Ante Marković

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ante Marković

Primo ministro di Jugoslavia
Presidente del Consiglio Esecutivo Federale
Durata mandato 16 marzo 1989 –
20 dicembre 1991
Presidente Stjepan Mesić
Vice primo ministro Aleksandar Mitrović e Živko Pregl
Predecessore Branko Mikulić
Successore Aleksandar Mitrović (ad interim)
poi carica abolita

Presidente della Croazia
Presidente della Presidenza di Croazia
Durata mandato 10 maggio 1986 –
maggio 1989
Primo ministro Antun Milović
Predecessore Ema Derosi-Bjelajac
Successore Ivo Latin

Primo ministro della Croazia
Presidente del Consiglio Esecutivo di Croazia
Durata mandato luglio 1980 –
20 novembre 1985
Presidente Pero Car
Predecessore Petar Fleković
Successore Ema Derosi-Bjelajac

Dati generali
Partito politico Lega dei comunisti di Croazia/Lega dei comunisti di Jugoslavia
(1954-1990)
Unione delle Forze Riformiste di Jugoslavia
(1990-1991)

Ante Marković (Konjic, 25 novembre 1925Zagabria, 28 novembre 2011) è stato un politico jugoslavo. Fu l'ultimo Primo Ministro della Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Marković, che era un croato di Bosnia, nacque a Konjic (al tempo Regno di Serbi, Croati e Sloveni, ora Bosnia ed Erzegovina). Si laureò presso il Dipartimento di Elettrotecnica della Facoltà Tecnica dell'Università di Zagabria nel 1954.

Carriera politica[modifica | modifica sorgente]

Presidente della Croazia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1986 divenne presidente della Repubblica Socialista di Croazia, (diventando così il 7º Presidente Croato), sostituendo Ema Derosi-Bjelajac. Mantenne la carica fino al 1988 quando fu sostituito da Ivo Latin.

Primo ministro della Jugoslavia[modifica | modifica sorgente]

Marković divenne primo ministro jugoslavo nel marzo 1989 a seguito delle dimissioni di Branko Mikulić. Dopo che tale decisione era diventata pubblica, gli Stati Uniti avevano anticipato la loro cooperazione con Marković, riconosciuto come "favorevole alle riforme in direzione del mercato". La BBC dichiarò che egli era "il migliore alleato di Washington in Jugoslavia ". Alla fine dell'anno, Marković lanciò un nuovo e ambizioso programma di riforme economiche senza precedenti, tra cui la stabilizzazione della moneta e le privatizzazioni, così come un programma di liberalizzazione degli scambi limitati. Il risultato della sua riforma monetaria fu un arresto temporaneo dell'inflazione che portò ad un aumento di breve durata nei livelli di vita, altrimenti in forte calo. Tuttavia, la breve durata dell'effetto delle riforme economiche intraprese da Marković portò a un declino nel settore industriale della Jugoslavia. Numerosi fallimenti si verificarono poiché le imprese statali si trovavano a competere in un contesto di mercato più libero, un fatto più tardi contestato a Marković dai suoi molti oppositori politici nazionalisti etnici. Nel 1990, il tasso annuo di crescita del PIL scese a -7,5%. Nel 1991, il PIL diminuì di un ulteriore 15 per cento e la produzione industriale diminuì del 21 per cento.

Ben presto divenne il beniamino dei circoli liberali che volevano che la Jugoslavia si trasformasse in una moderna federazione democratica.

Nel luglio 1990 formò l'Unione delle Forze Riformiste di Jugoslavia (Savez reformskih snaga Jugoslavije), un partito socio-liberalista che sosteneva una riforma politica della federazione jugoslava.

Note[modifica | modifica sorgente]


Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Controllo di autorità VIAF: 30346565 LCCN: n90727370