I discorsi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I discorsi
I discorsi Mina 1969.jpg
ArtistaMina
Tipo albumStudio
Pubblicazionemarzo 1969
Durata36:47
Dischi1
Tracce12
GenerePop
EtichettaPDU
ArrangiamentiAugusto Martelli
FormatiLP
Mina - cronologia
Album precedente
(1968)
Album successivo
(1969)

I discorsi è il quindicesimo album della cantante italiana Mina, pubblicato nel 1969 dalla PDU.[1][2]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Riprende quasi per intero i contenuti dell'album Le più belle canzoni italiane interpretate da Mina (prodotto destinato esclusivamente agli abbonati di alcune riviste), ma utilizza la tradizionale commercializzazione e distribuzione attraverso i negozi di dischi. Viene per questo considerato come l'edizione ufficiale di quel disco promozionale.[senza fonte]

Due sole canzoni differenziano l'elenco delle tracce: I discorsi, che fornisce anche il titolo all'album, e La canzone di Marinella; esse sostituiscono rispettivamente E se domani e La musica è finita.

Il numero di catalogo, inferiore a quello dell'ultimo album pubblicato Canzonissima '68, testimonia che il disco era già pronto e stampato da tempo e che la sua pubblicazione e distribuzione erano state posticipate per favorire la diffusione dell'edizione precedente allegata alle riviste.[senza fonte]

Per queste stesse ragioni l'unico inedito dell'album potrebbe essere la rielaborazione in versione acustica di Il cielo in una stanza,[senza fonte] tuttavia già presente in Le più belle canzoni italiane interpretate da Mina, mentre i due brani inseriti erano già stati pubblicati sull'LP Dedicato a mio padre del 1967 e in un singolo di inizio 1968.

L'operazione commerciale di promuovere in anteprima e gratuitamente un album contenente le stesse canzoni (scelte attraverso un sondaggio a questionario tra i lettori), ha permesso all'edizione ufficiale di raggiungere il sesto posto tra i 33 giri più venduti del 1969.[3]

È stato rimasterizzato su CD nel 2001 (EMI e PDU 5365732).

Arrangiamenti, orchestra e direzione orchestrale sono di Augusto Martelli.

Per filmati video, versioni di Mina in lingua straniera e altre informazioni relative a ciascuna canzone, consultare la voce relativa al singolo o all'album di riferimento che la contiene oppure

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Brani musicali di Mina.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

L'anno indicato è quello di pubblicazione nell'album di riferimento, se omesso si intende 1968.

Lato A
  1. I discorsi – 3:06 (testo: Mina – musica: Augusto Martelli; edizioni musicali Southern)1967
  2. Se stasera sono qui – 3:32 (testo: Mogol – musica: Luigi Tenco; edizioni musicali Radio Record Ricordi)
  3. Silenzioso slow (Abbassa la tua radio per favor) – 2:58 (testo: Alfredo Bracchi – musica: Giovanni D'Anzi; edizioni musicali Curci)
  4. Non ti scordar di me – 2:23 (testo: Domenico Furnò – musica: Ernesto De Curtis; edizioni musicali Suvini-Zerboni)
  5. Canzone per te – 3:35 (testo: Sergio Bardotti, Sergio Endrigo – musica: Sergio Endrigo, Luis Enriquez Bachalov; edizioni musicali Usignolo)
  6. Io che amo solo te – 3:11 (Sergio Endrigo; edizioni musicali RCA Italiana)
Lato B
  1. La canzone di Marinella – 3:11 (Fabrizio De André; edizioni musicali Barracuda)1967
  2. Roma, nun fa' la stupida stasera – 2:29 (testo: Garinei e Giovannini – musica: Armando Trovajoli; edizioni musicali C.A.M.)
  3. Ma l'amore no – 3:35 (testo: Michele Galdieri – musica: Giovanni D'Anzi; edizioni musicali Curci)
  4. Il cielo in una stanza (versione acustica) – 2:29 (Gino Paoli; edizioni musicali Fama)
  5. Munasterio 'e Santa Chiara – 2:34 (testo: Michele Galdieri – musica: Alberto Barberis; edizioni musicali La Canzonetta)
  6. 'O sole mio – 3:44 (testo: Giovanni Capurro – musica: Eduardo Di Capua, Alfredo Mazzucchi; edizioni musicali Bideri)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Discografia album, Mina Mazzini, sito ufficiale. URL consultato il 22 febbraio 2017.
  2. ^ I discorsi, in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 22 febbraio 2017.
  3. ^ Classifica annuale vendite album 1969, Hit Parade Italia. URL consultato il 22 febbraio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]