Guerra d'indipendenza croata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guerra d'indipendenza croata
parte delle Guerre jugoslave
Da sinistra in senso orario: la strada centrale di Ragusa durante l'assedio del 1991-1992; la bandiera croata sventola nella torre dell'acqua di Vukovar; soldati dell'esercito croato in procinto di distruggere un carro armato serbo; cimitero a Vukovar; T-55 serbo distrutto a Dernis
Da sinistra in senso orario: la strada centrale di Ragusa durante l'assedio del 1991-1992; la bandiera croata sventola nella torre dell'acqua di Vukovar; soldati dell'esercito croato in procinto di distruggere un carro armato serbo; cimitero a Vukovar; T-55 serbo distrutto a Dernis
Data 31 marzo 1991 - 12 Novembre 1995
Luogo Croazia
Casus belli Indipendenza croata e invasione jugoslava
Esito Vittoria croata
Modifiche territoriali La Croazia riprende controllo della gran parte dei territori croati in precedenza tenuti dai ribelli serbi, con i rimanenti sotto controllo UNTAES
Schieramenti
Comandanti
Perdite
8 039 soldati e civili uccisi
300 000 profughi (1995-oggi)[2]
15 970 soldati e civili uccisi
37 180 feriti
500 000 profughi (1991-1995)[3]
Voci di guerre presenti su Wikipedia

La guerra di indipendenza della Croazia è stata un conflitto combattuto tra il 1991 e il 1995 tra le forze leali al governo della Croazia — che avvalendosi delle disposizioni della Costituzione vigente aveva dichiarato la propria indipendenza dalla Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia (SFRJ) — e la Jugoslovenska narodna armija (JNA), l'Armata Popolare Jugoslava, controllata da forze serbe e affiancata da reparti composti dai serbi di Croazia. L'Armata jugoslava cessò ufficialmente le operazioni nel 1992. In Croazia, ci si riferisce alla guerra principalmente come "guerra della Patria" (Domovinski rat) e anche come "aggressione grande-serba" (Velikosrpska agresija).[4] Nelle fonti serbe, il termine usato più comunemente per definire il conflitto è "guerra in Croazia" (Rat u Hrvatskoj).[5]

Inizialmente, la guerra vide il confronto tra le forze di polizia croata e i serbi che vivevano nella Repubblica Socialista di Croazia. Man mano che la JNA passò sotto l'influenza serba a Belgrado, molte delle sue unità iniziarono a sostenere i combattimenti dei serbi in Croazia. I croati, da parte loro, miravano a stabilire uno Stato sovrano indipendente dalla Jugoslavia, con i serbi, sostenuti dalla Serbia,[6][7] che si opponevano alla secessione e volevano che la Croazia restasse unita alla Jugoslavia. I serbi delinearono una nuova linea di confine all'interno della Croazia, separando i territori con popolazione in maggioranza serba o con una significativa minoranza,[8] e tentarono di conquistare quanto più territorio croato possibile.[9] L'obiettivo principale era di creare uno Stato etnico puro, la "Grande Serbia", a danno di altre popolazioni.

Nel 2007, l'International Criminal Tribunal for the former Yugoslavia (ICTY) ha emesso un verdetto di colpevolezza contro Milan Martić, uno dei leader serbi di Croazia, stabilendo che si era accordato con Slobodan Milošević e altri per creare uno "stato serbo unificato".[10] Nel 2011, l'ICTY ha stabilito che i generali croati Gotovina e Markač erano parte di una organizzazione criminale tra militari e leader politici croati il cui scopo era espellere i serbi residenti nella regione della Krajina al di fuori della Croazia nell'agosto 1995 e ripopolare l'area con rifugiati di origine croata.[11]

All'inizio della guerra, la JNA tentò di mantenere la Croazia forzatamente nella Jugoslavia occupandola.[12][13] Dopo aver fallito in questo piano, le forze serbe proclamarono la Repubblica Serba di Krajina (RSK) all'interno della Croazia. Per la fine del 1991, la maggior parte del Paese fu gravemente coinvolto nel conflitto, con numerose città e villaggi pesantemente danneggiati nel corso dei combattimenti,[14] e la parte rimanente costretta a fronteggiare l'impatto creato da centinaia di migliaia di rifugiati.[15] Dopo il cessate-il-fuoco del gennaio 1992 e il riconoscimento internazionale della Repubblica di Croazia come stato sovrano,[16][17] la linea del fronte divenne di tipo fortificato e venne schierata una forza di interposizione ONU dal nome United Nations Protection Force - UNPROFOR - (Forza di protezione delle Nazioni Unite), il che portò i combattimenti a diventare intermittenti negli anni successivi. All'inizio di questa fase, la RSK aveva una estensione di 13.913 km² corrispondenti a più di un quarto del territorio della Croazia.[18] Nel 1995, la Croazia lanciò due offensive principali dal nome Operazione Flash e Operazione Tempesta,[19][20] che avrebbero cambiato l'esito del conflitto in suo favore. La rimanente zona sotto il controllo della United Nations Transitional Authority for Eastern Slavonia, Baranja and Western Sirmium (UNTAES) fu riannessa alla Croazia in modo pacifico nel 1998.[21][22]

La guerra terminò con una vittoria totale della Croazia, in quanto questa ottenne i risultati che aveva dichiarato di volere all'inizio del conflitto: indipendenza e mantenimento dei confini.[19][21] Comunque, buona parte del paese venne devastato, con una stima che valuta la distruzione dell'economia nazionale tra il 21 e il 25%. I danni alle infrastrutture sono valutati pari a 37 miliardi di dollari cui vanno sommate le perdite delle esportazioni e i costi collegati alla creazione di rifugiati.[23] Il numero totale di morti tra le due parti è stato intorno alle 20 000 vittime,[24] e si sono creati profughi e rifugiati da entrambe le fazioni: croati principalmente all'inizio della guerra e serbi per la maggior parte verso la fine. Sebbene molte persone siano poi rientrate nei luoghi originari e la Croazia e la Serbia abbiano cooperato in modo conciliante a tutti i livelli, alcune dispute permangono a causa dei verdetti del Tribunale Internazionale per i crimini nella ex-Jugoslavia e le citazioni in giudizio generate da ognuna delle parti nei confronti dell'altra.[25]

Cause del conflitto[modifica | modifica wikitesto]

Il risorgere del nazionalismo in Jugoslavia[modifica | modifica wikitesto]

La guerra in Croazia fu il prodotto della rinascita del nazionalismo negli anni ottanta che lentamente portò alla dissoluzione della Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia. Una crisi emerse nel Paese dopo l'indebolimento del Blocco orientale verso la fine della guerra fredda, come simboleggiato dalla caduta del Muro di Berlino nel 1989. In Jugoslavia, il partito comunista nazionale, ufficialmente chiamato Lega dei comunisti di Jugoslavia, aveva perso la sua capacità di guida ideologica.[26]

Negli anni ottanta, i movimenti secessionisti albanesi nella Provincia Socialista Autonoma del Kosovo della Repubblica Socialista di Serbia, portarono a una repressione della maggioranza albanese nella provincia meridionale serba.[27] Le più ricche repubbliche federate, all'epoca note come Repubblica Socialista di Slovenia e Repubblica Socialista di Croazia, tendevano al decentramento e alla democrazia.[28] La Serbia, guidata da Slobodan Milošević, mirava invece al centralismo e al mantenimento di un solo partito politico attraverso lo strumento del Partito Comunista Jugoslavo. Milošević in effetti pose fine all'autonomia del Kosovo e della Provincia Socialista Autonoma della Vojvodina.[27][29][30]

Man mano che Slovenia e Croazia iniziarono a ricercare una maggiore autonomia nella federazione, mirando allo status di Stati confederati o addirittura indipendenti, i sentimenti nazionalisti cominciarono a crescere tra le file degli iscritti alla Lega dei Comunisti, ancora il partito unico al potere. Quando Milošević raggiunse il vertice in Serbia, i suoi discorsi parlavano di una continuazione della Jugoslavia come Stato unico nel quale tutti i poteri sarebbero stati concentrati a Belgrado.[31] Nel discorso di Gazimestan del 28 giugno 1989, parlò di "battaglie e liti", dicendo che sebbene non fossero in corso scontri armati, la possibilità non poteva ancora essere esclusa.[32] La situazione politica generale divenne più tesa quando il futuro presidente del Partito Radicale Serbo Vojislav Šešelj, visitò gli Stati Uniti nel 1989 e gli fu in seguito conferito il titolo onorifico di "Vojvoda" (condottiero o duce) da Momčilo Đujić, un leader cetnico della seconda guerra mondiale, nel corso di una commemorazione della Battaglia del Kosovo.[33] Anni dopo. il leader serbo di Croazia Milan Babić testimoniò che Momčilo Đujić supportava finanziariamente i serbi in Croazia negli anni 1990.[34]

Nel marzo 1989, la crisi in Jugoslavia divenne ancora più profonda dopo l'adozione di emendamenti alla Costituzione della repubblica serba che consentivano al governo di riaffermare la propria autorità sulle province autonome del Kosovo e della Vojvodina. A partire da quella data, vi furono decisioni politiche prese a seguito di iniziative legislative provenienti da quelle province, che inoltre avevano diritto di voto nella Presidenza Federale Jugoslava, composta da sei membri provenienti dalle repubbliche e due dalle province autonome.[35] La Serbia, sotto la presidenza di Slobodan Milošević, acquisì il controllo su tre degli otto voti nella presidenza jugoslava e questo fu utilizzato il 16 maggio 1991, quando il parlamento serbo sostituì Riza Sapunxhiu e Nenad Bućin, rappresentanti del Kosovo e della Vojvodina con Jugoslav Kostić e Sejdo Bajramović.[36] IL quarto voto veniva fornito dalla Repubblica Socialista del Montenegro, il cui governo era sopravvissuto a un colpo di stato nell'ottobre 1988,[37] ma non a un secondo nel gennaio 1989.[38] Una volta che la Serbia fu in grado di assicurarsi quattro degli otto voti della presidenza federale, fu in grado di influenzare pesantemente le decisioni prese a livello federale, in quanto le decisioni a lei sfavorevoli potevano essere bloccate; ciò rese l'organismo di governo inefficace. La situazione portò all'insorgere di obiezioni da parte delle altre repubbliche (Slovenia, Croazia, Bosnia ed Erzegovina e Macedonia) e la richiesta di riforme nella Federazione Jugoslava.[39]

Le modifiche al sistema elettorale e alla costituzione[modifica | modifica wikitesto]

L'indebolimento del regime comunista, diede modo ai movimenti nazionalisti di espandersi politicamente anche all'interno della Lega dei comunisti di Jugoslavia. Nel 1989, venne consentita la creazione di partiti politici e ne venne creato un certo numero, tra cui la Unione Democratica Croata, in croato Hrvatska Demokratska Zajednica (HDZ), di ispirazione neofascista con a capo Franjo Tuđman, che in seguito sarebbe diventato il primo presidente della Croazia.[40] Tuđman effettuò degli incontri in vari stati esteri verso la fine degli anni ottanta per raccogliere il supporto da parte degli appartenenti alla diaspora croata nei confronti della causa nazionale.[41]

Nel gennaio del 1990, la Lega dei comunisti si divise a causa delle differenti linee politiche delle diverse repubbliche. Il 20 gennaio 1990, al 14º Congresso Straordinario della Lega dei Comunisti di Jugoslavia, le delegazioni delle repubbliche non trovavano un accordo sul principio stesso alla base della federazione jugoslava. Le delegazioni croate e slovene chiedevano una federazione con legami più allentati, mentre la delegazione serba, guidata da Milošević, si oppose a questa impostazione. Come effetto, le delegazioni slovena e croata abbandonarono il congresso.[42][43]

FranjoTudman.JPG Milan Kucan.jpg
I presidenti Franjo Tuđman e Milan Kučan si misero alla guida della nuova generazione di persone che volevano che la Croazia e la Slovenia si sganciassero dalla Jugoslavia e puntassero a una economia di libero mercato.

