Selex ES

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Selex ES
Logo
Stato Italia Italia
Tipo Società per Azioni
Fondazione 2013 a Pomezia
Chiusura 31 dicembre 2015 (confluita in Finmeccanica)
Sede principale Roma, via Tiburtina , km 12.400
Gruppo Finmeccanica
Settore Elettronica per la Difesa e Sicurezza
Sito web http://www.finmeccanica.com/

Selex ES S.p.A. è stata una società italiana controllata da Finmeccanica S.p.A., attiva nel settore dell'elettronica per la difesa e la sicurezza. Dal 1 gennaio 2016, le attività di Selex ES sono confluite nelle Divisioni Sistemi Avionici e Spaziali, Elettronica per la Difesa Terrestre e Navale e Sistemi per la Sicurezza e le Informazioni del settore Elettronica, Difesa e Sistemi di Sicurezza di Finmeccanica S.p.A.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nata ufficialmente come Finmeccanica Consulting S.r.l.[2], nel dicembre 2011 la società si trasforma in Selex ES S.p.A. (acronimo di Selex Electronic Systems) ricevendo tutte le attività svolte dal Gruppo Finmeccanica nel settore Elettronica per la Difesa e Sicurezza.

Operativa dal 1º gennaio 2013 ha quindi incorporato Selex Galileo, Selex Elsag e gli asset di Selex Sistemi Integrati, acquistati per 66 milioni di euro. Quest'ultima, infatti, non è stata fusa in Selex ES per via dei contenziosi giuridici attualmente in essere[non chiaro][3].

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2015 Selex ES contava circa 17.900 dipendenti, 64 sedi di cui 48 in Italia, un portafoglio di 550 prodotti.

Era articolata in tre divisioni:

  • Airborne and Space Systems: sensori aeroportati, velivoli senza pilota, sistemi di guerra elettronica, sistemi integrati di missione, sistemi di simulazione, aerobersagli, sensori stellari, payload ed equipaggiamenti.
  • Land and Naval Systems: settore elettro ottico, architettura di sistemi complessi, sistemi tattici integrati, sistemi navali da combattimento, radar navali e terrestri, reti di comunicazioni militari.
  • Security and Information Systems: architetture di sistemi per la protezione del territorio e delle infrastrutture critiche, gestione di dati e persone, sistemi di comunicazione, tecnologie dell'informazione e della comunicazione, sistemi aeroportuali e di controllo del traffico marittimo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Finmeccanica: Mauro Moretti vara la One Company, su www.finmeccanica.com. URL consultato il 13 gennaio 2016.
  2. ^ Bilancio Finmeccanica S.p.A. al 31.12.2011
  3. ^ milanofinanza.it

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]