Sono come tu mi vuoi/Se non ci fossi tu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sono come tu mi vuoi
Se non ci fossi tu
Sono come tu mi vuoi.jpg

Artista Mina
Tipo album Singolo
Pubblicazione settembre 1966
Genere Musica leggera
Pop
Etichetta Ri-Fi RFN NP 16164
Arrangiamenti lato A Bruno Canfora
lato B Augusto Martelli
Formati 7"
Mina - cronologia
Singolo precedente
(1966)

Sono come tu mi vuoi/Se non ci fossi tu è il 78° singolo di Mina, pubblicato a settembre del 1966 su vinile a 45 giri dall'etichetta Ri-Fi.[1][2]

Successo e classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Ultimo di una serie di sei singoli consecutivi che raggiungono rilevanti risultati (tra il terzo e il sedicesimo posto) di vendite settimanali. Da L'ultima occasione/E... (E adesso sono tua) a questo singolo, Mina ha sempre, da metà 1965 a fine 1966, almeno un 45 giri in classifica.

Classifica Italia 1966[3] Posizione Settimane
8 ottobre 9 (dalla 11) 1
15 ottobre 6 1
22 ottobre 4 1
29 ottobre 3 1
5 novembre 7 1
12 novembre 5 1
19 novembre 10 1

Nel periodo tra la fine del 1966 e l'inizio del 1967 è il 30° singolo più venduto.[4]

Sono come tu mi vuoi[modifica | modifica wikitesto]

Sigla della prima edizione del programma radiofonico Gran varietà (che andrà in onda sempre la domenica mattina per più di 10 anni a seguire) condotto da Johnny Dorelli con la partecipazione della stessa Mina.[5]

È uno degli ultimi singoli del 'vecchio' repertorio inciso con la Ri-Fi, per questo non fu mai inserito in alcun album ufficiale del periodo, ma compare solo in raccolte (la prima è Mina Gold del 1998)[6] posteriori al passaggio della cantante alla PDU, la sua etichetta discografica privata e personale.[5]

Musica e testo[modifica | modifica wikitesto]

Il maestro Canfora, dirigendo l'orchestra nel suo arrangiamento di fiati e archi, esalta ancora una volta il virtuosismo vocale di Mina. La quale nel testo, ma iniziando già dal titolo che contiene un evidente richiamo pirandelliano, controbatte garbatamente l'accanimento morboso della stampa sulle sue vicende personali di quegli anni, ribadendo la propria decisione di non smentire alcuna etichetta, affibbiatagli a torto o a ragione.[5]

Mina non rischia di cadere nel manierismo interpretativo neppure quando si tratta di cantare l'ennesima sigla, anzi, proprio grazie alla qualità del materiale musicale fornitogli e alle sue straordinarie doti canore, pezzi come questo sono diventati classici della musica leggera.[7]

Video[modifica | modifica wikitesto]

Il brano è stato utilizzato per un filmato del quarto ciclo di caroselli girati per pubblicizzare la Barilla.

Mina promuoverà ancora la canzone il 21 gennaio 1967 nella trasmissione Scarpette rosa e successivamente nella prima puntata (1º aprile) del nuovo show televisivo da lei condotto, Sabato sera, una sorta di continuazione del programma Studio Uno andato in onda fino all'anno precedente.[8] Il video di questa registrazione è presente nel DVD Gli anni Rai 1966-1967 vol. 7, inserito in un cofanetto monografico pubblicato da Rai Trade e GSU nel 2008.

Il video di un frammento del brano (durata 0:51) per la puntata del programma Su e giù del 18 aprile 1968, si può trovare invece su Gli anni Rai 1967-1968 vol. 5 dello stesso cofanetto.

Se non ci fossi tu[modifica | modifica wikitesto]

Sarà la canzone d'apertura dell'album Mina 2 (1966).