Nel febbraio 1990, Jovan Rašković fondò il Partito Democratico Serbo (SDS) di Croazia a Knin. Nel programma vi era l'affermazione che la "divisione regionale della Croatia è superata" e che "non corrispondeva con gli interessi della popolazione serba".[44] Il programma sosteneva il processo di revisione dei confini regionali e municipali per riflettere la composizione etnica degli abitanti e affermava il diritto per i territori con una "speciale composizione etnica" a diventare autonomi. Questi concetti erano allineati alla posizione di Milošević secondo la quale i confini interni della Jugoslavia dovevano essere ridisegnati per permettere a tutti i serbi di vivere in un singolo paese.[45] Membri di spicco dell'SDS erano Milan Babić e Milan Martić che in seguito divennero funzionari di vertice della Repubblica Serba di Krajina (RSK). Durante i procedimenti penali che in seguito sarebbero stati avviati, Babić testimoniò che c'era una campagna di stampa diretta da Belgrado che dipingeva i serbi in Croazia come minacciati di genocidio dalla maggioranza croata e che lui fu vittima della propaganda.[46] Il 4 marzo 1990, si tenne una manifestazione di 50 000 serbi a Petrova Gora. I partecipanti lanciarono accuse contro Tuđman e altri croati,[44] urlando lo slogan "Questa è Serbia",[44] e manifestarono supporto a Milošević.[47][48]

Le prime elezioni libere in Croazia e Slovenia vennero indette pochi mesi dopo.[49] Il primo turno elettorale in Croazia si ebbe il 22 aprile e il secondo il 6 maggio.[50] L'Unione Democratica Croata, Hrvatska Demokratska Zajednica (HDZ) basò la sua campagna elettorale sulla aspirazione ad acquisire una maggiore sovranità per la Croazia e su una piattaforma opposta a quella unitaria jugoslava, veicolando un sentimento tra i croati secondo cui "solo l'HDZ avrebbe potuto proteggere la Croazia delle aspirazioni degli elementi serbi guidati da Slobodan Milošević che miravano alla creazione di una Grande Serbia". Vinse le elezioni, seguita dai comunisti riformatori di Ivica Račan e dal Partito Socialdemocratico di Croazia e ricevette l'incarico di formare un nuovo governo croato.[50]

L'atmosfera si riempì di tensione nel 1990, particolarmente nel periodo immediatamente prima delle elezioni. Il 13 maggio 1990, pochi giorni dopo le elezioni, scoppiarono degli incidenti nel corso della partita di calcio tra la Dinamo Zagabria e la Stella Rossa di Belgrado. L'incontro non venne giocato a causa dei disordini sugli spalti tra le tifoserie delle due squadre e la polizia.[51]

Il 30 maggio 1990, il nuovo Parlamento croato tenne la sua prima seduta. Il presidente Tuđman presentò il suo manifesto per una nuova costituzione (ratificata alla fine dell'anno) che avrebbe previsto molteplici cambiamenti politici, economici e sociali, estendendo i nuovi diritti alle minoranze (particolarmente quelle serbe) che sarebbero state tutelate. I politici serbi locali si opposero alla nuova costituzione sulla base della loro valutazione che la popolazione serba sarebbe stata minacciata. La loro prima preoccupazione era che la nuova costituzione non avrebbe da quel momento in poi designato la Croazia come uno "stato nazionale del popolo croato, uno stato del popolo serbo e di ogni altro popolo che vi viveva", ma come uno "stato nazionale del popolo croato e di ogni altro popolo che vi viveva".[52] Nel 1991, i serbi rappresentavano il 12,2 percento del totale della popolazione della Croazia, ma ricoprivano un numero non proporzionale di posti come funzionari: il 17,7 percento dei funzionari statali in Croazia, incluso quelli di polizia, erano serbi. In precedenza la proporzione era ancora più a favore dei serbi in Croazia, il che creò la percezione che i serbi fossero i custodi del regime comunista.[53] Dopo l'ascesa al governo dell'HDZ, alcuni dei serbi impiegati nella pubblica amministrazione, specialmente nella polizia, persoro il loro incarico e vennero sostituiti da croati.[54]

In base al censimento del 1991, la percentuale di coloro i quali si dichiaravano serbi era del 12%; il 78% della popolazione si dichiarava croato. Il 22 dicembre 1990, il parlamento della Croazia ratificò la nuova costituzione che cambiò lo status dei serbi di Croazia da "nazione costitutiva" a "minoranza nazionale".[55] Ciò fu visto come una perdita di alcuni dei diritti che erano stati garantiti ai serbi dalla precedente costituzione socialista e alimentò l'estremismo tra i serbi di Croazia.[56] Comunque, la costituzione definiva la Croazia come "lo stato nazionale della nazione croata e uno stato di appartenenti ad altre nazioni e minoranze che sono suoi cittadini: ai serbi ... è garantita parità di diritti con i cittadini di nazionalità croata ..."[52]

Malcontento civile e richiesta di autonomia[modifica | modifica wikitesto]

Piano del 1991 per l'offensiva strategica di invasione della Croazia da parte dell'Armata Popolare Jugoslava (JNA), come ricostruito dalla Central Intelligence Agency (CIA) statunitense

I serbi all'interno della Croazia inizialmente non cercarono di ottenere l'indipendenza prima del 1990. Il 25 luglio 1990, una Assemblea Serba fu costituita a Srb, a nord di Knin, quale rappresentanza politica dei serbi di Croazia. L'Assemblea Serba proclamò la "sovranità e autonomia del popolo serbo di Croazia".[52] Il 21 dicembre 1990, venne proclamata la Regione autonoma serba di Krajina Srpska autonomna oblast Krajina (SAO Krajina) dalle municipalità delle regioni settentrionali della Dalmazia e della Lika, nella Croazia sudoccidentale. L'articolo 1 dello statuto dalla regione autonoma della Krajina la definiva come "una forma di autonomia territoriale all'interno della Repubblica di Croazia" nella quale la costituzione della repubblica croata, le leggi e lo statuto della regione autonoma della Krajina venivano applicate.[52][57]

Dopo l'elezione di Tuđman e la minaccia percepita con la nuova costituzione,[55] i nazionalisti serbi della regione della Kninska Krajina iniziarono a compiere azioni armate contro i funzionari governativi croati. Molti furono espulsi con la forza o esclusi dalla regione autonoma. Le proprietà governative croate della regione vennero progressivamente controllate dalle municipalità del neo-costituito "Consiglio Nazionale Serbo". Questo in seguito divenne il governo della secessionista Repubblica Serba di Krajina (RSK).[52]

Nell'agosto 1990, si tenne un referendum non riconosciuto internazionalmente, mono-etnico e autogestito, nelle regioni con una sostanziale percentuale di popolazione serba, in quelle che più tardi sarebbero diventate la RSK (le regioni confinanti con la Bosnia ed Erzegovina) circa la questione della "sovranità e autonomia" dei serbi in Croatia.[58] Si trattò di un tentativo di contrastare i cambiamenti introdotti con la costituzione. Il governo croato cercò di impedire il referendum inviando forze di polizia alle caserme di polizia nelle zone popolate da serbi per sequestrare le armi. Tra i vari incidenti, i serbi abitanti nelle regioni meridionali della Croazia, per la maggior parte nei dintorni di Knin, bloccarono le strade ai turisti verso le varie destinazioni della Dalmazia. Gli incidenti sono noti come la "Rivoluzione dei tronchi".[59][60] Anni dopo, nel corso del processo a Milan Martić, Milan Babić avrebbe dichiarato che fu ingannato da Martić per farlo aderire alla Rivoluzione dei tronchi e che l'intera guerra in Croazia fu responsabilità di Martić ed era stata orchestrata da Belgrado.[61] L'affermazione aveva riscontro in quanto in precedenza presente in una intervista a Martić pubblicata nel 1991.[62] Babić confermò che nel luglio 1991 Milošević aveva assunto il controllo dell'esercito jugoslavo (JNA).[63] Il governo croato rispose ai blocchi stradali mandando delle speciali unità di polizia con gli elicotteri sul posto, ma furono intercettati dai caccia della aeronautica militare jugoslava e obbligati a rientrare a Zagabria. I Serbi tagliarono alberi di pino o usarono i bulldozer per bloccare le strade e isolare città come Knin e Benkovac vicino alla costa adriatica. Il 18 agosto 1990, il giornale serbo Večernje novosti affermò che circa "due milioni di serbi sono pronti per andare in Croazia a combattere".[59]

Immediatamente dopo il referendum che sancì l'indipendenza della Slovenia del 23 dicembre 1990 e dopo la nuova costituzione croata, l'esercito jugoslavo annunciò che si sarebbe applicata una nuova dottrina militare nel paese. La dottrina precedente della "difesa popolare", nata all'epoca di Tito, in base alla quale ogni repubblica manteneva dei propri reparti della Forze di difesa territoriale, in croato Teritorijalna odbrana (TO), sarebbe da quel momento stata sostituita con un sistema di difesa controllato dal centro della federazione. Le repubbliche avrebbero perso il loro ruolo nel campo della difesa e le loro TO sarebbero state disarmate e subordinate al quartier generale della JNA a Belgrado.[64] Nel caso delle forze di difesa in Croazia, la cosa aveva poco significato, in quanto la JNA aveva già confiscato le armi nel maggio 1990, alla vigilia delle elezioni del parlamento croato.[53] Venne pubblicato un ultimatum che richiedeva il disarmo e lo scioglimento delle forze militari considerate illegali dalle autorità jugoslave. Poiché il testo originale dell'ultimatum non specificava quali forze erano considerate illegali, le autorità centrali jugoslave subito specificarono che la richiesta era più precisamente diretta nei confronti delle forze armate ufficiali della Croazia.[65][66] Le autorità croate si rifiutarono di obbedire all'ultimatum e l'esercito jugoslavo lo ritirò sei giorni dopo la sua pubblicazione.[67][68]

Corso della guerra[modifica | modifica wikitesto]

1991: il conflitto aperto inizia[modifica | modifica wikitesto]

Primi scontri armati[modifica | modifica wikitesto]

Monumento al primo croato vittima della guerra, Josip Jović, morto nel corso dell'Incidente dei Laghi di Plitvice.

L'odio etnico aumentò man mano che vari incidenti alimentarono la macchina della propaganda da entrambe le parti. Durante la sua testimonianza da dissidente presso l'ICTY, uno dei capi politici della Krajina, Milan Babić, dichiarò che i serbi iniziarono ad utilizzare la forza per primi.[69]

I contrasti crebbero di intensità fino a diventare scontri armati nelle zone con popolazione a maggioranza serba. I serbi iniziarono una serie di attacchi alle unità di polizia croata a Pakrac,[70][71] dove più di 20 persone furono uccise prima della fine di aprile. Tra l'agosto del 1990 e l'aprile 1991, furono registrati quasi 200 attentati con bombe e mine e oltre 89 attacchi alle forze di polizia croate.[7] Josip Jović fu il primo poliziotto ucciso dalle forze serbe nel corso dell'incidente dei Laghi di Plitvice avvenuto alla fine di marzo 1991.[72][73] Nell'aprile 1991, i serbi in Croazia iniziarono le attività mirate alla secessione dei territori dove abitavano. È controverso stabilire quanto queste iniziative siano state frutto di spinte locali o quanto sia stato il coinvolgimento di governo serbo guidato da Miloševic, ma ad ogni modo, venne autoproclamata la Repubblica Serba di Krajina costituita da ogni territorio croato nel quale fosse presente una significativa quantità di popolazione di origine serba. Il governo croato interpretò questa iniziativa come una ribellione.[52][74][75]

Il Ministero degli interni croato iniziò ad armare un crescente numero di reparti speciali di polizia, in pratica costituendo un esercito vero e proprio. Il 9 aprile 1991, il presidente croato Tuđman ordinò che le forze speciali di polizia venissero rinominate Zbor Narodne Garde ("Guardia Nazionale"); questo atto segnò l'inizio della creazione di forze armate separate per la Croazia.[76] Le unità militari appena create furono presentate al pubblico in una parata e successivo passaggio in rassegna allo Stadio Kranjčevićeva di Zagabria il 28 maggio 1991.[77]

Il 15 maggio venne il turno di Stjepan Mesić, un croato, di ricoprire la carica di segretario a rotazione della presidenza della Jugoslavia. La Serbia, con il supporto del Kosovo, Montenegro e Vojvodina, i cui voti nell'ufficio di presidenza erano a quel tempo sotto controllo serbo, bloccarono la nomina, che comunque era da intendere principalmente come solo cerimoniale. Questa manovra politica, tecnicamente lasciò la Jugoslavia senza un capo di stato e senza un comandante in capo delle forze armate.[78][79] Due giorni dopo, un nuovo tentativo di votazione fallì. Ante Marković, all'epoca primo ministro della Jugoslavia, propose la nomina di un comitato che avrebbe esercitato i poteri presidenziali.[80] Non fu immediatamente chiaro chi dovevano essere i membri del comitato, a parte il ministro della difesa Veljko Kadijević, né tantomeno chi avrebbe recitato il ruolo di comandante in capo della JNA. La proposta fu prontamente rigettata dalla Croazia come incostituzionale.[81] La crisi fu risolta dopo sei settimane di stallo e fu eletto presidente Stipe Mesić, il primo non-comunista a diventare capo di stato della Jugoslavia dopo decenni.[82] Nel frattempo, l'esercito federale, il JNA e le Forze territoriali di difesa, continuarono a essere diretti dalle autorità federali controllate da Milošević. In alcune occasioni, le forze della JNA presero le parti dei serbi in Croazia.[52] L'organizzazione Helsinki Watch ha riportato che autorità serbe di Krajina fecero passare per le armi i serbi che manifestarono il desiderio di trovare un accordo con i funzionari croati.[7]

La dichiarazione di indipendenza[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 maggio 1991 le autorità croate indirono un referendum per l'indipendenza nel quale era presente l'opzione di rimanere nella Jugoslavia, ma con legami meno stretti.[83][84] Le autorità serbe fecero appelli per il boicottaggio della consultazione, che furono largamente seguiti dai serbi di Croazia. Il referendum passò con il 94% dei favorevoli.[85] La Croazia dichiarò la sua indipendenza e dissolse la sua razdruženje, l'associazione con la Jugoslavia, il 25 giugno 1991.[86][87] La Commissione Europea esortò le autorità croate a dichiarare una moratoria di tre mesi sulla decisione.[88] La Croazia aderì all'invito e con gli accordi di Brioni congelò la sua dichiarazione di indipendenza per tre mesi, il che diminuì un poco le tensioni.[89]

Nel giugno e luglio del 1991, il breve conflitto armato in Slovenia noto come guerra dei dieci giorni, si concluse rapidamente e in modo sostanzialmente pacifico, in parte grazie anche alla omogeneità etnica degli abitanti della Slovenia.[90][91] Venne rivelato in seguito che Slobodan Miloševic e Borisav Jovic, allora presidente della Jugoslavia, concepirono un piano per un attacco militare alla Slovenia, seguito da un ritiro. Jovic pubblicò i suoi diari contenenti l'informazione e la confermò nella sua testimonianza al processo a Miloševic davanti al Tribunale Penale Internazionale per l'ex-Jugoslavia (ICTY).[92] Nel corso della guerra in Slovenia, un gran numero di soldati croati e sloveni si rifiutò di combattere e disertò dalla JNA.[93]

Escalation del conflitto[modifica | modifica wikitesto]

Serbatoio dell'acqua a Vukovar. Un simbolo della fase iniziale della guerra
Offensiva della Armata popolare jugoslava (JNA) nella Slavonia orientale

Nel mese di luglio, in un tentativo di salvare quanto rimaneva della Jugoslavia, le forze della JNA vennero coinvolte in operazioni in aree a predominanza croata. Nello stesso mese, le forze di difesa territoriali a guida serba iniziarono la loro avanzata verso le coste della Dalmazia con l'Operazione Coast-91.[94] Per i primi di agosto, larghe parti della Banovina finirono sotto il controllo delle forze serbe.[95]

Con l'inizio delle operazioni militari in Croazia, i soldati di leva croati e un certo numero di serbi, cominciarono a disertare in massa l'Armata Popolare Jugoslava, in modo simile a quanto accaduto durante il conflitto in Slovenia.[93][94] Albanesi e Macedoni iniziarono a cercare mezzi legali per lasciare l'esercito federale o svolgere il servizio militare obbligatorio in Macedonia; questi comportamenti omogeneizzarono ulteriormente la composizione etnica delle truppe JNA che stazionavano ai confini e nella Croazia.[96]

Un mese dopo la dichiarazione di indipendenza della Croazia, l'esercito jugoslavo e altre forze serbe avevano il controllo di poco meno di un terzo del territorio croato,[95] per la maggior parte aree con una popolazione di etnia serba predominante.[97][98] Le forze jugoslave e serbe erano superiori per equipaggiamenti e armi. La loro strategia in parte consisteva nel cannoneggiamento intensivo, talvolta senza tenere conto della presenza di civili.[99] Con il procedere della guerra, le città di Ragusa, Gospic, Sebenico, Zara, Karlovac, Sisak, Slavonski Brod, Osijek, Vinkovci e Vukovar finirono sotto attacco della forze jugoslave.[100][101][102][103] Le Nazioni unite (UN) imposero un embargo sulle armi; ciò non ebbe effetti significativi sulle forze serbe supportate dalla JNA, in quanto avevano gli arsenali federali a loro disposizione, ma l'embargo causò seri problemi al neo costituito esercito croato e il governo della Croazia avviò un contrabbando di armi attraverso le sue frontiere.[104][105]

Nell'agosto 1991, la città di confine di Vukovar finì sotto attacco e iniziò la Battaglia di Vukovar.[106][107] La Slavonia orientale fu fortemente impattata dal conflitto in questo periodo a cominciare dal massacro di Dalj dell'agosto 1991;[108] il fronte si delineò intorno a Osijek e Vinkovci in parallelo con l'accerchiamento di Vukovar.[109][110][111][112][113][114]

Nel settembre, le truppe serbe accerchiarono completamente la città di Vukovar. Le forze croate, compreso la 204ma Brigata Vukovar, si trincerarono in città e mantennero le posizioni contro le unità corazzate e meccanizzate di élite della JNA,[115] e contro le unità paramilitari serbe.[116][117][118] Alcuni civili di etnia croata avevano trovato riparo all'interno della città. Altri membri della popolazione civile abbandonarono la zona in massa. Il numero stimato delle vittime causate dall'assedio di Vukovar oscilla tra le 1798 e 5000 persone.[119] Ulteriori 22 000 furono costretti ad abbandonare la città immediatamente dopo che venne catturata.[120][121]

A Gospic, nella sola notte tra il 16 e 17 ottobre 1991, 150 civili serbi, tra cui 48 donne, vennero deportati verso una località sconosciuta.[122] Azioni del genere si ripercossero in altre città come monito per i serbi a lasciare la Croazia. A Sisak furono giustiziati circa 100 civili serbi[123], a Osijek ne morirono circa un centinaio[124]. Anche a Zagabria vennero prelevati con la forza circa 280 civili serbi, poi condotti a Pakrac e giustiziati.

Nel dicembre 1991, dopo una serie di "cessate il fuoco" non rispettati, l'ONU dispiegò una forza di mantenimento della pace in alcune parti della Croazia detenute da serbi al fine di controllare il territorio ed imporre una tregua in attesa di una soluzione diplomatica.

1992[modifica | modifica wikitesto]

Bombardamento di Karlovac

Nel gennaio 1992 scattò il ventunesimo cessate il fuoco sotto l'egida delle Nazioni Unite, prontamente disatteso il 7 gennaio dello stesso anno da un pilota dell'Esercito Popolare Jugoslavo (JNA), Emir Šišić, che abbatté un elicottero dell'Unione europea in volo da Belgrado alla Croazia senza preavviso e senza motivazione[125]; un secondo elicottero atterrò immediatamente per scampare all'attacco. In tale occasione, l'eccidio di Podrute, morirono cinque osservatori dei quali quattro italiani ed un francese.

La Comunità europea intanto riconobbe la Croazia il 15 gennaio 1992[126], determinando la ritirata dello JNA dallo Stato, con la promessa però fatta ai serbi di Krajina di intervenire militarmente in caso di loro pericolo. Il mandato dell'UNPROFOR fu presto esteso a una zona che comprendeva gran parte della Krajina che non era stata inclusa nel primo accordo[127] e la Croazia divenne membro delle Nazioni Unite il 22 maggio 1992[128]. Nonostante ciò, la Repubblica Serba di Krajina mantenne le sue posizioni militari.

Il conflitto in Croazia continuò, ma con un'intensità più debole. Le forze armate croate eseguirono varie operazioni di piccole dimensioni che non furono fermate dalla presenza delle forze delle Nazioni Unite; tali operazioni furono:

  • Operazione "Oktos-10", 31 ottobre - 4 novembre 1992.
  • Attacco all'altopiano di Miljevac.
  • Presso Ragusa furono eseguite le seguenti azioni:
    • operazione Tigre, 1 luglio - 13 luglio 1992;
    • a Konavle dal 20 al 24 settembre 1992;
    • a Vlaštica dal 22 al 25 settembre 1992.
  • Le colline "Krizevci" vicino a Bibigne e Zara.

Come ritorsione per queste azioni, la Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina bombardò alcune postazioni croate in Slavonia.

1993[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi operazione Medak Pocket.

L'operazione Medak Pocket (sacca di Medack) fu completata nel settembre 1993, quando le forze croate attaccarono la piccola e montagnosa regione di Lika, provocando un incidente internazionale. Furono uccise 88 persone, fra cui molti vecchi e donne.[senza fonte]

In questa incursione sul territorio serbo nessun militare croato rimase ferito, mentre i villaggi di Divoselo, Čitluk e Počitelj furono rasi al suolo. Dopo la cessazione delle ostilità venne firmato un nuovo accordo che portava la sacca di Medack sotto il pieno controllo delle Nazioni Unite. Mentre l'ONU occupava territorio in questione, un reparto canadese ebbe uno scontro a fuoco con un nucleo di militari croati.

Dopo l'operazione Medak Pocket l'esercito croato non iniziò altre offensive per 12 mesi, rivolgendo piuttosto la sua attenzione alla Bosnia. Il Tribunale dell'Aja interrogò gli ufficiali croati Janko Bobetko, Rahim Ademi e Mirko Norac con l'accusa di crimini di guerra durante queste azioni.

1994[modifica | modifica wikitesto]

Bombardamento di Osijek

Alija Izetbegović (presidente bosniaco) e Franjo Tuđman firmarono un accordo il 18 marzo a Washington[129] relativo alla pacificazione e all'istituzione della Federazione Croato-Musulmana, dopo il conflitto croato-bosgnacco durato per più di un anno nell'Erzegovina croata e nelle enclavi croate in Bosnia. La Croazia siglò l'accordo in un'ottica di preparazione per la lotta contro i serbi (soprattutto in Croazia).

Nel marzo 1994 le autorità della Krajina firmarono un accordo di cessate il fuoco. Verso la fine dell'anno l'esercito croato era più volte intervenuto in Bosnia: dall'1 al 3 novembre in un'operazione vicino a Kupres e Cincar e dal 29 novembre al 24 dicembre in una operazione presso la Dinara di Livno. Queste operazioni avevano lo scopo di ridurre la pressione sull'enclave bosgnacca di Bihać e come approccio a nord di Tenin, capitale della Repubblica Serba di Krajina[non chiaro].

Durante questo periodo ci fu il fallimento dei negoziati tra i governi della Croazia e della Repubblica Serba di Krajina, nonostante l'ONU si fosse posto come mediatore.

1995[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Operazione Tempesta.
Profuga serba in fuga dalla Krajina

Il 1 ° Maggio 1995 iniziava l'Operazione Lampo conclusasi il giorno successivo.

Alle ore 5.30 i membri delle 3º e della 5º brigata e quelle della polizia speciale croata da tre direzioni si diressero verso il territorio che era controllato dai serbi. Nel pomeriggio del 2 maggio, quasi tutti i serbi furono espulsi e costretti ad arrendersi a Pakrac.

Nell 'estate del 1995 le forze croate e bosniache unite occuparono le città di importanza strategica in Bosnia che erano state precedentemente controllate dai serbi di Bosnia: Glamoc, Grahovo e Drvar. Questo ridusse le linee di rifornimento dei serbi in Croazia e la città di Knin rimase assediata su tre lati.

L'Operazione Tempesta ebbe inizio la mattina del 4 agosto: gli aerei della NATO bombardarono i radar serbi sul monte Pljesevica, e poi iniziò un fuoco di artiglieria di massa su un fronte lungo 630 km. La 4º e 7º Brigate croate ruppero il fronte e catturarono Knin e il 5 agosto la maggior parte della Dalmazia. Al 6 agosto, le Brigate nere (unità speciali croate) avanzarono nel territorio intorno alla città di Slunj (a nord dei laghi di Plitvice) progredendo fino al confine con la Bosnia ed Erzegovina, dove si incontrarono con le forze bosgnacche dell'Armata della Repubblica di Bosnia ed Erzegovina nella parte occidentale della Krajina bosniaca, dove erano stati conquistati 13 comuni serbi. La sera del 7 agosto, l'operazione è stata ufficialmente conclusa.

L'Esodo[modifica | modifica wikitesto]

Durante l'Operazione Tempesta ha avuto luogo un esodo di massa del popolo serbo [29]: file interminabili di persone in auto, carrozze, su trattori, i rimorchi ed a piedi si vedeva sulla strada della Serbia. Questo evento coperto dai media non ebbe alcuna reazione unitaria e nessuna forte volontà politica da parte comunità internazionale. Diverse sono le stime del numero totale dei profughi serbi in quell'occasione. Il ritorno di queste persone nelle loro case, dura fino ad oggi.

Impatto e conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Vittime e profughi[modifica | modifica wikitesto]

Cimitero di guerra contenente 938 tombe delle vittime dell'assedio di Vukovar
Il campo di prigionia di Stajićevo in Serbia raccolse prigionieri di guerra croati e semplici civili sorvegliati dalle autorità serbe

La maggior parte delle fonti stima il numero totale delle morti per entrambi gli schieramenti attorno a 20.000.[130][131][132] A detta del capo della commissione croata per le persone disperse, colonnello Ivan Grujić, la Croazia subì 12.000 morti o dispersi, inclusi 6.788 soldati e 4.508 civili.[133] Goldstein accenna a 13.583 morti o dispersi croati.[134] Al 2010, la Croazia contava ancora 1.997 persone disperse.[135] Al 2009, c'erano più di 52.000 persone in Croazia classificate come disabili in seguito alla loro partecipazione al conflitto;[136] Tale numero non include solamente le persone menomate dalle ferite, ma anche cittadini con problemi di salute cronici dovuti al conflitto, come diabete, cardiopatia e disturbo post traumatico da stress[137] (quest'ultima malattia fu riscontrata nel 2010 in 32.000 persone)[138].

In totale, la guerra causò 500.000 tra rifugiati e deportati, la maggior parte dei quali dovuta alle offensive dello JNA del 1991 e 1992.[139][140][141] Dai 196.000[142] ai 221.000[143] o ai 247.000 (al 1993)[144] croati ed altre persone non serbe vennero sfollate dalla Krajina o dalle zone limitrofe. L'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) nel 2006 sostenne che i deportati furono 221.000, 218.000 dei quali poi tornati nelle loro case.[143] Dal 1991, circa 150.000 croati provenienti dalla Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina hanno ottenuto la cittadinanza croata, molti in seguito ad espulsioni forzate come quella occorsa nel villaggio di Hrtkovci.[145][146]

L'organizzazione non governativa veritàs, domiciliata a Belgrado, ha stilato una lista di 6.780 tra morti e dispersi della Krajina, di cui 4.324 militari e 2.344 civili. Gran parte di questi caddero uccisi o vennero definiti dispersi nel 1991 (2.442 persone) e nel 1995 (2.394 persone), con il numero di morti più elevato nella Dalmazia settentrionale (1.632 persone).[147] Lo JNA ha ufficialmente riconosciuto di aver avuto 1.279 morti nel corso della guerra. Tale numero sembra però inferiore alla realtà, dato che molte morti non sono state registrate.[148]

Secondo fonti serbe circa 120.000 serbi vennero deportati nel periodo 1991-1993 e 250.000 dopo l'operazione Tempesta.[149] Molte fonti internazionali stimano il numero totale dei serbi deportati attorno a 300.000. Amnesty International ne cita per l'appunto 300.000 dal 1991 al 1995, 117.000 dei quali ufficialmente registrati e tornati a casa entro il 2005.[2] Cifre simili si riscontrano anche nell'OSCE. Secondo l'UNHCR, nel 2008 erano ritornate in Croazia 125.000 persone, 55.000 delle quali per rimanervi stabilmente.[150] Per fornire assistenza alle vittime della guerra, in Croazia sono sorte numerose associazioni non governative, la più importante delle quali è la HVIDRA[151]

Danni e campi minati[modifica | modifica wikitesto]

Crimini di guerra e l'ICTY[modifica | modifica wikitesto]

Ruolo della Serbia[modifica | modifica wikitesto]

Durante la guerra[modifica | modifica wikitesto]

Territori controllati dalle forze serbe durante le guerre jugoslave. È largamente condivisa l'opinione che Milošević volesse creare una "Grande Serbia" unendo tutti i serbi dopo lo sfacelo della Jugoslavia.[152][153][154][155]

Mentre Serbia e Croazia non si dichiararono mai guerra, la Serbia venne, direttamente ed indirettamente, coinvolta nel conflitto attraverso una serie di azioni[156] determinate anche dal fatto che essa possedeva gran parte del materiale bellico dell'ex armata popolare jugoslava (JNA). A seguito dello sgretolarsi della Jugoslavia, la Serbia si trovò con una forte manodopera e venne collegata alla guerra dal fatto che uomini serbi erano presenti nell'ex presidenza jugoslava e al ministero della difesa.[157] La Serbia supportò nei fatti varie unità paramilitari formate da volontari serbi desiderosi di combattere in Croazia.[116][158] Nonostante non si verificarono scontri nel suolo serbo e montenegrino, il coinvolgimento di enterambi nella guerra d'indipendenza croata è evidente anche guardando ai campi di prigionia ospitati dai due stati, luoghi in cui vennero commessi vari crimini ai danni dei detenuti croati.[159]

Il processo a Milošević tenuto dal Tribunale Penale Internazionale per l'ex-Jugoslavia (ICTY) ha rivelato la presenza di numerosi documenti attestanti il coinvolgimento di Belgrado nelle guerre in Croazia e Bosnia.[160] Le prove esposte al processo hanno mostrato in maniera chiara come la Serbia e la Repubblica Federale di Jugoslavia finanziarono il prosieguo della guerra in Croazia, fornendo inoltre armi e materiali a sostegno dei serbi residenti in Bosnia e Croazia e dimostrando altresì la messa in funzione di strutture amministrative per perseguire tali scopi.[1] È stato accertato che Belgrado contribuì, nel 1993 e in maniera segreta, a più del 90% delle entrate presenti nel bilancio della Repubblica Serba di Krajina, la cui banca nazionale servì come "distaccamento" della banca nazionale jugoslava, tanto che nel 1994 la moneta corrente jugoslava, della Krajina e della Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina era la stessa (la manovra tra l'altro creò una iperinflazione nella Jugoslavia). Altre prove hanno dimostrato che alcune branche del servizio contabile statale della Krajina vennero incamerate nel maggio 1991 nella controparte serba.[161] Nel 1993 il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti d'America riportò che dopo le operazioni a Maslenica e nella sacca di Medak le autorità serbe dispiegarono varie unità di volontari nei territori croati occupati dai serbi per continuare i combattimenti.[144] Un segretario di Željko Ražnatović, militare serbo autore di numerosi crimini di guerra, testimoniò che il suo leader prelevava denaro direttamente dalle casse della polizia segreta di Milošević.[162] L'influenza serba si estese anche alle negoziazioni tra Croazia e Krajina, con quest'ultimo paese che consultò spesso Milošević prima di prendere una decisione,[163] compresa quella di siglare l'accordo di Erdut.[164][165][166]

I mass media serbi vennero manipolati per infuocare il conflitto,[167] inventandosi fatti o distorcendo informazioni per giustificare l'operato della Krajina o della JNA. Alcuni esempi sono la diffusione della notizia di civili serbi uccisi dalla polizia croata a Pakrac (eccidio mai avvenuto)[168] e il divampare di incendi a Ragusa in seguito a bombardamenti di artiglieria JNA, mentre in realtà i fuochi erano conseguenza di gomme bruciate dagli stessi croati.[169]

Dopo la guerra[modifica | modifica wikitesto]

Il memoriale del massacro di Ovčara a Vukovar, dove il presidente serbo Boris Tadić ha presentato le scuse e il rammarico del proprio paese per l'accaduto[170]

Dopo l'accordo di Erdut che mise fine alla guerra d'indipendenza croata nel 1995, lentamente le relazioni tra Serbia e Croazia migliorarono, con l'avvio di contatti diplomatici nel 1996.[171] La Croazia sporse denuncia contro la Repubblica Federale di Jugoslavia il 2 luglio 1999 appellandosi all'articolo IX della Convenzione sulla prevenzione e la repressione dei genocidi.[172] La fine della Repubblica Federale di Jugoslavia seguita da Serbia e Montenegro, a sua volta scomparsa a favore delle indipendenti Serbia e Montenegro, ha identificato la Serbia come "erede" ufficiale della Jugoslavia,[172] e come tale dovette difendersi dalle accuse della Croazia portate avanti dall'avvocato statunitense David B. Rivkin.[173] La Serbia, a sua volta, accusò di genocidio la Croazia il 4 gennaio 2010[174] denunciando scomparse, uccisioni, deportazioni ed azioni militari illegali, in piena prosecuzione dei genocidi in Jugoslavia durante la seconda guerra mondiale perpetrati dallo Stato Indipendente di Croazia.[175]

Nel 2010 i rapporti tra i due stati migliorarono grazie ad un accordo su come gestire i vecchi campi di concentramento,[176] alla visita del presidente croato Ivo Josipović a Belgrado[177] e alla visita del presidente serbo Boris Tadić a Zagabria e Vukovar. Proprio Tadić, nel corso del suo viaggio, espresse le scuse e il rammarico di tutto il suo paese per gli scontri degli anni precedenti, mentre Josipović auspicò, presso il monumento a ricordo del massacro di Ovčara, che nessun crimine debba rimanere impunito.[178]

Ruolo della comunità internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Il conflitto si sviluppò quando l'attenzione mondiale era incentrata nella guerra del Golfo in Iraq e nel crescente prezzo del petrolio, fenomeno accompagnato da una flessione della crescita economica mondiale.[179] Allo stesso tempo crebbero nell'Occidente le correnti nazionaliste e in Russia prese sempre più piede la politica del laissez-faire.[180] Nel 1989 la comunità internazionale assunse un atteggiamento amichevole verso il governo jugoslavo, con l'ONU che impose un embargo di armi a tutte le repubbliche separatiste jugoslave.[181][182]

Alla fine del 1991 il riconoscimento di Slovenia e Croazia, e di conseguenza lo status della Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia, diventò, per gli Stati di tutto il mondo, una questione delicata. Stati di recente formazione come Lituania, Lettonia e Ucraina riconobbero l'indipendenza di Slovenia e Croazia, che a loro volta si erano riconosciuti l'un l'altro (la Città del Vaticano riconobbe poi la sola Croazia cattolica). L'Islanda, il primo paese occidentale a riconoscere i due ex stati jugoslavi, si aggiunse agli Stati baltici il 19 dicembre 1991.[183] A seguire, tra il 19 ed il 23 dicembre, si accodarono Germania, Svezia e Italia,[16] mentre l'Unione Europea riconobbe le due repubbliche il 15 gennaio 1992.

Ecco riassunta la posizione di quattro tra i più influenti paesi del mondo:[184]

  • Stati Uniti Stati Uniti: gli Stati Uniti di George H. W. Bush, come la Gran Bretagna, assunsero un atteggiamento neutrale, almeno fino alla fine del 1992, quando Bill Clinton succedette alla presidenza comportandosi in maniera opposta al suo predecessore.
  • Germania Germania: il governo di Helmut Kohl mostrò più interesse alla questione croata rispetto a Gran Bretagna e USA, e avrebbe potuto intraprendere azioni più significative se non fosse stato per l'enorme impegno che richiedeva la riunificazione tedesca.
  • Russia Russia: i paesi orientali, come ad esempio la Russia, erano vicini alla Serbia per motivi sia linguistici che culturali. La Russia fu restia a riconoscere l'indipendenza della Croazia,[185] ma non ebbe un ruolo attivo nell'incoraggiare l'espansione serba.

Film e documentari[modifica | modifica wikitesto]

  •  Janko Baljak. Vukovar – Final Cut. B92, , 2006. URL consultato in data 30 gennaio 2011. - Sull'assedio di Vukovar
  •  Božidar Knežević. Oluja nad Krajinom. Factum, , 2001. URL consultato in data 30 gennaio 2011. - Operazione Tempesta
  •  Norma Percy. The Death of Yugoslavia. BBC, , 3 settembre 1995. URL consultato in data 29 gennaio 2011. - Collasso della Jugoslavia
  •  Srđa Pavlović. War for Peace. 2007. URL consultato in data 29 gennaio 2011. - Documentario montenegrino sull'assedio di Ragusa.[186]
  •  Jakov Sedlar. Hrvatska ljubavi moja. Spot Studio, , 2006. URL consultato in data 30 gennaio 2011. - Rapporti post-bellici tra la Croazia e il Tribunale Penale Internazionale per l'ex-Jugoslavia
  •  Višnja Starešina. Zaustavljeni glas. Interfilm, , 2010. URL consultato in data 30 gennaio 2011. - Sull'assedio di Vukovar e la morte di Siniša Glavašević
  •  Filip Švarm, Veran Matić. The Unit. B92, Vreme, , 2006. URL consultato in data 30 gennaio 2011. - Sull'unità paramilitare serba denominata "Berretti rossi"
  •  Danica Vučenić. Glave dole ruke na leđa. B92, ANEM, , 2003. URL consultato in data 30 gennaio 2011. - Sui campi di prigionia in Serbia
  •  Élie Chouraqui. Harrison's Flowers. StudioCanal, France 2, Canal+, , 2000. URL consultato in data 30 gennaio 2011.
  •  Vinko Brešan. Kako je poceo rat na mom otoku. 1996. URL consultato in data 24 luglio 2011.
  •  E.R. - Medici in prima linea. NBC, ANEM, . URL consultato in data 30 gennaio 2011. - Il personaggio del Dr. Luka Kovač, impersonato da Goran Višnjić, che nella serie apparve per la prima volta nel 1999, ha perso la moglie e i bambini nella guerra d'indipendenza croata, uccisi da un colpo di artiglieria esploso nella loro casa

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Weighing the Evidence, Human Rights Watch, 13 dicembre 2006. URL consultato il 18 novembre 2010.
  2. ^ a b Croatia: "Operation Storm" - still no justice ten years on by Amnesty International, August 26, 2005.
  3. ^ Home again, 10 years after Croatia's Operation Storm, UNHCR, 5 agosto 2005. URL consultato il 17 marzo 2010.
  4. ^ Zubrinic, Darko, The period of Croatia within ex-Yugoslavia (1918–1941, 1945–1991), croatianhistory.net, 1995. URL consultato il 30 gennaio 2011.
  5. ^ Srbija-Hrvatska, temelj stabilnosti, B92.net, 4 novembre 2010. URL consultato il 22 dicembre 2010.
  6. ^ Milan Martić verdict, ICTY, 26 giugno 2009. URL consultato l'11 settembre 2010.
    «The Trial Chamber found that the evidence showed that the President of Serbia, Slobodan Milošević, openly supported the preservation of Yugoslavia as a federation of which the SAO Krajina would form a part. However, the evidence established that Slobodan Milošević covertly intended the creation of a Serb state. This state was to be created through the establishment of paramilitary forces and the provocation of incidents in order to create a situation where the JNA could intervene. Initially, the JNA would intervene to separate the parties but subsequently the JNA would intervene to secure the territories envisaged to be part of a future Serb state.».
  7. ^ a b c Final report of the United Nations Commission of Experts established pursuant to security council resolution 780 (1992), Annex IV - The policy of ethnic cleansing; Prepared by: M. Cherif Bassiouni., Nazioni Unite, 28 dicembre 1994. URL consultato il 19 marzo 2011.
  8. ^ Milan Babić verdict, ICTY, 26 giugno 2009. URL consultato l'11 settembre 2010.
    «He participated in the provision of financial, material, logistical, and political support for the military take-over of territories and requested the assistance or facilitated the participation of Yugoslav People's Army (JNA) in establishing and maintaining control of those territories.».
  9. ^ Ivan Strižić: Bitka za Slunj—obrana i oslobađanje grada Slunja i općina Rakovice, Cetingrada, Saborsko i Plitvička Jezera od velikosrbske agresije, Naklada Hrvoje, Zagreb, 2007, p. 124, ISBN 978-953-95750-0-5
  10. ^ Milan Martić sentenced to 35 years for crimes against humanity and war crimes, International Criminal Tribunal for the former Yugoslavia, 12 giugno 2007. URL consultato il 24 agosto 2010.
  11. ^ Judgement Summary for Gotovina et al., Haag, ICTY, 15 aprile 2011. URL consultato il 15 aprile 2011.
  12. ^ Kadijević 1993, pp. 134–135
  13. ^ Bjelajac, Žunec, Boduszynski, Draschtak, Graovac, Kent, Malli, Pavlović, Vuić 2009, p. 241
  14. ^ (EN) The New York Times, Yugoslavia Army Begins Offensive, 18 ottobre 1991. URL consultato il 23 luglio 2011.
  15. ^ (EN) The Guardian, Croatian coast straining under 200,000 refugees: Yigan Chazan in Split finds room running out for the many escaping from war in Bosnia, 9 giugno 1992. URL consultato il 23 luglio 2011.
  16. ^ a b The New York Times, Slovenia and Croatia Get Bonn's Nod, 24 dicembre 1991. URL consultato il 16 dicembre 2010.
  17. ^ The New York Times, 3 Ex-Yugoslav Republics Are Accepted Into U.N., 23 maggio 1992. URL consultato il 12 dicembre 2010.
  18. ^ Profil, Republika Hrvatska i Domovinski rat 1990. – 1995. dokumenti. URL consultato il 20 gennaio 2011.
  19. ^ a b (EN) Dean E. Murphy, Croats Declare Victory, End Blitz, 8 agosto 1995. URL consultato il 18 dicembre 2010.
  20. ^ (EN) The New York Times, CROATIA HITS AREA REBEL SERBS HOLD, CROSSING U.N. LINES, 2 maggio 1995. URL consultato il 18 dicembre 2010.
  21. ^ a b (EN) The New York Times, SERBS IN CROATIA RESOLVE KEY ISSUE BY GIVING UP LAND, 12 novembre 1995. URL consultato il 18 dicembre 2010.
  22. ^ (EN) The New York Times, An Ethnic Morass Is Returned to Croatia, 16 gennaio 1998. URL consultato il 18 dicembre 2010.
  23. ^ World of Information, Europe Review, Kogan Page, 2003, p. 75, ISBN 0-7494-4067-8. URL consultato il 18 dicembre 2010.
  24. ^ Presidents apologise over Croatian war in BBC News Online, BBC, 10 settembre 2003. URL consultato il 7 febbraio 2010.
  25. ^ UN agency welcomes Serbia-Croatia agreement on refugee, return issues, United Nations, 26 novembre 2010. URL consultato il 18 dicembre 2010.
  26. ^ Vesna Pešić, Serbian Nationalism and the Origins of the Yugoslav Crisis in Peaceworks, nº 8, United States Institute for Peace, aprile 1996, p. 12. URL consultato il 10 dicembre 2010.
  27. ^ a b Kosovo in The New York Times, 12 luglio 2010. URL consultato il 10 dicembre 2010.
  28. ^ Henry Kamm, Yugoslav republic jealously guards its gains in The New York Times, 8 dicembre 1985. URL consultato il 10 dicembre 2010.
  29. ^ A Kosovo Primer, Time. URL consultato il 10 dicembre 2010.
  30. ^ Serbia's Vojvodina Regains Autonomy, Radio Free Europe/Radio Liberty, 15 dicembre 2009. URL consultato il 10 dicembre 2010.
  31. ^ (SCR) Slovenija, saveznica Hrvatske tijekom razlaza s jugoslavenskom državom (od "nenačelne koalicije" do raspada vojnog saveza 1989.-1991.) - Slovenia – alleata della Croazia al collasso dello stato Jugoslavo: dalla "Coalizione senza principi" fino alla rottura della alleanza militare, 1989–1991 (PDF) in Časopis za suvremenu povijest, vol. 40, nº 1, Hrvatski institut za povijest, 1º giugno 2008, pp. 91–93, ISSN 0590-9597. URL consultato il 10 dicembre 2010.
  32. ^ Tim Judah, Tyrant's defeat marks Serbs' day of destiny in The Guardian, 1º luglio 2001. URL consultato il 19 dicembre 2010.
  33. ^ Vojislav Seselj indictment (PDF), International Criminal Tribunal for the former Yugoslavia, 15 gennaio 2003. URL consultato l'8 ottobre 2010.
  34. ^ Slobodan Milosevic Transcript, case NO. IT-94-1-T, 4 dicembre 2002. URL consultato il 27 gennaio 2011.
  35. ^ A Country Study: Yugoslavia (Former): Political Innovation and the 1974 Constitution (chapter 4), The Library of Congress. URL consultato il 27 gennaio 2011.
  36. ^ Mesić 2004, p. 33
  37. ^ Henry Kamm, Yugoslav Police Fight Off A Siege In Provincial City in New York Times, 9 ottobre 1988. URL consultato il 2 febbraio 2010.
  38. ^ Leaders of a Republic In Yugoslavia Resign in The New York Times, Reuters, 12 gennaio 1989. URL consultato il 7 febbraio 2010.
  39. ^ Frucht 2005, p. 433
  40. ^ Branka Magas, Obituary: Franjo Tudjman in The Guardian, 13 dicembre 1999. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  41. ^ (SCR) Ivica Radoš, Tuđmana je za posjeta Americi 1987. trebao ubiti srpski vojni likvidator - Durante la sua visita in America del 1987, si sospetta che Tuđman doveva essere ucciso da un sicario militare serbo in Večernji list, Styria Media Group, 9 dicembre 2009. URL consultato l'8 ottobre 2010.
  42. ^ (SCR) Davor Pauković, Posljednji kongres Saveza komunista Jugoslavije: uzroci, tijek i posljedice raspada - L'ultimo congresso della Lega dei Comunisti di Jugoslavia: cause, conseguenze e percorso della dissoluzione (PDF) in Časopis za suvremenu povijest, vol. 1, nº 1, Centar za politološka istraživanja, 1º giugno 2008, pp. 21–33, ISSN 1847-2397. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  43. ^ Ivica Racan in The Times, 30 aprile 2007. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  44. ^ a b c Goldstein 1999, p. 214
  45. ^ Chuck Sudetic, Serbs Refuse to Negotiate in Croatia in The New York Times, 5 agosto 1991. URL consultato il 24 gennaio 2011.
  46. ^ The Prosecutor v. Milan Babic – Factual Statement (PDF), ICTY, 2004. URL consultato il 21 gennaio 2011.
  47. ^ Ramet 2006, p. 382
  48. ^ Yugoslavia: Demonstrations in Croatia and Vojvodina, UNCHR, 1º maggio 1990. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  49. ^ EVOLUTION IN EUROPE; Yugoslavia Hopes for Free Vote in '90 in The New York Times, 23 aprile 1990. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  50. ^ a b EVOLUTION IN EUROPE; Conservatives Win in Croatia in The New York Times, 9 maggio 1990. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  51. ^ Day When Maksimir Stadium Went up in Flames, Dalje.com, 13 maggio 2009. URL consultato il 19 gennaio 2011.
  52. ^ a b c d e f g ICTY, The Prosecutor vs. Milan Martic (paragraph 127–150), ICTY, 12 giugno 2007. URL consultato l'11 agosto 2010.
  53. ^ a b Bjelajac, Žunec, Boduszynski, Draschtak, Graovac, Kent, Malli, Pavlović, Vuić 2009, pp. 237, 240
  54. ^ Croatia in Yugoslavia, 1945–91 in Enciclopedia Britannica, Encyclopædia Britannica, Inc.. URL consultato il 18 novembre 2010.
  55. ^ a b Crisis in the Kremlin; Croatia Takes Right to Secede in The New York Times, Associated Press, 22 dicembre 1990. URL consultato il 10 dicembre 2010.
  56. ^ Vesna Pešić, Serbian Nationalism and the Origins of the Yugoslav Crisis in Peaceworks, nº 8, United States Institute for Peace, aprile 1996, pp. 11, 26. URL consultato il 10 dicembre 2010.
  57. ^ Chuck Sudetic, Croatia's Serbs Declare Their Autonomy in The New York Times, 2 ottobre 1990. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  58. ^ Chuck Sudetic, Serb Minority Seek Role in a Separate Croatia in The New York Times, 7 agosto 1990. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  59. ^ a b Roads Sealed as Yugoslav Unrest Mounts in The New York Times, Reuters, 19 agosto 1990. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  60. ^ Armed Serbs Guard Highways in Croatia During Referendum in The New York Times, 20 agosto 1990. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  61. ^ IWPR news report: Martic "Provoked" Croatian Conflict in iwpr.net, Institute for War and Peace Reporting, 17 febbraio 2006. URL consultato il 7 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 5 gennaio 2011).
  62. ^ Chuck Sudetic, Truce in Croatia on Edge of Collapse in The New York Times, 19 agosto 1991. URL consultato il 15 dicembre 2010.
  63. ^ Milan Babić Transcript, ICTY, 17 febbraio 2006. URL consultato il 10 gennaio 2011.
  64. ^ History—Territorial Defence, Slovenian Armed Forces. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  65. ^ Defiant Yugoslav Republics Brace for Assault in The New York Times, Associated Press, 20 gennaio 1991. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  66. ^ Chuck Sudetic, Yugoslavia Warns Croatia to Disarm Its Forces in The New York Times, 22 gennaio 1991. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  67. ^ Chuck Sudetic, Defiant Croatian Republic Refuses to Disarm Paramilitary Police in The New York Times, 29 gennaio 1991. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  68. ^ Chuck Sudetic, Confrontation in Yugoslavia Headed Off in The New York Times, 27 gennaio 1991. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  69. ^ Milan Martic Transcripts - p. 1360, International Criminal Tribunal for the Former Yugoslavia, 15 febbraio 2006. URL consultato il 12 maggio 2011.
  70. ^ Stephen Engelberg, Belgrade Sends Troops to Croatia Town in The New York Times, 3 marzo 1991. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  71. ^ Stephen Engelberg, Serb-Croat Showdown in One Village Square in The New York Times, 4 marzo 1991. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  72. ^ Chuck Sudetic, Deadly Clash in a Yugoslav Republic in The New York Times, 1º aprile 1991. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  73. ^ 19th anniversary of Plitvice action commemorated in morh.hr, Ministry of Defence of the Republic of Croatia, 31 marzo 2010. URL consultato l'11 settembre 2010.
  74. ^ David Binder, Serbian Official Declares Part of Croatia Separate in The New York Times, 18 marzo 1991. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  75. ^ Chuck Sudetic, Rebel Serbs Complicate Rift on Yugoslav Unity in The New York Times, 2 aprile 1991. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  76. ^ Eastern Europe and the Commonwealth of Independent States in Routledge, 1998, p. 272–278, ISBN 1-85743-058-1. URL consultato il 16 dicembre 2010.
  77. ^ Chronology of the homeland war in osrh.hr, Forze Armate della Croazia. URL consultato l'11 dicembre 2010.
  78. ^ John Pike, Serbo-Croatian War, GlobalSecurity.org, 20 ottobre 2005. URL consultato il 7 febbraio 2010.
  79. ^ Celestine Bohlen, New Crisis Grips Yugoslavia Over Rotation of Leadership in The New York Times, 16 maggio 1991. URL consultato il 12 dicembre 2010.
  80. ^ Celestine Bohlen, Yugoslavia Fails to Fill Presidency in The New York Times, 18 maggio 1991. URL consultato il 12 dicembre 2010.
  81. ^ Chuck Sudetic, CROATIA REJECTS A YUGOSLAV PANEL in The New York Times, 19 maggio 1991. URL consultato il 12 dicembre 2010.
  82. ^ Chuck Sudetic, Belgrade Orders Army to Return To Its Barracks in The New York Times, 1º luglio 1991. URL consultato il 12 dicembre 2010.
  83. ^ Croatia Calls for EC-Style Yugoslavia in Los Angeles Times, 16 luglio 1991. URL consultato il 20 dicembre 2010.
  84. ^ (SCR) ODLUKA o raspisu - DECISIONE del referendum in Narodne Novine, Narodne Novine d.d., 2 maggio 1991. URL consultato il 3 gennaio 2011.
  85. ^ Chuck Sudetic, Croatia Votes for Sovereignty and Confederation in The New York Times, 20 maggio 1991. URL consultato il 12 dicembre 2010.
  86. ^ Chuck Sudetic, 2 YUGOSLAV STATES VOTE INDEPENDENCE TO PRESS DEMANDS in The New York Times, 26 giugno 1991. URL consultato il 12 dicembre 2010.
  87. ^ (SCR) DEKLARACIJA o proglašenju suverene i samostalne Republike Hrvatske - Proclamazione della sovranità e indipendenza della Repubblica di Croazia in Narodne Novine, Narodne Novine d.d., 25 giugno 1991. URL consultato il 12 dicembre 2010.
  88. ^ Alan Riding, Europeans Warn on Yugoslav Split in The New York Times, 28 giugno 1991. URL consultato il 12 dicembre 2010.
  89. ^ Chuck Sudetic, Conflict in Yugoslavia; 2 Yugoslav States Agree to Suspend Secession Process in The New York Times, 29 giugno 1991. URL consultato il 12 dicembre 2010.
  90. ^ Chuck Sudetic, Conflict in Yugoslavia; Yugoslav Troops Battle Slovenes, Ending Cease-Fire in The New York Times, 3 luglio 1991. URL consultato il 13 dicembre 2010.
  91. ^ Carol J. Williams, Yugoslavia to Withdraw Troops From Slovenia in Los Angeles Times, 19 luglio 1991. URL consultato il 13 dicembre 2010.
  92. ^ (SR) IZJAVA NA OSNOVU PRAVILA 89 (F) - STATEMENT PURSUANT TO RULE 89 (F), International Criminal Tribunal for the former Yugoslavia, 16 novembre 2003. URL consultato il 18 gennaio 2011.
  93. ^ a b Stephen Engelberg, Yugoslav Army Revamping Itself After Setbacks in The New York Times, 16 luglio 1991. URL consultato il 13 dicembre 2010.
  94. ^ a b Army Leaves More Towns in Croatia in Los Angeles Times, 29 settembre 1991. URL consultato il 13 dicembre 2010.
  95. ^ a b Charles T. Powers, Serbian Forces Press Fight for Major Chunk of Croatia in Los Angeles Times, 1º agosto 1991. URL consultato il 13 dicembre 2010.
  96. ^ Croatia and the Federal Republic of Yugoslavia (FRY): Military Service in United Nations High Commissioner for Refugees – Refworld, Immigration and Refugee Board of Canada, 1º settembre 1993. URL consultato il 13 dicembre 2010.
  97. ^ Chuck Sudetic, Croat Turn Down a New Peace Pact in The New York Times, 24 luglio 1991. URL consultato il 13 dicembre 2010.
  98. ^ Stephen Engelberg, Serbia Sending Supplies to Compatriots in Croatia in The New York Times, 27 luglio 1991. URL consultato il 13 dicembre 2010.
  99. ^ Stephen Engelberg, Germany Raising Hopes of Croatia in New York Times, 12 dicembre 1991. URL consultato il 27 settembre 2010.
  100. ^ Yugoslav Army Driving on Dubrovnik, 2 Other Cities in Los Angeles Times, Associated Press, 3 ottobre 1991. URL consultato il 13 dicembre 2010.
  101. ^ Carol J. Williams, Belgrade Gets a Final Warning From EC in Los Angeles Times, 4 novembre 1991. URL consultato il 13 dicembre 2010.
  102. ^ Charles T. Powers, 30 Killed as Croatia Battles Rage Unabated in Los Angeles Times, 28 luglio 1991. URL consultato il 13 dicembre 2010.
  103. ^ Croatia Says Missiles Aimed at Its Fighters in Los Angeles Times, Reuters, 29 dicembre 1991. URL consultato il 13 dicembre 2010.
  104. ^ Christopher Bellamy, Croatia built 'web of contacts' to evade weapons embargo in The Independent, 10 ottobre 1992. URL consultato il 13 dicembre 2010.
  105. ^ Nathaniel C. Nash, Chilean Arms Shipment to Croatia Stirs Tensions in The New York Times, 11 gennaio 1992. URL consultato il 16 dicembre 2010.
  106. ^ Chuck Sudetic, Fighting May Unravel Yugoslav Truce in The New York Times, 24 agosto 1991. URL consultato il 15 dicembre 2010.
  107. ^ Chuck Sudetic, New Croatia Strife After Bonn Warning in The New York Times, 26 agosto 1991. URL consultato il 15 dicembre 2010.
  108. ^ Stephen Engelberg, Up to 80 Reported Dead in Croatia Strife in New York Times, 3 agosto 1991. URL consultato il 22 gennaio 2011.
  109. ^ Chuck Sudetic, Croatia Angrily Sets Deadline on Truce in New York Times, 23 agosto 1991. URL consultato il 22 gennaio 2011.
  110. ^ John Tagliabue, Europeans Arrive in Yugoslavia to Promote Peace Plan in New York Times, 2 settembre 1991. URL consultato il 22 gennaio 2011.
  111. ^ John Tagliabue, Europeans Are Unable to Pacify a Croatian City in New York Times, 11 settembre 1991. URL consultato il 22 gennaio 2011.
  112. ^ Alan Cowell, Croatians Under Fierce Assault; Pleas for Real Truce Are Ignored in New York Times, 22 settembre 1991. URL consultato il 22 gennaio 2011.
  113. ^ David Binder, As Yugoslavia Boils, Serbs Hail a Would-Be King in New York Times, 7 ottobre 1991. URL consultato il 22 gennaio 2011.
  114. ^ (EN) Chuck Sudetic, Aid Convoy Falls Victim in Croatia in The New York Times, 20 ottobre 1991. URL consultato il 16 dicembre 2010.
  115. ^ (SCR) Vlado Vurušic, Vukovar 18.11.1991.: 4004 branitelja, 81.884 agresora - Vukovar 18.11.1991: 4004 difensori, 81.884 aggressori in Jutarnji list, Europapress Holding, 18 novembre 2006. URL consultato il 15 dicembre 2010.
  116. ^ a b (SR) 69 hrvatskih civila ubijeno u Lovasu u oktobru 1991., B92, 20 ottobre 2010. URL consultato il 26 luglio 2011.
  117. ^ Gabriel Partos, Vukovar massacre: What happened in BBC News Online, BBC, 13 giugno 2003. URL consultato il 15 dicembre 2010.
  118. ^ Andrew W. Maki, Witness Says Stanisic Supplied Croatia's Serbs With Weapons in United Nations High Commissioner for Refugees – Refworld, Institute for War and Peace Reporting, 10 luglio 2009. URL consultato il 15 dicembre 2010.
  119. ^ Special Forces Final report of the United Nations Commission of Experts, established pursuant to UN Security Council resolution 780 (1992), Annex III.A Special forces; Under the Direction of: M. Cherif Bassiouni; S/1994/674/Add.2 (Vol. IV), School of Humanities, Languages and Social Sciences (UWE), 27 maggio 1994. URL consultato il 20 ottobre 2010.
