Parc Olympique lyonnais

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Stade des Lumières)
Stade des Lumières
Grand Stade OL
Informazioni
Stato Francia Francia
Ubicazione Décines-Charpieu
Inizio lavori 2012
Inaugurazione 2016
Proprietario O. Lione
Progetto Populous
Uso e beneficiari
Calcio O. Lione
Capienza
Posti a sedere 59 186[1]

Il Parc Olympique lyonnais (abbreviato Parc OL, chiamato anche Grande Stade OL o Stade des lumières) è uno stadio di calcio a Décines-Charpieu che ospita le partite casalinghe dell'Olympique Lione.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º settembre 2008 il presidente dell'Olympique Lione Jean-Michel Aulas ha annunciato il piano per creare un nuovo stadio di 60 mila posti, provvisoriamente chiamato OL Land, da costruire in uno spazio di 50 mila ettari a Décines-Charpieu, nella periferia di Lione. Lo stadio avrebbe dovuto includere attrezzature sportive all'avanguardia, due hotel, un centro divertimenti e uffici commerciali. Il 13 ottobre il progetto fu concordato dal governo francese, il Consiglio Generale del Rodano, Grand Lyon, SYTRAL e il comune di Décines per costruirlo con 180 milioni di euro pubblici circa e 60 milioni di euro circa derivanti dalla comunità di Lione. Fin da quando è stato annunciato, il progetto ha subito dei rallentamenti a causa di lente procedure amministrative, interessi politici e varie opposizioni di gruppi che videro lo stadio come un errore finanziario, ecologico e sociale per coloro che pagavano le tasse e i cittadini di Décines.

Il 22 settembre 2009, il quotidiano francese L'Équipe riportò che lo stadio fu scelto dalla Federazione calcistica della Francia per essere uno dei 12 impianti che verranno proposti per il Campionato europeo di calcio 2016. La FFF ufficializzò le sue selezioni l'11 novembre 2009 e la città di Lione fu scelta per ospitare alcuni match del torneo.

Incontri di club[modifica | modifica wikitesto]

Inaugurazione[modifica | modifica wikitesto]

La partita inaugurale si è disputata il 9 gennaio 2016 tra Olympique Lione e Troyes per la ventesima giornata di Ligue 1.[2]

Décines-Charpieu
9 gennaio 2016, ore 17:00 CET
20ª giornata
O. Lione 4 – 1
referto
Troyes Troyes Parc Olympique lyonnais (55.169[3] spett.)
Arbitro Francia Ruddy Buquet

Incontri internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Costruito appositamente per il Campionato europeo di calcio 2016, il Parc OL ospiterà anche le finali di rugby European Rugby Challenge Cup 2015-2016 ed European Rugby Champions Cup 2015-2016. Lo stadio è candidato a ospitare la finale di UEFA Europa League 2017-2018. Inoltre, accoglierà la finale del Campionato mondiale di calcio femminile 2019.

Europei[modifica | modifica wikitesto]

Campionato europeo di calcio 2016[modifica | modifica wikitesto]

Data Ora (CET) Squadra #1 Ris. Squadra #2 Fase del torneo Spettatori
13 giugno 2016 21:00 Belgio Belgio - Italia Italia Girone E
16 giugno 2016 18:00 Ucraina Ucraina - Irlanda del Nord Irlanda del Nord Girone C
19 giugno 2016 21:00 Romania Romania - Albania Albania Girone A
22 giugno 2016 18:00 Ungheria Ungheria - Portogallo Portogallo Girone F
26 giugno 2016 15:00 Prima gruppo A - Terza gruppo C/D/E Ottavi di finale
6 luglio 2016 21:00 Vincitore partita 45 - Vincitore partita 46 Semifinali

Concerti[modifica | modifica wikitesto]

Il primo concerto tenutosi al Parc OL è di Will.i.am il giorno dell'inaugurazione.[4] L'impianto è stato scelto anche da Rihanna come tappa del suo Anti World Tour il 19 luglio 2016.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Communiqué de presse, in Olweb.fr, 6 gennaio 2016.
  2. ^ (FR) Le Grand stade en lumière et en musique, in Leprogres.fr, 10 novembre 2015.
  3. ^ (FR) Affluences Ligue 1, in Lfp.fr.
  4. ^ (FR) Will.i.am et les Pockemon Crew pour l’inauguration !, in Olweb.fr, 14 dicembre 2015.
  5. ^ (FR) Rihanna, in Olweb.fr, 24 novembre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]