Nel brano Mina è accompagnata da Augusto Martelli, qui anche arrangiatore, che dirige la sua orchestra.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato A
  1. Sono come tu mi vuoi – 3:34 (testo: Antonio Amurri, Maurizio Jurgens – musica: Bruno Canfora; edizioni musicali Curci)
Lato B
  1. Se non ci fossi tu – 2:27 (testo: Vito Pallavicini – musica: Mario Rusca; edizioni musicali Settebello)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Discografia singoli, Mina Mazzini, sito ufficiale. URL consultato il 28 dicembre 2016.
  2. ^ Sono come tu mi vuoi/Se non ci fossi tu, in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 28 dicembre 2016.
  3. ^ Classifica settimanale vendite singoli 1966, Hit Parade Italia. URL consultato il 28 dicembre 2016.
  4. ^ Classifica annuale vendite singoli 1966, Hit Parade Italia. URL consultato il 28 dicembre 2016.
  5. ^ a b c Orlando R., Sono come tu mi vuoi, Hit Parade Italia. URL consultato il 28 dicembre 2016.
  6. ^ Dal 2012 tutte le raccolte NON fanno più parte della discografia ufficiale.
  7. ^ Dizionario CurcioLe Canzoni, op. citata, Sono come tu mi vuoi, p.417
  8. ^ Varietà 1966-1967, in Rai Teche, Rai. URL consultato il 28 dicembre 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cover di Irene Grandi[modifica | modifica wikitesto]

Sono come tu mi vuoi
Sono come tu mi vuoi.png
screenshot del videoclip
Artista Irene Grandi
Tipo album Singolo
Pubblicazione 28 settembre 2007  Italia
Durata 3 min : 35 s
Album di provenienza Irenegrandi.hits
Genere Pop rock
Etichetta CGD
Certificazioni
Dischi d'oro Italia Italia (1)[1]
(vendite: 19 000+)
Irene Grandi - cronologia
Singolo precedente
(2007)
Singolo successivo
(2008)

Sono come tu mi vuoi è un singolo digitale della cantante italiana Irene Grandi, pubblicato il 28 settembre 2007 e inserito nella raccolta Irenegrandi.hits.

Cover di grande successo del brano originale di Mina, che la stessa Grandi si è dichiarata più volte felice e soddisfatta di aver omaggiato con questa riuscita reinterpretazione.

Video[modifica | modifica wikitesto]

La cantante toscana ha anche registrato un video promozionale, diretto da Lorenzo Vignolo, concepito come remake dell'esibizione originale di Mina nella trasmissione Sabato sera del 1° aprile 1967. Girato rigorosamente in bianco e nero, vede la cantante, con il suo gruppo alle spalle, su un palcoscenico simile ad una passerella, identico a quello allestito nella scenografia di Sabato sera. Fra il pubblico che assiste all'esibizione si riconoscono, tra gli altri, Francesco Bianconi dei Baustelle (che lo stesso anno scrive per la Grandi la hit Bruci la città), Marco Maccarini, Red Ronnie e Simona Bencini.

Successo e classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica Italia 2008[3] Posizione Settimane
29 dicembre 2007 8 1
5 gennaio 9 1
12 gennaio 11 1
19 gennaio 14 1
26 gennaio 12 1
2 febbraio 15 1
9 febbraio 16 1
16 febbraio 20 1
23 febbraio 19 1

I risultati da dicembre 2007 a inizio marzo 2008 lo confermano il 55° singolo più venduto del 2008.[4]

  1. ^ Sono come tu mi vuoi, 1 disco d'oro in Italia (PDF), Musica e dischi.
  2. ^ Video caricato dal detentore dei diritti, Warner Music Italy.
  3. ^ Classifica settimanale vendite singoli 2008, Hit Parade Italia. URL consultato il 28 dicembre 2016.
  4. ^ Classifica annuale vendite singoli 2008, Hit Parade Italia. URL consultato il 28 dicembre 2016.