Gentilino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gentilino
frazione
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Wappen Tessin matt.svg Ticino
Distretto Lugano
Comune Collina d'Oro
Territorio
Coordinate 45°59′40″N 8°56′05″E / 45.994444°N 8.934722°E45.994444; 8.934722 (Gentilino)Coordinate: 45°59′40″N 8°56′05″E / 45.994444°N 8.934722°E45.994444; 8.934722 (Gentilino)
Altitudine 388 m s.l.m.
Superficie 1,23 km²
Abitanti 1 328 (2000)
Densità 1 079,67 ab./km²
Altre informazioni
Lingue Italiano
Cod. postale 6925
Prefisso 091
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Gentilino
Gentilino – Mappa

1leftarrow.pngVoce principale: Collina d'Oro.

Gentilino (Gentilìn in dialetto ticinese) è un ex comune del Canton Ticino. Il 4 aprile 2004 si è realizzata la fusione con i comuni di Agra, e Montagnola nel nuovo comune di Collina d'Oro.

Persone legate a Gentilino[modifica | modifica wikitesto]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Gentilino
Chiesa di Sant'Abbondio con il Monte San Salvatore sullo sfondo
Chiesa e Gentilino

Edilizia religiosa[modifica | modifica wikitesto]

  • La chiesa di Sant'Abbondio
  • L'ossario di fronte alla chiesa.
  • la Via Crucis sui lati del sagrato.
  • Il cimitero monumentale neoclassico
  • La cappella di San Pietro presso il cimitero.
  • L'oratorio della Presentazione di Gesù al Tempio, a Ca' di Sotto.
  • L'oratorio di San Giovanni Evangelista a Viglio.

Edilizia civile[modifica | modifica wikitesto]

  • La casa Somazzi con decorazioni rinascimentali a graffito in facciata.
  • La neoclassica Villa Donini.
  • La Villa di Pasquale Lucchini.
  • La palazzina Bora da Besa dell'architetto Americo Marazzi.
  • La Villa Argentina a Viglio con l'affresco della Pietà sul portale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 329.
  • A.Mario Redaelli, Storia e storie della Collina d'Oro, Editori Gaggini-Bizzozero S.A., Lugano 1977.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 300-301.
  • Luciano Vaccaro, Giuseppe Chiesi, Fabrizio Panzera, Terre del Ticino. Diocesi di Lugano, Editrice La Scuola, Brescia 2003, 96, 240.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 336.
  • Edoardo Villata, Petrini inedito e seriale. Un nuovo Cristo crocifisso al Bigorio, in Arte&Storia, anno 11, anno 49, Edizioni Ticino Management, Lugano 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Stemma del comune di Collina d'Oro Frazioni di Collina d'Oro Stemma del Canton Ticino
Agra | Carabietta | Gentilino | Montagnola
Lugano | Ticino | Svizzera
Ticino Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino