrossa il quarto fine settimana di luglio con il sabato la serata gastronomica "veci magnari, veci mestieri e vin bon" e la domenica pomeriggio con la rievocazione storica dell'Antico Palio dei Mussi - Terrossa.
  • Sagra di San Pietro e Paolo
L'ultimo fine settimana di giugno, in località Brenton, con gare sportive di corse a cavallo o bici cross, lungo i suggestivi sentieri di collina.
  • Sopressa e Durello in festa con panbiscotto
L'ultima domenica di agosto, con degustazione della tradizionale soppressa di Brenton, vino Durello e pane biscotto, in Contrada Roncolati a Brenton.

Economia[modifica | modifica sorgente]

L'economia è basata principalmente sull'agricoltura ed, in particolar modo, sulla vite. Il vino Durello, riconosciuto D.O.C. nel 1987, ricavato dal vitigno Durella è un prodotto tipico di Roncà insieme al vino Soave prodotto con l'uva garganega. Ottima anche la produzione cereasicola. Di recente, si sta aumentando la coltivazione anche dell'olivo. Altra produzione locale sono le Sopresse di Brenton e il formaggio Monte Veronese D.O.P..

La presenza di tante piccole aziende e di ditte a conduzione familiare, consentono alla maggior parte degli abitanti di poter lavorare nel paese di residenza limitando così il fenomeno del pendolarismo.

Sport[modifica | modifica sorgente]

Calcio[modifica | modifica sorgente]

La principale squadra di calcio della città è F.C. Roncà che milita in Prima Categoria.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Fra il 1928 e il 1956 il paese ospitò una fermata della tranvia San Bonifacio-San Giovanni Ilarione, la quale faceva parte di un insieme di tranvie elettriche che caratterizzarono la provincia veronese e rappresentò un importante strumento di crescita per la valle dell'Alpone.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
giugno 1985 giugno 1990 Valentino Tessari Democrazia Cristiana Sindaco [5]
giugno 1990 aprile 1995 Giuseppe Dalla Chiara Indipendente Sindaco [6]
aprile 1995 giugno 1999 Giamberto Bochese Lista Civica Sindaco [7]
giugno 1999 giugno 2004 Giamberto Bochese Lista Civica Sindaco [8]
giugno 2004 giugno 2009 Lorella Mansoldo in Roncolato Lista Civica Sindaco [9]
giugno 2009 in carica Roberto Turri Lega Nord Sindaco [10]

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Comune di Roncà - Statuto.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 novembre 2011.
  3. ^ Provincia In - Storia e curiosità dei 97 Comuni de la Provincia Veronese, La Rena Domila, l'informassion veronese. URL consultato il 26 novembre 2011.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ amministratori.interno.it - 1985. URL consultato il 24 novembre 2013.
  6. ^ amministratori.interno.it - 1990. URL consultato il 24 novembre 2013.
  7. ^ amministratori.interno.it - 1995. URL consultato il 24 novembre 2013.
  8. ^ amministratori.interno.it - 1999. URL consultato il 24 novembre 2013.
  9. ^ amministratori.interno.it - 2004. URL consultato il 24 novembre 2013.
  10. ^ amministratori.interno.it - 2009. URL consultato il 24 novembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]