Casus belli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Casus belli (disambigua).

Casus belli è una locuzione latina il cui significato letterale è "occasione della guerra". Tale espressione è usata per indicare un evento addotto a motivazione ufficiale per la dichiarazione di guerra, in genere diverso o secondario rispetto a motivazioni economiche, politiche e sociali che gli storici ritengono essere alla base di un conflitto.

Tra i più importanti "casus belli" ricordiamo, in ordine temporale: il ratto di Elena, l'assedio di Sagunto, defenestrazione di Praga, l'imboscata di Jumonville, l'attentato di Sarajevo e l'incidente di Ual Ual.

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

Casus Belli: Ratto di Elena
Casus Belli: Assedio di Sagunto
Casus Belli: Defenestrazione di Praga
Casus Belli: Imboscata di Jumonville
Casus Belli: Dispaccio di Ems
Casus Belli: Attentato di Sarajevo
Casus Belli: Incidente di Ual Ual
Casus Belli: Incidente del Golfo del Tonchino
Casus Belli: Sconfitta dell'Honduras contro El Salvador nelle qualificazioni al campionato mondiale di calcio 1970.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

lingua latina Portale Lingua latina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingua latina