Massacro di Srebrenica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Massacro di Srebrenica
Srebrenica massacre map.jpg
Mappa dell'operazione
Stato Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina
Luogo Srebrenica e Žepa
Obiettivo Musulmani bosniaci
Data 6 luglio - 25 luglio 1995
Tipo Genocidio
Morti 8372 morti[1]

35 632[2] e 12.000 sfollati (da Srebrenica e Žepa in Bosnia)
700-800 rifugiati (da Srebrenica in Serbia)[3][4]
1000 e 1500 prigionieri (di Srebrenica e Žepa)

Responsabili Serbia Truppe serbo-bosniache guidate da Ratko Mladic
Paesi Bassi Lo Stato dei Paesi Bassi per omissione di intervento in difesa dei civili da parte delle proprie truppe in missione di pace in loco per l'ONU

Il massacro di Srebrenica è stato un genocidio e crimine di guerra inquadrato nel contesto della Guerra in Bosnia ed Erzegovina. Migliaia di musulmani bosniaci furono uccisi l'11 luglio 1995 da parte delle truppe serbo-bosniache guidate dal generale Ratko Mladić, con l'appoggio dei gruppi paramilitari guidati da Arkan[5], nella zona protetta di Srebrenica che si trovava al momento sotto la tutela delle Nazioni Unite.

Anche se durante la guerra ciascuno dei tre gruppi nazionali in conflitto (serbi, croati e musulmani bosniaci) si rese protagonista di crimini di guerra e di operazioni di pulizia etnica, questo fu di gran lunga il più efferato e numericamente consistente massacro avvenuto, non solo in quel periodo, ma in tutta Europa dal termine della seconda guerra mondiale.

Le vittime del massacro furono 8.372, sebbene alcune associazioni per gli scomparsi e le famiglie delle vittime affermino che furono oltre 10.000. Al momento (marzo 2010), grazie al test del DNA, sono state identificate 6.414 vittime,[6] mentre migliaia di altre salme esumate dalle fosse comuni attendono ancora di essere identificate.

I terribili fatti avvenuti a Srebrenica in quei giorni sono considerati tra i più orribili e controversi della storia europea recente e diedero una svolta decisiva al successivo andamento della guerra in Jugoslavia. Il Tribunale penale internazionale per l'ex-Jugoslavia (ICTY) istituito presso le Nazioni Unite ha accusato, alla luce dei fatti di Srebrenica, Mladić, Arkan e altri ufficiali serbi di diversi crimini di guerra tra cui il genocidio, la persecuzione e la deportazione. Gran parte di coloro cui è stata attribuita la principale responsabilità della strage, siano essi militari o uomini politici, a parte Arkan morto assassinato nel 2000, è tuttora latitante. Ratko Mladić, invece, è stato arrestato il 26 maggio 2011, dopo 16 anni di latitanza.

Un video che mostra l'"evidenza dei fatti" fu trovato in possesso di Nataša Kandić, fondatrice e direttrice del Fondo serbo per il Diritto Umanitario, e ritrasmesso dai media e utilizzato come prova nel processo contro Slobodan Milošević alla corte Internazionale dell'Aja.

Il 31 marzo 2010 il parlamento della Serbia ha approvato dopo quasi 13 ore di discussione una risoluzione in cui condanna il massacro (senza definirlo genocidio) e chiede scusa per le vittime.[7]

Il massacro[modifica | modifica sorgente]

Tre enclavi nella Bosnia orientale Srebrenica, Žepa e Goražde nel settembre 1994

Nel quarto punto della risoluzione 819 del 16 aprile 1993 l'Onu decide di incrementare la propria presenza nella città di Srebrenica e nelle zone limitrofe; successivamente, il 6 maggio con la risoluzione 824, istituì come zone protette le città di Sarajevo, Tuzla, Zepa, Goražde, Bihać e Srebrenica; inoltre, con la risoluzione 836, dichiarò che gli aiuti umanitari e la difesa delle zone protette sarebbero stati da garantire anche all'occorrenza con uso della forza, utilizzando soldati della Forza di protezione delle Nazioni Unite, i cosiddetti Caschi blu.

La cosiddetta[8] zona protetta di Srebrenica fu delimitata dopo un'offensiva serba del 1993 che obbligò le forze bosniache ad una demilitarizzazione sotto controllo dell'ONU. Le delimitazioni delle zone protette furono stabilite a tutela e difesa della popolazione civile bosniaca, quasi completamente musulmana, costretta a fuggire dal circostante territorio, ormai occupato dall'esercito serbo-bosniaco. Decine di migliaia di profughi vi cercarono rifugio.

