Paramilitare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paramilitari iraniani durante la Guerra Iran-Iraq degli anni '80 del XX secolo
Insegnanti rumeni dopo una sessione di addestramento paramilitare, due di loro fanno il "saluto romano" fascista. L'addestramento paramilitare da e per il corpo insegnante fu istituito sotto il regime di re Carol II, e continuò durante la seconda guerra mondiale.

Una organizzazione paramilitare o una associazione paramilitare è un gruppo organizzato di persone che, pur non appartenendo a una forza armata di alcuno Stato, è strutturato e inquadrato gerarchicamente in modo simile a un corpo armato ufficiale.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Nella storia si sono avute varie forze paramilitari che erano espressione di un partito politico al potere. Tra le più famose del passato le SS e le SD della Germania nazista, la MVSN dell'Italia fascista e la MVD della Russia sovietica.

Molte organizzazioni di tale stampo sono divenute famose dopo la seconda metà del XX secolo, come ad emempio di forze paramilitari sono gli squadroni della morte, molto presenti nella storia del Sudamerica nella seconda metà del ventesimo secolo, ma anche in Cambogia durante il regime di Pol Pot. Dopo la prima guerra mondiale, in Italia nel cosiddetto Biennio rosso si diedero battaglia forze paramilitari appartenenti alla destra (squadre d'azione) e alla sinistra (arditi del popolo ed altre formazioni).

Al giorno d'oggi un posto di rilievo lo occupano i pasdaran, milizia religiosa islamica dell'Iran che ha una sua organizzazione capillare sul territorio, unità di intervento, forze aeree e navali, al servizio della teocrazia al potere nel paese ed in modo del tutto parallelo alle forze armate ufficiali[1]

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Le forze paramilitari solitamente dotano i propri appartenenti di uniformi, gradi gerarchici, distintivi e armamenti come i componenti di una forza militare regolare e, dipendentemente dal Paese che le ospita, possono essere più o meno legali e più o meno tollerate dallo Stato.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Mohammad Nima Baheli, Pasdaran: deriva militare o strumento di trasformazione politica della Repubblica islamica? (PDF) in ISPI Istituto per gli studi di politica internazionale), http://www.ispionline.it, 2010. URL consultato il 12 novembre 2013.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Guerra