Mina (1964)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mina
Mina Mina 1964.jpg
Grafica di Romano Vitale
Artista Mina
Tipo album Studio
Pubblicazione maggio 1964
Durata 33:52
Dischi 1
Tracce 12
Genere Folk
Pop
Musica leggera
Etichetta Ri-Fi RFL LP 14004
Arrangiamenti Augusto Martelli
Registrazione mono
Formati LP, MC, CD
- cronologia
Album precedente
(1964)
Album successivo
(1964)

Mina è il settimo album della cantante italiana Mina, pubblicato su LP dall'etichetta Ri-Fi nel maggio del 1964.[1][2]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

È il primo long playing con la Ri-Fi, etichetta per cui la cantante inciderà fino alla fine del 1967. Composto prevalentemente da cover di classici americani e brasiliani (ma anche le uniche canzoni in italiano presenti, E se domani e Non illuderti, sono delle cover), è il suo primo vero album studio con pezzi inediti incisi appositamente per l'occasione e non una raccolta di singoli, come i precedenti pubblicati con Italdisc.

Arrangiamenti, orchestra e direzione orchestrale di Augusto Martelli; regia artistica e supervisione tecnica di suo padre Giordano Bruno Martelli.[2]

L'edizione su audiocassetta, pubblicata dalla Philips in tutta Europa nel 1967, s'intitola Many Faces of Mina.

Pubblicato su CD nel 1997 a cura della RCA Italiana (catalogo 7321482602) e e poi di nuovo nel 2009 dalla Halidon su CD (SRCD 6293), LP in vinile da 180 grammi (SRLP 06) e Picture disc (SRLPD 11), questi ultimi a tiratura limitata. Nel 2011 è stato rimasterizzato ancora dalla Halidon su CD mantenendo lo stesso numero di catalogo.[3]

Successo e classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Grazie soprattutto a E se domani viene eletto "migliore album dell'anno" dalla critica specializzata, riconoscimento che vale alla cantante l'Oscar del disco '64.[4]

Nel 1965 è il sesto 33 giri più venduto in Italia. Al primo posto della stessa graduatoria c'è ancora Mina con Studio Uno.[5]

I brani[modifica | modifica wikitesto]

A marzo del 2001 compare su internet un documentario video (pubblicato a ottobre unicamente su DVD) intitolato Mina in studio, che ritrae la cantante al lavoro durante una sessione di registrazione nei suoi studi di Lugano dopo 23 anni di invisibilità mediatica. La canzone è tra i brani eseguiti.
Un'ulteriore versione si trova nell'album omaggio a Frank Sinatra L'allieva del 2005.
  • Angels Eyes
    Cover del brano di Herb Jeffries del 1951, come la canzone precedente si trova nella raccolta Mina canta Sinatra e, in nuova versione, nell'album L'allieva.
  • Ninguém me ama
    Il titolo riportato sulla copertina dell'album è quello di un brano originale in portoghese (testo di Antônio Maria Araújo de Morais), inciso in Brasile da Nora Ney nel 1952, MAI cantato da Mina. Sul disco compare invece la corrispondente cover in spagnolo intitolata Nadie me ama (testo spagnolo: Manuel Salina), già incisa da Nat King Cole nel 1959. Inoltre sull'etichetta del disco di Mina fra gli autori del pezzo è citato Gian Carlo Testoni, il cui nome tuttavia non figura in nessuna delle due edizioni originali.
  • La barca
    Cover del premiato pezzo del maestro messicano Roberto Cantoral García, cantato da Lucho Gatica nel 1958. Un'altra versione di Mina è sul citato DVD Mina in studio del 2001.
Un video del brano (durata 3:09) cantato da Mina durante la seconda puntata della trasmissione televisiva Studio Uno (20 febbraio 1965)[7] è presente nel DVD Gli anni Rai 1962-1965 Vol. 9, inserito in un cofanetto monografico pubblicato da Rai Trade e GSU nel 2008.
  • E se domani
    Questa versione è diversa da quella unica pubblicata nei singoli successivi, Un anno d'amore/E se domani a novembre del 1964 e Brava/E se domani del 1965.
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Un anno d'amore/E se domani.
  • Sabor a mí
    Brano dell'autore messicano Álvaro Carrillo Alarcón, incisa dallo stesso nel 1959. La cover di Mina in lingua originale castigliana è presente nelle discografia straniere della cantante, in particolare su EP in Spagna e Messico, oltre che nella raccolta argentina Mina, l'unica del 1965. Pezzo tipreso da Luis Miguel nell'album Romances del 1997.
  • Stars Fell on Alabama
    Cover della canzone americana del 1934 di Guy Lombardo & The Royal Canadians, inserita anch'essa in Mina canta Sinatra.
  • Everything Happens to Me
    Altro brano originale di Frank Sinatra del 1954, incluso ancora nella raccolta Mina canta Sinatra. Pezzo particolarmente apprezzato da Mina che lo ripropone in diverse versioni, prima nel 1993 come brano di apertura dell'album doppio Lochness, poi nel 2012 in 12 (american song book).

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato A
  1. The Nearness of You – 2:38 (testo: Ned Washington – musica: Hoagy Carmichael; edizioni musicali Ariston)
  2. Angel Eyes – 2:24 (testo: Earl Brent – musica: Matt Dennis; edizioni musicali Chappell)
  3. Nadie me ama (Ninguém me ama) – 2:47 (testo: Manuel Salina – musica: Fernando de Castro Lobo; edizioni musicali Peersongs)
  4. La barca – 3:09 (Roberto Cantoral; edizioni musicali Peersongs)
  5. Stella by Starlight – 2:26 (testo: Ned Washington – musica: Victor Young; edizioni musicali Curci)
  6. Insensatez – 2:37 (testo: Vinícius de Moraes – musica: Antônio Carlos Jobim; edizioni musicali Ariston)
Lato B
  1. E se domani – 3:08 (testo: Giorgio Calabrese – musica: Carlo Alberto Rossi; edizioni musicali C.A. Rossi / Francis Day)
  2. Non illuderti – 2:55 (testo: Michelino Rizza – musica: Berto Pisano; edizioni musicali Codevilla)
  3. Sabor a mí – 3:01 (Álvaro Carrillo; edizioni musicali Peersongs)
  4. You Go to My Head – 2:53 (testo: Haven Gillespie – musica: J. Fred Coots; edizioni musicali Chappell)
  5. Stars Fell on Alabama – 3:16 (testo: Mitchell Parish – musica: Frank Perkins; edizioni musicali Francis Day)
  6. Everything Happens to Me – 2:38 (testo: Tom Adair – musica: Matt Dennis; edizioni musicali Pickwick)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Discografia album, Mina Mazzini, sito ufficiale. URL consultato l'8 dicembre 2016.
  2. ^ a b Mina (1964), in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato l'8 dicembre 2016.
  3. ^ Musica/Mina: Mina, Halidon srl. URL consultato il 2 gennaio 2017.
  4. ^ Orlando R., E se domani, Hit Parade Italia. URL consultato l'8 dicembre 2016.
  5. ^ Classifica annuale vendite album 1965, Hit Parade Italia. URL consultato l'8 dicembre 2016.
  6. ^ Dal 2012 tutte le raccolte NON fanno più parte della discografia ufficiale.
  7. ^ Varietà 1964-1966, in Rai Teche, RAI.it. URL consultato l'8 dicembre 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Video dal canale ufficiale dell'artista su Youtube, tratti dal DVD Mina in studio del 2001: