Tele System

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tele System
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariasocietà a responsabilità limitata
Fondazione1989 a Bolzano
Fondata daFlavio De Poli, Walter De Poli, Johann Ramoser
Sede principaleBressanvido
ControllateTele System Electronic M Sdn Bhd
Persone chiaveFlavio De Poli (amministratore delegato)
SettoreElettronica
ProdottiElettronica di consumo
Fatturato€ 28,7 milioni (2019)
Utile netto€ 65.680 (2019)
Dipendenti190 (2014)
Slogan«Digitale per passione»
Note[1]
Sito webwww.telesystem-world.com/0/1/it/

Tele System Digital S.r.l., meglio nota come Tele System, è un'azienda italiana con sede a Bressanvido, in provincia di Vicenza, che opera nel settore dell'elettronica di consumo, in particolare negli apparecchi e dispositivi per la televisione digitale e satellitare.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda viene fondata nel 1989 a Bolzano come Tele System Electronic S.r.l. per iniziativa dei fratelli Flavio e Walter De Poli e Johann Ramoser, e fin dal suo avvio si specializza nella produzione di antenne paraboliche.[2][3]

In breve tempo si afferma come un'importante realtà, divenendo alla vigilia degli anni 2000 il maggior produttore italiano ed europeo di parabole con 2 milioni di unità l'anno.[4] L'azienda si espande con la creazione di filiali all'estero e di una solida rete di vendita in Italia, e nel frattempo sposta la sua sede presso lo stabilimento di produzione di Bressanvido, in provincia di Vicenza.[4] All'attività di produzione delle parabole viene affiancata la commercializzazione di decoder satellitari, di televisori, e dopo lo sviluppo della televisione digitale terrestre anche di set-top box.[5] Nel mercato dei decoder per il digitale terrestre, Tele System si afferma come uno dei marchi più venduti in Italia.[6]

Nel 2007, Tele System entra nel mercato dei navigatori satellitari, con il modello Navigatore TS8.2PND.[7] L'azienda è in piena espansione e nel 2009 realizza il fatturato più alto di sempre, di 183,5 milioni di euro, ed un utile di 8,6 milioni.[8] Nel 2010, l'azienda presenta il modello HybridBLOBbox, un decoder DTT Full HD multifunzione, che consente la connessione a Internet e la videoregistrazione dei programmi televisivi.[9]

Nel 2016, Tele System lancia un innovativo decoder DTT dalle dimensioni compatte da installare sui televisori non abilitati agli standard DVB-T2 e HEVC.[10]

Nel 2021, l'azienda aderisce alla Hybrid Broadcast Broadband TV (Hbb TV).[11]

Informazioni e dati[modifica | modifica wikitesto]

Un decoder DTT della TELE System

Tele System Digital S.r.l., azienda con sede operativa a Bressanvido, in provincia di Vicenza, opera nel settore dell'elettronica di consumo. Progetta, produce e commercializza, televisori, decoder per il digitale terrestre e per quella satellitare, lettori DVD, parabole, e convertitori LNB.

Presente in oltre 70 paesi nel mondo[4], il grosso della sua produzione avviene in Cina e Malaysia, ed in quest'ultimo paese controlla una società, la Tele System Electronic M Sdn Bhd, attiva dal 1999.[12]

Nel 2019, l'azienda veneta ha realizzato un fatturato di 28,7 milioni di euro, ed un utile netto di poco più di 65.680.[1] L'ultimo dato disponibile sul numero di addetti è del 2014, in cui erano impiegate 190 persone.[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b TELE SYSTEM DIGITAL S.R.L., su reportaziende.it. URL consultato il 7 marzo 2021.
  2. ^ Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana. Foglio delle inserzioni n. 279 del 27 novembre 1993, p. 28
  3. ^ Redazione, TELE System. Tutto per il digitale, in Smart Building Italia, 29 luglio 2014. URL consultato l'8 marzo 2021.
  4. ^ a b c E. Dal Maso, Tele system punta su ricavi record, in Italia Oggi, n. 266, 9 novembre 2000, p. 18. URL consultato il 19-05-2019.
  5. ^ G. Lonardi, Il made in Italy delle tv resiste nelle nicchie, in La Repubblica, 24 novembre 2008, p. 13. URL consultato l'8 marzo 2021.
  6. ^ Redazione, A Rigoni e De Poli il riconoscimento di Ernst & Young, in Il Giornale di Vicenza.it, 20 novembre 2009. URL consultato l'8 marzo 2021.
  7. ^ L. Briotti, TeleSystem entra nel mercato dei navigatori satellitari hitech, in La Repubblica, 21 maggio 2007, p. 24. URL consultato l'8 marzo 2021.
  8. ^ Le principali società italiane (2010), R&S-Mediobanca, 2010, p. 116.
  9. ^ F. Tarissi, Tele Systems, il decoder all in one che può registrare le trasmissioni tv, in La Repubblica, 10 maggio 2010, p. 34. URL consultato l'8 marzo 2021.
  10. ^ F. Ferrara, TeleSystem lancia il decoder Stealth che abiliterà il DVB-T2 sulle TV, in Fidelity House, 24 ottobre 2016. URL consultato l'8 marzo 2021.
  11. ^ Redazione, Amazon, Discovery, TELE System Digital aderiscono all’Associazione HbbTV, in Radio & Television Monitor, 23 febbraio 2021. URL consultato l'8 marzo 2021.
  12. ^ (EN) Tele System Electronic M Sdn Bhd, su bloomberg.com. URL consultato l'8 marzo 2021.
  13. ^ Le principali società italiane (2015), R&S-Mediobanca, 2015, pp. 226-227.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sito ufficiale, su telesystem-world.com. URL consultato l'8 marzo 2021.