Verso il 9 luglio 1995, la zona protetta di Srebrenica e il territorio circostante furono attaccati dall'armata serbo-bosniaca. Dopo un'offensiva durata alcuni giorni, l'11 luglio l'esercito serbo-bosniaco riuscì ad entrare definitivamente nella città di Srebrenica.

Gli uomini dai 12 ai 77 anni furono separati dalle donne, dai bambini e dagli anziani, apparentemente per procedere allo sfollamento; secondo le istituzioni ufficiali i morti furono oltre 8.372, mentre non si hanno ancora stime precise del numero di dispersi. Fino ad oggi 6.414 salme riesumate dalle fosse comuni sono state identificate mediante oggetti personali rinvenuti oppure in base al loro DNA che è stato confrontato con quello dei consanguinei superstiti.

I responsabili politici e militari della strage sono rimasti largamente impuniti: solamente sei dei 19 accusati dal Tribunale Penale Internazionale per il massacro di Srebrenica sono stati finora processati e condannati.

La sepoltura di 465 civili bosniaci identificati

Il 26 febbraio 2007 la Corte Internazionale di Giustizia dell'Aia si è pronunciata sul ricorso della Bosnia contro la ex-Jugoslavia, ovvero l'attuale Stato della Serbia. La sentenza afferma che il Montenegro non è parte in causa in quanto si è reso indipendente dalla Serbia solo dal 2006, ben oltre il periodo in cui si sono verificati i fatti oggetti del processo.

Rosalyne Higgins, britannica e presidente del collegio giudicante di appello, ha dato lettura della sentenza. La sentenza di appello del 26 febbraio è stata votata all'unanimità dal collegio giudicante, e conferma quella di primo grado del 2 agosto 2001, nel riconoscere il massacro di Srebrenica come un genocidio.

Il Tribunale ha respinto la richiesta di indennizzo a favore dei sopravvissuti a Srebrenica. La Corte ha stabilito che quello che avvenne fu un genocidio ad opera di singole persone, ma che lo Stato Serbo non può essere ritenuto direttamente responsabile per genocidio e complicità per i fatti accaduti nella guerra civile in Bosnia-Erzegovina dal 1992 al 1995, fra i quali rientra la strage di Srebrenica. Il fatto è riconosciuto come genocidio poiché "l'azione commessa a Srebrenica venne condotta con l'intento di distruggere in parte la comunità bosniaco musulmana della Bosnia-Erzegovina e di conseguenza si trattò di atti di genocidio commesse dai serbo bosniaci".[senza fonte]

La Serbia non fu responsabile di genocidio perché "non vi sono prove di un ordine inviato esplicitamente da Belgrado" né di complicità perché non vi sono prove che "l'intenzione di commettere atto di genocidio fosse stata portata all'attenzione delle autorità di Belgrado", anche se viene riconosciuto che Radovan Karadzic e Ratko Mladic dipendessero da Belgrado, che forniva assistenza finanziaria e militare ed esercitava una influenza sul leader politico serbo-bosniaco e sul capo militare.

La Corte rileva che "vi era un serio rischio di massacro, ma la Serbia non ha fatto nulla per rispettare i suoi obblighi di prevenire e punire il genocidio di Srebrenica" e che "ha fallito nel cooperare pienamente con il Tribunale penale internazionale per la ex Jugoslavia, che ha incriminato i responsabili". In particolare, la Serbia è accusata di non aver aiutato il Tribunale per l'ex Jugoslavia ad arrestare quanti sono ritenuti colpevoli del fatto, e di ospitarne alcuni in stato di latitanza. Il Tribunale per l'ex Jugoslavia ha il compito di accertare responsabilità di singoli individui, mentre la Corte Internazionale dirime controversie fra Stati membri dell'ONU che ne hanno riconosciuto la giurisdizione.

Possibili cause del massacro[modifica | modifica sorgente]

Alle forze Bosniache sotto il comando di Naser Orić era stato permesso di tenere le armi in posizioni all'interno della zona protetta, contrariamente alle condizioni stabilite nel patto col quale si conveniva il "cessate il fuoco".

Orić approfittò della situazione per condurre attacchi notturni contro villaggi serbi nei dintorni. Il caso più clamoroso fu quello di Kravica, attaccato nella notte del 7 gennaio, il Natale Ortodosso. Queste azioni militari prendevano la forma di pulizia etnica e rappresaglie contro i serbi. Centinaia furono torturati, feriti e brutalmente uccisi durante questi attacchi. Nel 1994 il governo serbo fece istanza all'ONU, fornendo una lista di 371 serbi uccisi nell'area. I media serbi, da allora, hanno riportato numeri molto più alti, fino a 3287. Non è attualmente chiaro quanti di questi fossero civili. Il generale Philippe Morillon dichiarò la sua convinzione che l'attacco serbo su Srebrenica fosse una reazione diretta ai massacri di Naser Orić e delle sue forze avvenuti nel 1992 e nel 1993.

I familiari delle vittime e la Corte Penale Internazionale ritengono questa una teoria negazionista. Infatti la Corte Penale Internazionale inserisce questa strage nella strategia di sterminio della popolazione bosniaca musulmana pianificata e perpetrata da parte delle truppe e dai paramilitari serbo-bosniaci.

Il non-intervento dell'ONU[modifica | modifica sorgente]

Potočari, 11 luglio 2007

Durante i fatti di Srebrenica i 600 caschi blu dell'ONU e le tre compagnie olandesi Dutchbat I, II, III non intervennero: motivi e circostanze non sono ancora stati del tutto chiariti.

La posizione ufficiale è che le truppe ONU fossero scarsamente armate e non potessero far fronte da sole alle forze di Mladić. Si sostiene, inoltre, che le vie di comunicazione tra Srebrenica, Sarajevo e Zagabria non fossero ottimali, causando ritardi e intoppi nelle decisioni.

Quando i serbi si avvicinarono all'enclave di Srebrenica, il colonnello Karremans diede l'allarme e chiese un intervento aereo di supporto il 6 e l'8 luglio 1995, oltre ad altre due volte nel fatidico 11 luglio. Le prime due volte il generale Nicolaï a Sarajevo rifiutò di inoltrare la richiesta al generale Janvier nel quartier generale dell'ONU a Zagabria perché le richieste non erano conformi agli accordi sulle richieste di intervento aereo. Non si trattava ancora, infatti, di atti di guerra con battaglie a fuoco. L'11 luglio, quando i carri armati serbi erano penetrati nella città, Nicolaï inoltrò la domanda di rinforzi a Janvier, che inizialmente rifiutò. La seconda richiesta dell'11 luglio fu onorata ma gli aerei (F-16) che stavano già circolando da ore in attesa dell'ordine di attaccare avevano nel frattempo ricevuto ordine di tornare alle loro basi in Italia per potersi rifornire di carburante.

Alla fine, solo due F-16 olandesi procedettero ad un attacco aereo, praticamente senza alcun effetto. Un gruppo di aerei americani apparentemente non fu in grado di trovare la strada. Nel frattempo l'enclave era già caduta e l'attacco aereo fu cancellato per ordine dell'ONU, su richiesta del ministro Voorhoeve, perché i militari serbi minacciavano di massacrare i caschi blu dell'ONU di Dutchbat.

La lapide di un ragazzo di tredici anni

Gran parte della popolazione ed i soldati olandesi erano già fuggiti e si erano rifugiati nella base militare dell'ONU di Potocari. Davanti alla minaccia ed allo spiegamento di forze di Mladić, i caschi blu decisero di collaborare alla separazione di uomini e donne per poter tenere la situazione sotto controllo, per quanto fosse possibile nelle circostanze.

La città di Srebrenica era comunque inserita nella futura Entità Serba e le prime bozze degli accordi di Dayton non potevano prevedere enclaves. Di fatto la conquista della città da parte dei serbi avrebbe consentito di arrivare a definire la situazione territoriale attuale e, di conseguenza, di portare avanti gli accordi di pace.

I soldati olandesi subirono pesanti accuse da parte dei media al ritorno in patria[9]. Numerosi soldati soffrirono di stress post-traumatico in seguito alla vicenda, e sostengono di essere stati ingiustamente criticati dalla stampa. Il 4 dicembre 2006 il Ministro della Difesa olandese ha decorato con cinquecento medaglie il battaglione di pace che aveva il compito di proteggere Srebrenica. La motivazione fornita dal portavoce olandese precisa che questa non costituisce una medaglia al valore, bensì una forma di ricompensa per le accuse - ritenute ingiuste - a cui i soldati olandesi vennero sottoposti.

Conseguenze politiche nei Paesi Bassi[modifica | modifica sorgente]

Visto il coinvolgimento dei militari olandesi, il governo olandese già nel 1996 ordinò un'inchiesta per stabilire il grado di responsabilità delle truppe di Dutchbat.

I risultati finali furono presentati il 10 aprile 2002. Immediatamente il ministro della difesa olandese Frank de Grave fece sapere di essere pronto a dimettersi. Il 16 aprile, il governo di Wim Kok presentò collettivamente le dimissioni, assumendosi la responsabilità, ma non la colpa del massacro.

Il 17 aprile, il capo delle forze armate olandesi, il generale Van Baal, rassegnò anch'egli le sue dimissioni.

Il 4 dicembre 2006 il ministro della difesa olandese ha consegnato la medaglia d'onore al battaglione olandese per il coraggio mostrato a Srebrenica, con l'appoggio della Commissione Europea.

Il 25 aprile del 2013 il presidente serbo in carica, Tomislav Nikolić, durante un'intervista alla TV bosniaca Bhrt, si è inginocchiato chiedendo perdono per il massacro di Srebrenica. Lo stesso presidente aveva affermato nel 2012 l'inesistenza e l'inconsapevolezza da parte del popolo serbo di tale massacro.

Il 6 settembre 2013, il massimo organo giurisdizionale olandese, ha accertato la responsabilità dello Stato nella morte di tre cittadini bosniaci. Tali soggetti, infatti, avevano chiesto di poter essere ospitati nella base dei soldati ONU, ricevendone un diniego. A seguito di tale omissione, i tre bosniaci furono tra le vittime del massacro. Secondo la Suprema Corte olandese la colpa dei militari sarebbe ascritta al fatto della prevedibilità dell'uccisione dei tre cittadini bosniaci alla luce di altri casi avvenuti nella regione.[10][11][12]

Tale responsabilità viene confermata anche in sede civile, il 16 luglio 2014, dal Tribunale dell'Aja che condanna lo Stato a risarcire, a favore dei congiunti delle vittime, i danni derivanti da tale massacro.[13][14]

I responsabili politici e militari[modifica | modifica sorgente]

Foto satellitare che mostra probabili fosse comuni nella zona di Srebrenica

I ministri olandesi responsabili erano al tempo il ministro della difesa Relus ter Beek, il suo successore Joris Voorhoeve ed il ministro degli esteri Hans van Mierlo sotto il primo ministro Wim Kok. I responsabili all'ONU erano il generale francese Janvier e i militari olandesi generale Couzy (comandante in capo), generale van Baal ed il comandante di Dutchbat generale Nicolaï. Il tenente colonnello Thom Karremans era responsabile per l'enclave di Srebrenica, il maggiore Franken per Tuzla.

Il 2 marzo 2007 il Tribunale Penale Internazionale dell'Aja pur definendo il massacro un genocidio, assolse la Serbia dalle responsabilità e dispose l'arresto dell'ex leader politico serbo bosniaco Radovan Karadzic e del suo capo militare Ratko Mladic. Inteso il genocidio secondo i principi di Norimberga, l'assoluzione sollevò la Serbia dall'obbligo di pagare un indennizzo di guerra alla Bosnia.


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Srebrenica And the Politics of War Crimes
  2. ^ Srebrenica "massacre"
  3. ^ "So to avoid the Bosnian Serb forces to their west, about 800 of the men and boys of Zepa fled east. They crossed the Drina River to Yugoslavia, where they were split between two detention camps"211 Bosnians Free After 8 Months. Why So Long?
  4. ^ "The fact that Milosevic personally intervened and saved 800 Bosnian Muslim men from the enclave who crossed the Drina River into Yugoslavia demanding protection from Milosevic!!! These men where handed over to the Red Cross in Hungary - so that from there they could choose whether or not they wanted to return to Bosnia."Some things to keep in mind about Srebrenica:
  5. ^ Arkan: animo malvagio di Milosevic, esecutore dello sterminio. Migliaia dei suoi complici assassini sono ancora in libertà, 17.1.2000
  6. ^ "ICMP makes 13,000 DNA- led identifications of missing persons from Bosnia-Herzegovina", articolo pubblicato sul sito dell'ICMP, 26 marzo 2010 [10]. Consultato il 15 aprile 2010.
  7. ^ Reuters: La Serbia si scusa per il massacro di Srebrenica
  8. ^ Per una testimonianza autobiografica sul lungo assedio dell'enclave di Srebrenica, in cui affluirono decine di migliaia di profughi musulmani di tutta la regione, v. Emir Suljiagić, Cartoline dalla fossa, Beit casa editrice, Trieste 2010.
  9. ^ Ma anche successivamente, fu notata la loro impreparazione e la tendenza a non amalgamarsi con l'ambiente balcanico in cui operavano: cfr. Sion, Liora, "Dutch Peacekeepers and Host Environments in the Balkans: An Ethnographic Perspective", in International Peacekeeping, 15, no. 2 (June 2008): 201-213.
  10. ^ www.amnesty.it
  11. ^ (EN) www.worldbulletin.net
  12. ^ (EN) www.theguardian.com
  13. ^ www.corriere.it
  14. ^ (EN) www.bbc.com

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]