Nazione costitutiva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nazione costitutiva (inglese constituent country) è un termine utilizzato dalle istituzioni ufficiali per designare quegli stati che insieme formano un'entità o un gruppo più ampio. L'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) ha impiegato questa formula per indicare i territori dell'ex Jugoslavia[1], mentre l'Unione Sovietica l'ha usata per indicare le repubbliche sovietiche. Le istituzioni europee come il Consiglio d'Europa usavano spesso questa dicitura per riferirsi ai Paesi dell'Unione Europea[2].

La parola costitutivo è semplicemente un aggettivo privo di valenza legale, pertanto non ha alcun significato al di fuori del contesto in cui si adopera, cioè per indicare un componente di un gruppo eterogeneo[senza fonte] di stati.

Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord[modifica | modifica sorgente]

United Kingdom labelled map7.png

Le nazioni costitutive del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord sono:[3]

Le quattro nazioni costitutive del Regno Unito spesso sono chiamate Home Nations. Il Parlamento del Regno Unito e il governo del regno si trovano nel Palazzo di Westminster, in Inghilterra. Si occupano delle cosiddette reserved matters, alcune materie chiamate "riservate" perché la loro gestione è prerogativa del potere di Westminster. Oltre alle reserved matters le due istituzioni amministrano la sfera legislativa per l'Inghilterra, ma non si occupano di aree la cui gestione è stata demandata ai singoli governi separati delle nazioni costitutive (vedasi Parlamento scozzese, Assemblea Nazionale per il Galles ed Esecutivo dell'Irlanda del Nord).

L'isola di Man e le isole del Canale non fanno parte del Regno Unito e non sono rappresentate nel Parlamento del Regno Unito. Sono, invece, dipendenze della Corona britannica.

Significato[modifica | modifica sorgente]

La parola nazione non indica necessariamente indipendenza politica, quindi potrebbe, a seconda del contesto, essere usata per riferirsi sia al Regno Unito o a uno dei suoi costituenti. Perciò, per esempio, il sito web del Primo Ministro Britannico si riferisce a "Nazioni dentro una nazione", affermando: "Il Regno Unito è formato da quattro nazioni: Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord. Il suo nome completo è Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord."[4] Questo articolo tratta l'uso del sintagma nazioni costitutive all'interno di quel contesto, ma giova ricordare che a seconda del contesto la frase cambia di significato.[5]

Anche se il termine Home Nations è usato qualche volta dagli organismi governativi del Regno Unito come l'Ufficio per le Statistiche Nazionali, è raramente usato in altri casi. È sempre più frequente l'utilizzo del solo termine "nazioni". Perciò il censimento britannico del 2001 chiedeva ai residenti nel Regno Unito la loro "Nazione di nascita" con le opzioni da segnare tra: Inghilterra; Galles; Scozia; Irlanda del Nord; Repubblica d'Irlanda e Altrove;[6] e l'Ufficio per le Statistiche Nazionali dichiara nel proprio glossario che "Nel contesto del Regno Unito ognuna delle quattro suddivisioni principali è detta paese (country)".[7]

L'ambasciata britannica negli Stati Uniti usa nel suo sito web la parola nazioni più che nazioni costitutive: "Il Regno Unito è formato da quattro nazioni: Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord."[8]

Status distintivi[modifica | modifica sorgente]

Tutte e quattro hanno sempre avuto e continuano ad avere variazioni caratterizzanti nello status legislativo e amministrativo e Inghilterra e Scozia erano originariamente stati indipendenti. Tutte e quattro sono generalmente considerate possedenti nazionalità distinte (un attributo di società civile), anche se non hanno cittadinanza distinta (un attributo di stato): il passaporto standard del Regno Unito include la dicitura: "Nazionalità: cittadino britannico". Gli abitanti possono considerare se stessi, per esempio, come inglesi, irlandesi, nordirlandesi, scozzesi, gallesi o come britannici di nazionalità.

L'Irlanda del Nord fu la prima componente del Regno Unito ad avere un governo decentrato, sotto l'Atto di Governo di Irlanda 1920, finché il Parlamento dell'Irlanda del Nord non fu sospeso nel 1972. Dopo un periodo di diretto controllo da parte del governo del Regno Unito e qualche tentativo di reinstaurare il governo decentrato durante il conflitto nordirlandese, la moderna Assemblea dell'Irlanda del Nord fu stabilita nel 1998 ed è attualmente attiva dopo un numero di periodi di sospensione. La complessa storia dell'Irlanda del Nord ha portato ad una differente visione del suo status. Il termine "Provincia" è usato più spesso dagli unionisti e i commentatori britannici per riferirsi all'Irlanda del Nord, ma non dai nazionalisti. Sia gli unionisti che i nazionalisti si riferiscono alle tradizionali nove contee dell'Ulster come a una "provincia".

Scozia e Galles adottarono governi decentrati negli anni '90, ma sono state descritte come nazioni nel loro stesso diritto. Anche se l'Inghilterra manca di un governo decentrato per se stessa, ha un proprio sistema legale (diritto inglese) ed è quasi universalmente pensata come paese o nazione.