  120. ^ 15,000 Recall Siege of Vukovar in 1991 in The New York Times, 19 novembre 2001. URL consultato il 15 dicembre 2010.
  121. ^ Helen Seeney, Croatia: Vukovar is Still Haunted by the Shadow of its Past in Deutsche Welle, ARD (broadcaster), 22 agosto 2006. URL consultato il 15 dicembre 2010.
  122. ^ http://www.veritas.org.rs/bilteni/Bilten17.pdf
  123. ^ Amnesty International Report 2010 - Croatia, Amnesty International, 28 maggio 2010. URL consultato il 13 gennaio 2011.
  124. ^ http://www.b92.net/download/osijek/doc05.pdf
  125. ^ (EN) Daniel L. Bethlehem & Marc Weller, The 'Yugoslav' crisis in international law: general issues, Cambridge, University of Cambridge Press, 1997. URL consultato il 23 luglio 2011.
  126. ^ Sormani Pietro, dalla CEE riconoscimento con "giallo", Corriere della Sera, 16 gennaio 1992. URL consultato il 23 luglio 2011.
  127. ^ Official Documents System of the United Nations
  128. ^ United Nations Member States
  129. ^ Nezavisni magazin BH DANI - ONLINE
  130. ^ (EN) Presidents apologise over Croatian war, BBC, 10 settembre 2003. URL consultato il 7 febbraio 2010.
  131. ^ (EN) Serbia to respond to Croatian genocide charges with countersuit at ICJ, Southeast European Times, 20 novembre 2008. URL consultato il 7 febbraio 2010.
  132. ^ (EN) UN to hear Croatia genocide claim against Serbia: in Tehran Times, 19 novembre 2008. URL consultato il 7 febbraio 2010.
  133. ^ (EN) Darko Zubrinic, Croatia within ex-Yugoslavia. URL consultato il 7 febbraio 2010.
  134. ^ Goldstein 1999, p. 256.
  135. ^ (SCR) Sjećanje na nestale u Domovinskom ratu, 30 agosto 2010. URL consultato il 28 luglio 2011.
  136. ^ (SCR) Vesna Roller, HZMO: Invalidsku mirovinu primaju 45.703 hrvatska ratna vojna invalida in Glas Slavonije, 7 novembre 2009. URL consultato il 22 gennaio 2011.
  137. ^ (SCR) S. Dukić, U protekle tri godine novih 8 tisuća invalida Domovinskog rata in Slobodna Dalmacija, 23 giugno 2009. URL consultato il 22 gennaio 2011.
  138. ^ (SCR) Stanislav Soldo, Oboljeli od PTSP-a: Blokirat ćemo sve domove zdravlja in Slobodna Dalmacija, 30 ottobre 2010. URL consultato il 28 luglio 2011.
  139. ^ Frucht 2005, p. 439.
  140. ^ Carol J. Williams, Non-Serbs in Croatian Zone Forced to Leave in The New York Times, 9 maggio 1992. URL consultato il 16 dicembre 2010.
  141. ^ (EN) Carol J. Williams, Serbian Refugees Uneasy in the Role of Occupiers in Los Angeles Times, 14 dicembre 1991. URL consultato il 29 luglio 2011.
  142. ^ (EN) Civil and Political Rights in Croatia, Human Rights Watch, 1º ottobre 1995. URL consultato il 29 luglio 2011.
  143. ^ a b Croatia: Selected Developments in Transitional Justice, International Center for Transitional Justice. URL consultato il 5 settembre 2009.
  144. ^ a b (EN) CROATIA HUMAN RIGHTS PRACTICES, 1993, US Department of State, 31 gennaio 1994. URL consultato il 26 luglio 2011.
  145. ^ (EN) Marcus Tanner, "Cleansing" row prompts crisis in Vojvodina in The Independent, 24 agosto 1992. URL consultato il 29 luglio 2011.
  146. ^ (EN) Chuck Sudetic, Serbs Force An Exodus From Plain in The New York Times, 26 luglio 1992. URL consultato il 29 luglio 2011.
  147. ^ (EN) Killed and missing persons from the territories of Republic Croatia and former Republic of Serb Krayina | the Polynational War Memorial in Polynational War Memorial. URL consultato il 31 luglio 2011.
  148. ^ (EN) Stjepan Gabriel Meštrović, Genocide After Emotion: The Postemotional Balkan War, Routledge, 1996, pp. 77–78, ISBN 0-415-12294-5.
  149. ^ (SR) Savo Štrbac, Zločini nad Srbima na prostoru Hrvatske u periodu 90–99 in Veritas – Bilten, dicembre 1999. URL consultato il 1º agosto 2011.
  150. ^ (EN) Croatia – Events of 2008, Human Rights Watch. URL consultato il 1º agosto 2011.
  151. ^ World Veterans Federation – Alphabetical List by Country, World Veterans Federation (WVF). URL consultato il 17 gennaio 2011.
  152. ^ Final report of the United Nations Commission of Experts established pursuant to security council resolution 780 (1992), Annex IV - The policy of ethnic cleansing; Prepared by: M. Cherif Bassiouni., ONU, 28 dicembre 1994. URL consultato il 26 luglio 2011.
  153. ^ Nicholas Wood, The End of Greater Serbia in The New York Times, 18 marzo 2006. URL consultato il 26 luglio 2011.
  154. ^ Obituary: Slobodan Milosevic in BBC News Online, BBC, 11 marzo 2006. URL consultato il 26 luglio 2011.
  155. ^ Decisione della camera di appello dell'ICTY; 18 aprile 2002; paragrafo 8: Reasons for the Decision on Prosecution Interlocutory Appeal from Refusal to Order Joinder
  156. ^ David Binder, U.N.'s Yugoslavia Envoy Says Rising War-Weariness Led to the Cease-Fire in The New York Times, 8 gennaio 1992. URL consultato il 26 luglio 2011.
  157. ^ (SR) IZJAVA NA OSNOVU PRAVILA 89 (F), International Criminal Tribunal for the former Yugoslavia, 16 novembre 2003. URL consultato il 26 luglio 2011.
  158. ^ Special Forces Final report of the United Nations Commission of Experts, established pursuant to UN Security Council resolution 780 (1992), Annex III.A Special forces; sotto la direzione di: M. Cherif Bassiouni; S/1994/674/Add.2 (Vol. IV), School of Humanities, Languages and Social Sciences (UWE), 27 maggio 1994. URL consultato il 26 luglio 2011.
  159. ^ Annex VIII: Prison camps Final report of the United Nations Commission of Experts, established pursuant to the UN Security Council Resolution 780 (1992), Annex VIII—Prison camps; sotto la direzione di: M. Cherif Bassiouni; S/1994/674/Add.2 (Vol. IV), School of Humanities, Languages and Social Sciences (UWE), 27 maggio 1994. URL consultato il 26 luglio 2011.
  160. ^ (EN) Stephen Engelberg, Serbia Sending Supplies to Compatriots in Croatia in The New York Times, 27 luglio 1991. URL consultato il 13 dicembre 2010.
  161. ^ Weighing the Evidence, Human Rights Watch, 13 dicembre 2006. URL consultato il 26 luglio 2011.
  162. ^ (EN) Marlise Simons, Mystery Witness Faces Milosevic in The New York Times, 24 aprile 2003. URL consultato il 26 luglio 2010.
  163. ^ (EN) Chuck Sudetic, Yugoslav Factions Agree to U.N. Plan to Halt Civil War in The New York Times, 3 gennaio 1992. URL consultato il 27 luglio 2011.
  164. ^ (EN) Chris Hedges, SERBS IN CROATIA RESOLVE KEY ISSUE BY GIVING UP LAND in The New York Times, 12 novembre 1995. URL consultato il 27 luglio 2011.
  165. ^ (EN) René van der Linden, Croatia's request for membership of the Council of Europe – Report, Consiglio europeo, 29 marzo 1996. URL consultato il 27 luglio 2011.
  166. ^ (EN) Slobodan Milošević trial – Transcript, Tribunale Penale Internazionale per l'ex-Jugoslavia, 15 ottobre 2003. URL consultato il 17 gennaio 2011.
  167. ^ (SR) Miloš Vasić, Politika Falsifikata, NP "VREME" d.o.o., 23 gennaio 1999. URL consultato il 27 luglio 2011.
  168. ^ (EN) Christopher Bennett, How Yugoslavia's Destroyers Harnessed Media, [[PBS (azienda)|]]. URL consultato il 27 luglio 2011.
  169. ^ (EN) Jane Perlez, Serbian Media Is a One-Man Show in The New York Times, 10 agosto 1997. URL consultato il 23 gennaio 2011.
  170. ^ (EN) Serb leader Tadic apologises for 1991 Vukovar massacre, BBC, 4 novembre 2010. URL consultato il 27 luglio 2011.
  171. ^ (EN) Serbia and Croatia Agree to Diplomatic Relations in The New York Times, 8 agosto 1996. URL consultato il 27 luglio 2011.
  172. ^ a b (EN) Preliminary Objections (Croatia v. Serbia), The International Court of Justice, 18 novembre 2008. URL consultato il 19 dicembre 2010.
  173. ^ (EN) Application Instituting Proceedings (Croatie c. Yugoslavie), Corte Internazionale di Giustizia, 2 luglio 2008 2008. URL consultato il 27 luglio 2011.
  174. ^ (EN) Serbia files genocide lawsuit against Croatia, B92, 4 gennaio 2010 2010. URL consultato il 27 luglio 2011.
  175. ^ (EN) No court trial would be better for Zagreb, Blic, 4 gennaio 2010. URL consultato il 27 luglio 2011.
  176. ^ UN agency welcomes Serbia-Croatia agreement on refugee, return issues, United Nations, 26 novembre 2010. URL consultato il 18 dicembre 2010.
  177. ^ Serbia and Croatia forge ties with talks in Belgrade in BBC News Online, BBC, 18 luglio 2010. URL consultato il 27 luglio 2011.
  178. ^ Serb leader Tadic apologises for 1991 Vukovar massacre in BBC News Online, BBC, 4 novembre 2010. URL consultato il 27 luglio 2011.
  179. ^ Commodity review and outlook 1991-92, FAO, 1992. ISBN 92-5-103140-1.
  180. ^ (EN) Michael Mann, The Dark Side of Democracy: Explaining Ethnic Cleansing, Cambridge University Press, 2005, ISBN 0-521-53854-8.
  181. ^ Security Council Resolution 787 (16 novembre 1992)
  182. ^ Daniel L. Bethlehem, Marc Weller, The Yugoslav crisis in international law: general issues, Cambridge University Press, 1997. ISBN 0-521-46304-1.
  183. ^ (EN) Croatia Clashes Rise; Mediators Pessimistic in The New York Times, 19 dicembre 1991. URL consultato il 26 luglio 2011.
  184. ^ (EN) Warren Zimmermann, War in the Balkans: A Foreign Affairs Reader, Council on Foreign Relations, 1999, ISBN 0-87609-260-1.
  185. ^ Jeremy R. Azrael, Emil A. Payin., U.S. and Russian Policymaking With Respect to the Use of Force, Santa Monica, CA, RAND Corporation, 1996. Capitolo 11: Yugoslavia: 1989-1996, di Warren Zimmermann
  186. ^ Reckoning: The 1991 Siege of Dubrovnik and the Consequences of the "War for Peace" (p. 76). URL consultato il 2 febbraio 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]