Contesto (linguistica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In linguistica, il termine contesto ha diversi significati:

  • È l'insieme degli elementi di un testo (presenti o sottintesi), messi in correlazione fra loro. Il testo può essere scritto o orale (cosiddetto cotesto).
  • Il contesto può anche essere considerato come lo sfondo della situazione di cui si sta parlando. Secondo alcuni[senza fonte], il contesto è un processo di relativizzazione dello studio di un determinato fenomeno.

Ludwig Wittgenstein sostenne che il contesto è indipensabile per capire il significato di una parola, che il significato di una parola o di un concetto dipende dal suo contesto. In base a ciò, Wittgeinstein ribadì la strumentalità della parola affermando che il senso è l'uso.

Wittgeinstein sosteneva che la lingua è formata da quanti la parlano, dalle parole utilizzate quotidianamente, e un buon vocabolario dovrebbe attribuire alle parole un senso che deriva dal loro uso comune. Queste idee sono proprie della linguistica prammatica.

Il contesto è studiato dalla linguistica pragmatica, che si occupa, più specificamente, del modo in cui il contesto influisce sull'interpretazione dei significati. In questo caso il termine contesto è sinonimo della parola situazione, in quanto potrebbe riferirsi a qualsiasi fattore extralinguistico, tra cui sociale, ambientale e psicologico.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica