Phonocar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Phonocar
Logo
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Fondazione 1972 a Reggio Emilia
Sede principale Reggio Emilia, Italia
Settore Hi-fi car, accessori, dispositivi audio-video, sistemi di sicurezza
Prodotti Accessori e dispositivi audio video
Sito web

Phonocar è un'azienda italiana con sede a Reggio Emilia nata nel 1972. Parte con la fabbricazione di supporti per autoradio in legno e successivamente si specializza nella realizzazione di altoparlanti e amplificatori Hi-Fi, apparecchiature audio/video, sistemi di sicurezza e accessori. I suoi prodotti sono distribuiti con i marchi Phonocar, Sec, Mlife e Galileo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Phonocar ha iniziato a realizzare prodotti Hi-fi in un'epoca in cui in Italia non era ancora diffuso il concetto di musica di qualità per l'auto. Partendo dallo sviluppo degli accessori, la compagnia arriva alla progettazione e realizzazione di altoparlanti e amplificatori, realizzando, in anteprima sia europea che italiana, numerose innovazioni[1].

Nel 1972 costruisce la prima consolle di legno porta autoradio con altoparlante e accessori. Nel 1976 realizza i suoi primi altoparlanti Hi Fi per auto e nel 1978 il suo primo amplificatore per auto, il Power Box. Nel 1981 Phonocar cambia radicalmente la disposizione dell'impianto hi-fi, introducendo sul mercato i pannelli posteriori in legno che permettono di installare altoparlanti di grandi dimensioni nella zona posteriore. Quindi sviluppa e produce (1983) una serie di micro-tweeter dalle dimensioni ridotte.

Nel 1989 introduce un amplificatore con ventola di raffreddamento per ridurre gli ingombri e mantenere costante la temperatura. Due anni dopo, nel 1991, realizza due prodotti: un crossover elettronico attivo e un amplificatore a 8 canali con crossover elettronico, entrambi regolabili dal posto guida. È del 2001 il sistema di fissaggio di nuovi tweeter per installazioni su superfici irregolari, con possibilità di orientare l'altoparlante verso il punto di ascolto. Nel 2004 sfrutta l'uso di una nuova membrana in fibra di vetro stampata ad alta compressione (HCF) nella costruzione della linea Pro Tech. Questa permette di ottenere una bassa distorsione ed una ampia banda passante. Nel 2007 produce la Serie OTTO, amplificatori che permettono di effettuare l'amplificazione multipla all'infinito senza l'ausilio di crossover elettronici. Nello stesso anno rilascia il PHV016, un elevatore di tensione stabilizzata che permette di raddoppiare la potenza dell'amplificatore a motore spento.

Prodotti[modifica | modifica wikitesto]

Modelli[modifica | modifica wikitesto]

La serie OTTO[modifica | modifica wikitesto]

Gli amplificatori della serie Otto prevedono l'inserimento del sistema di crossover elettronico integrato X.O.T., grazie al quale la realizzazione di sistemi Hi-end in multi amplificazione non necessita di ulteriori crossover elettronici esterni. Il sistema X.O.T. evita l'utilizzo di crossover elettronici supplementari e permette il collegamento seriale dei finali, consentendo la regolazione dei tagli di frequenza di ogni singola sezione, direttamente dagli amplificatori. Ogni amplificatore OTTO è correlato da due terminali che proteggono connessioni e collegamenti.

Potenza RMS su 4 OHM Potenza RMS su 2 OHM Potenza RMS a ponte
PH8200 1.000 1.300
PH8124 120x4 200x4 400x2
PH845 40x4 + 150x1 70x4 + 170x1 90x2 + 150x1
PH8220 220x2 325x2 650x2
PH8140 130x2 215x2 430x2
PH880 75x2 115x2 230

Prove del settore hanno rilevato che “Gli amplificatori Phonocar Serie Otto sono dotati di un crossover con uscite che consente di creare catene in multiamplificazione complesse. Anche la meccanica è curatissima, con coperture di protezione laterali per cavi e connettori. Notevoli le potenze che possono raggiungere i 1.000 Watt RMS”[2]

Dream PH2000[modifica | modifica wikitesto]

È un amplificatore che dà la possibilità di regolare l'intensità e i tagli di frequenza direttamente dal posto di guida. Il finale è composto da 8 canali differenti. Due coppie di canali ad elevata potenza ed alta capacità di corrente, per affrontare le configurazioni più moderne dotate di subwoofer mono o doppio woofer in portiera, e due coppie di canali di potenza inferiore per pilotare i midrange ed i tweeter. Ognuna di queste quattro coppie di amplificatori può essere pilotata anche singolarmente full range. L'amplificatore può essere collegato ad un qualsiasi crossover elettronico, ma con l'impiego del crossover PH9000 è possibile regolare l'impianto dal punto di ascolto. Il Dream Ph2000 ha vinto il premio ECAP 2001/2002 (European Car Audio Press).

Potenza RMS su 4 OHM Potenza RMS su 2 OHM Potenza RMS a ponte
SUB-W 150X2 250X2 500
WOOFER 150X2 250X2 500
MID-RANGE 50X2 80X2 150
TWEETER 50X2 80X2 150

PHV16[modifica | modifica wikitesto]

Il PHV16 è uno stabilizzatore/elevatore di tensione che, collegato tra la batteria e gli amplificatori, consente di aumentare la potenza da questi ultimi erogata fino al 100% in più con il motore dell'auto spento, mentre con la vettura in marcia l'incremento è quantificabile nel 35%.

Il PHV-16 somiglia a un amplificatore anche nel circuito. In realtà si tratta di un amplificatore privo delle sezioni audio, costituito dal solo alimentatore switching. Tutti i componenti sono saldati su un PCB in vetronite a doppia faccia con piano di massa diffuso. Il filtro primario di alimentazione è costituito da 12 elettrolitici da 2200 microfarad/25 V del tipo computer grade a 105°. Un TL-494 genera la frequenza di switching che pilota quattro trasformatori con nucleo a doppio E; la sezione di potenza schiera 16 semiconduttori in TO-220P e altri 8 mosfet in contenitore TO-3P. Il banco di livellamento, di tipo induttivo/capacitivo, è costituito da: 16 elettrolitici Elna da 1000 mF/25V/105°, due induttori toroidali e altri 8 elettrolitici da 4700 mF/25 V.

Per Caraudio, con il PHV-16 si è di fronte ad un prodotto “rivoluzionario....non risulta che, almeno per il momento, sul mercato esistano dispositivi similari…durante i test di laboratorio abbiamo calcolato un rendimento straordinario, prossimo al 95%. In altre parole, il PHV-16 dissipa pochissimo calore…Un'informazione che interesserà gli appassionati di gare SPL: alimentato con una batteria da 100 A/h, il PHV-16 è in grado, a motore spento, di mantenere la massima tensione di uscita per 210 secondi."

Sistemi di Navigazione OEM[modifica | modifica wikitesto]

Phonocar ha sviluppato una linea completa di sistemi di navigazione personalizzati per le principali marche automobilistiche.

Questa linea di sistemi OEM si integra perfettamente nel cruscotto delle auto con un design studiato per riprodurre l’estetica del sistema originale e con un’istallazione plug and play facile e veloce.

Grazie a queste Media station personalizzate l’utente aggiunge al sistema originale funzionalità come la navigazione, Vivavoce bluetooth, lettore DVD-USB-SD e ingresso retrocamera.

Le Media station possono essere integrate al posto della autoradio originale o come sistemi esterni che si installano all’interno del cruscotto a scomparsa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Economia