Nice (azienda)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nice S.p.A.
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Borse valoriBorsa Italiana: NICE
Fondazione1993
Sede principaleOderzo
Persone chiave
SettoreElettronica
Prodotti
Fatturato325 milioni di [1] (2017)
Dipendenti1 581 (2017)
Slogan«A World without barriers»
Sito web

La Nice S.p.A. è un'azienda italiana fondata nel 1993 operante nel settore della domotica e quotata dal 2006 alla Borsa di Milano negli indici FTSE Italia Small Cap e FTSE Italia STAR.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda nasce nel 1993 con tre soci (Lauro Buoro[2], Michele Falchetta[3] e Oscar Marchetto[4]) per realizzare trasmettitori elettronici per l'automazione dei cancelli e delle porte dei garage. Nel 1995 apre la prima filiale in Francia.

Nei primi anni 2000 acquisisce una società produttrice di sistemi di automazione per tende e tapparelle. Crea il marchio Mhouse, per la grande distribuzione organizzata e il mercato del fai-da-te. Tra il 2001 e il 2005 apre nuove filiali commerciali in Polonia, Spagna, Cina, Belgio, Regno Unito, Romania, Germania e USA. Nel 2001 vince la XIX edizione Compasso d’Oro nella categoria "Design per l'ambiente".

Il 19 maggio 2006 Nice si quota in Borsa Italiana nel segmento Star. Tra il 2006 ed il 2007 continua la crescita internazionale con l'apertura di nuove filiali in Turchia, Australia, Portogallo e Sudafrica.

Il 26 maggio 2007 Nice inaugura la sede centrale a Oderzo, in provincia di Treviso. Nel 2008 entra in nuovi segmenti di mercato; tramite l'acquisizione di Silentron S.p.A. viene lanciata la linea NiceHome System per sistemi d'allarme wireless. Sempre nello stesso anno rileva la società americana Apollo Gate Operators Inc., specializzata nella progettazione, produzione e commercializzazione di sistemi di automazione per cancelli alimentati ad energia solare.

Nel 2010 Nice acquisisce la maggioranza del capitale di FontanaArte S.p.A., azienda fondata dall'architetto italiano Gio Ponti nel 1932. Con questa acquisizione, Nice fa l'ingresso nel settore complementare dei sistemi d'illuminazione. La rivenderà poi sei anni più tardi, nell'agosto 2016, per 15 milioni di euro a Italian Creation Group (ICG), la holding creata nel 2013 da Giovanni Perissinotto e Stefano Carli con l'obiettivo di dare vita ad un gruppo industriale del design.[5]

Nel giugno 2011 rileva il Gruppo Peccinin in Brasile, attivo dal 1985 nel settore dell'automazione Gate in ambito residenziale e commerciale nell'area sudamericana. Nello stesso mese acquisisce KINGgates, azienda attiva nel settore dell'automazione che produce cancelli e porte da garage. E a settembre cresce in Germania acquisendo il gruppo Elero, azienda che produce automazioni per protezioni solari.

Nel 2015 altra acquisizione: una società sudafricana, E.T.Systems, specializzata in automazione dei cancelli.[6] Nel 2016 acquisisce per 26,8 milioni Hy-Security Gate, sede a Seattle e leader nel Nord America per la progettazione e produzione di automazione per cancelli ad uso industriale e commerciale.[7] Nel 2017 chiude uno stabilimento in Cina riportando la produzione a Oderzo.[8]

Nell'aprile 2018 rileva per 18,7 milioni di dollari il 75% di una startup californiana, Abode Systems, attiva nella home security.[9] Nello stesso anno rileva altre quattro aziende: due in Italia (V2 a Racconigi, provincia di Cuneo, specializzata nella domotica, e Acm di Roma, leader mondiale nell'automazione di serrande), una in Brasile e una in Polonia.[8] Nell'intero 2018 sono investiti nelle cinque acquisizioni 123 milioni di euro.[10]

Nel gennaio 2019 rileva per 8 milioni di dollari canadesi un'azienda di Montreal, in Canada, produttrice di sistemi per l'automazione delle porte da garage[11] e con filiali nel Nord America. Tra i suoi clienti: Apple, Tesla, SpaceX, la Fed e la marina militare Usa.

Dati economici[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2017 la società ha registrato un fatturato consolidato di 325 milioni di euro con un aumento dell'8,5%. L'utile netto è cresciuto del 28,5% a 24.8 milioni. Il margine operativo lordo ha superato la soglia dei 52 milioni con un aumento del 14,7%.[1] L'80% dei ricavi è ottenuto grazie alle vendite in oltre cento paesi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Il cda di Nice approva il bilancio: utile in crescita nel 2017, su trevisotoday.it, 14 marzo 2018. URL consultato l'11 maggio 2018.
  2. ^ Lauro Buoro (PDF), su ir.niceforyou.com. URL consultato l'11 maggio 2018.
  3. ^ Nice, morto Michele Falchetta, su trevisotoday.it, 26 febbraio 2018. URL consultato l'11 maggio 2018.
  4. ^ Somec, così l'ex socio di Nice si rilancia con le regine dei mari, su corrieredelveneto.corriere.it, 16 agosto 2014. URL consultato l'11 maggio 2018.
  5. ^ Fontana Arte passa al gruppo ICG, su ilsole24ore.com, 8 agosto 2016. URL consultato il 16 maggio 2018.
  6. ^ Nice acquisisce ET Systems, secondo produttore di automazione per cancelli in Sud Africa, su serramentinews.it, 3 marzo 2015. URL consultato il 16 maggio 2018.
  7. ^ Nice acquisisce Hy-Security Gate, su venetoeconomia.it, 6 luglio 2016. URL consultato il 16 maggio 2018.
  8. ^ a b Nice fa cinque acquisizioni e cresce del 10%, su mattinopadova.gelocal.it, 19 dicembre 2018. URL consultato il 16 marzo 2019.
  9. ^ Nice compra Abode negli Usa. Polo unico di domotica e security, su tribunatreviso.gelocal.it, 18 aprile 2018. URL consultato l'11 maggio 2018.
  10. ^ Francesca Gambarini, Domototica 5.0 Dal Veneto al Canada in L'Economia del Corriere della Sera, 15 marzo 2019, p. 18
  11. ^ Nice sbarca in Canada e acquisisce Micanan, su teleborsa.it, 16 gennaio 2019. URL consultato il 16 marzo 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]