Dragan Obrenović

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Dragan Obrenović (Rogatica, 12 aprile 1963) è un militare bosniaco.

Ricopriva il ruolo di comandante interinale della Brigata Zvornik della Repubblica Serba (Republika Srpska), parte quindi dell'esercito serbo-bosniaco, dall'8 agosto 1995 al 15 settembre 1995

Mantenne il grado di capo di stato maggiore di questa brigata fino al 30 aprile 1996.

Il 9 aprile 2001 Obrenović è stato accusato di crimini di guerra dal Tribunale Penale Internazionale per l'ex-Jugoslavia a L'Aia, nei Paesi Bassi, in connessione con il massacro di 8.100 uomini e ragazzi bosniaci avvenuto l'11 luglio del 1995, noto come Massacro di Srebrenica.

Il 10 dicembre del 2003 è stato condannato a 17 anni di prigione, e successivamente trasferito in Norvegia per scontare la pena; il suo rilascio è previsto per il 2018.