Tutte e quattro le nazioni costitutive del Regno Unito hanno partiti politici che fanno campagna per un ulteriore auto-governo o indipendenza. Nel caso dell'Irlanda del Nord al desiderio di unione con la Repubblica d'Irlanda si unisce un piccolo movimento per l'indipendenza sia dalla Repubblica che dal Regno Unito. In Cornovaglia è attivo il Movimento per l'auto-governo della Cornovaglia, che si è adoperato affinché la Cornovaglia sia riconosciuta come nazione costitutiva del Regno Unito, a differenza del suo status corrente di contea inglese amministrativa. Parimenti tutte e quattro le nazioni hanno anche partiti politici che sostengono o specificatamente fanno campagna per la permanenza dell'unione.

Termini alternativi[modifica | modifica sorgente]

Si adopera occasionalmente il termine nazioni componenti.[9]. Gli organi di governo utilizzano talora il termine Home Nations, anche se esso è prevalentemente utilizzato per le suddivisioni di tipo sportivo, come per esempio nel calcio o nel rugby XV (e, ultimamente anche nel rugby XIII), in cui ogni Home Nation ha la sua rappresentativa nazionale (come le nazionali di rugby a 15 di Inghilterra, Scozia, Galles o le nazionali di calcio di Inghilterra, Irlanda del Nord, Galles e Scozia).

Qualche volta le quattro nazioni sono descritte come parti costitutive.[10][11]

Cittadinanza[modifica | modifica sorgente]

Tutti i cittadini, di qualunque nazione costitutiva, sono titolati della cittadinanza del Regno Unito e cittadinanza dell'Unione europea.

Regno dei Paesi Bassi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Regno dei Paesi Bassi.

Le Nazioni costitutive (landen) del Regno dei Paesi Bassi sono:

Koninkrijk der Nederlanden.png

Status distintivi[modifica | modifica sorgente]

Ognuna delle quattro nazioni costitutive ha la sua costituzione: la Costituzione dei Paesi Bassi (Grondwet van het Koninkrijk der Nederlanden), di Aruba (Staatsregeling van Aruba) di Curaçao (Staatsregeling van Curaçao) e di Sint Maarten (Staatsregeling van Sint Maarten). Ognuna delle quattro parti costituenti ha anche una propria amministrazione e un parlamento. Insieme, formano una federazione sotto il potere del monarca come di un singolo capo di stato.

Cittadinanza[modifica | modifica sorgente]

Il Regno dei Paesi Bassi è membro dell'Unione Europea, tuttavia Aruba, Curaçao e Sint Maarten non ne sono considerate parte, ma hanno lo status di regioni ultraperiferiche (territori e nazioni d'oltremare; in lingua olandese LGO's, landen en gebiedsdelen overzee). Dato che la cittadinanza è in mano al regno, e non distinta per le tre nazioni costituenti, cittadini da tutte le tre nazioni costituenti sono anche Cittadini dell'Unione Europea, ma i residenti ad Aruba, Curaçao e Sint Maarten non hanno diritto al voto nelle elezioni per il Parlamento Europeo.

Valuta[modifica | modifica sorgente]

Le tre nazioni costitutive non hanno la medesima valuta. I Paesi Bassi hanno l'euro e, nelle proprie municipalità speciali, il dollaro statunitense, Aruba usa il fiorino di Aruba, Curaçao e Sint Maarten utilizzano invece il fiorino delle Antille olandesi.

Regno Unito di Danimarca[modifica | modifica sorgente]

A giugno 2009, il Regno Unito di Danimarca è ufficialmente composto da tre nazioni costitutive:[12]

The Danish Commonwealth.gif

Cittadinanza[modifica | modifica sorgente]

Nel Regno Unito di Danimarca è presente solo la Costituzione della Danimarca (in danese Danmarks Riges Grundlo) che ha validità nelle tre nazioni del regno.

Status distintivi[modifica | modifica sorgente]

La Danimarca è membro dell'Unione Europea. Tuttavia le Isole Fær Øer non sono considerate parte dell'UE, ma hanno lo status di regioni ultraperiferiche, mentre la Groenlandia è stata membro dell'allora Comunità Economica Europea (oggi Unione Europea) fino al 1982. Gli abitanti delle isole Fær Øer e della Groenlandia sono cittadini UE in virtù della loro cittadinanza danese, ma non hanno diritto di voto al Parlamento Europeo.

Valuta[modifica | modifica sorgente]

Le tre nazioni costitutive non hanno la medesima valuta. La Danimarca e la Groenlandia utilizzano la Corona danese, le isole Fær Øer usano la Corona delle Isole Fær Øer. La Corona delle Isole Fær Øer ha lo stesso valore della Corona danese e ha circolazione ufficiale nelle isole.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.oecd.org/dataoecd/60/63/1947767.htm
  2. ^ Economic aspects of European Union enlargement: the crucial years ahead
  3. ^ Paesi nel Paese, come riportato all'indirizzo http://www.number-10.gov.uk/output/Page823.asp
  4. ^ Number 10
  5. ^ Termine impiegato dal Governo britannico, dal Governo irlandese e dai media britannici.
  6. ^ 2001 British Census.
  7. ^ Office for National Statistics.
  8. ^ British Embassy in the United States of America.
  9. ^ House of Commons Hansard Written Answers for 28 Feb 2000 (pt 35)
  10. ^ "Constituent parts" used by US government.
  11. ^ "Constituent parts" used by British government.
  12. ^ Ministero degli Affari Esteri di Danimarca, The United Kingdom of Denmark. URL consultato il 2009-09-24.
Regno Unito Portale Regno Unito: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Regno Unito