Del mio meglio n. 2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Del mio meglio n. 2
Del mio meglio 2 Mina 1973.jpg
ArtistaMina
Tipo albumRaccolta
Pubblicazione12 aprile 1973
Durata49:30
Dischi1
Tracce11
GenerePop
EtichettaPDU
Registrazionestudi "La Basilica" a Milano
FormatiLP, CD
Mina - cronologia
Album precedente
(1972)
Album successivo
(1973)

Del mio meglio n. 2 è una raccolta della cantante italiana Mina, pubblicata nell'aprile del 1973 dalla PDU con distribuzione EMI Italiana.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Secondo numero della serie di antologie, iniziata con Del mio meglio (aprile 1971); alla data dell'ultima pubblicazione (maggio 1987) conterà nove volumi. Un ulteriore CD bonus, Del mio meglio n. 10, Live, sarà inserito insieme a tutti gli altri rimasterizzati nel cofanetto in edizione a tiratura limitata e numerata del 2006, intitolato Ascoltami, guardami, denominato "Monster Box".[2]

Nel 1997 i brani di questo e del precedente volume, saranno riuniti nella raccolta Minantologia.

Nel 2012 tutte queste raccolte sono state rimosse dalla discografia presente sul sito ufficiale della cantante.

Analogamente al primo volume della serie, la copertina è ancora un'originale creazione dei grafici Luciano Tallarini e Gianni Ronco. Si apre a croce greca in quattro parti (bianche sul verso) che contemporaneamente ospitano l'alloggio centrale per il disco che è libero e realizzano la sua copertura, una volta richiuse.

Le immagini[3] sono tratte da servizi fotografici già pubblicati su settimanali come Bolero,[4] Amica e Oggi.

Contiene 3 brani inediti, già distribuiti su 45 giri.

Arriva fino al 4º posto nella graduatoria settimanale degli album di maggior successo del 1973, alla fine dell'anno sarà il 20° per vendite, stimate intorno a 250.000 copie.[5]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

L'anno indicato è quello di pubblicazione dell'album d'appartenenza (di cui nasconde il link).

Lato A
  1. Ballata d'autunno (Balada de otoño) – 5:40 (testo: Paolo Limiti – musica: Joan Manuel Serrat; edizioni musicali PDU)1972
  2. Parole parole (feat. Alberto Lupo) – 3:55 (testo: Leo Chiosso, Giancarlo Del Re – musica: Gianni Ferrio; edizioni musicali Curci/Music Union)1972
  3. Uomo – 3:55 (testo: Luigi Albertelli – musica: Enrico Riccardi; edizioni musicali PDU/Ritmi e canzoni)Inedito su album
  4. Fate piano – 3:50 (testo: Andrea Lo Vecchio – musica: Shel Shapiro; edizioni musicali PDU/Alfiere)1972
  5. Grande, grande, grande – 3:57 (testo: Alberto Testa – musica: Tony Renis; edizioni musicali PDU/ItalCarisch)1971
  6. Eccomi – 3:30 (testo: Dario Baldan Bembo – musica: Paolo Limiti; edizioni musicali PDU/Come il vento)Inedito su album
Lato B
  1. Someday (You'll Want Me to Want You) – 6:57 (Jimmie Hodges; edizioni musicali Decca Records)1972 dal vivo
  2. Vorrei averti nonostante tutto – 4:36 (testo: Alberto Testa – musica: Virca[6], Danilo Vaona; edizioni musicali PDU/Fox)1972
  3. Fiume azzurro – 3:58 (testo: Luigi Albertelli – musica: Enrico Riccardi; edizioni musicali PDU/Ritmi e canzoni)1972
  4. Amor mio – 4:46 (testo: Mogol – musica: Lucio Battisti; edizioni musicali Acqua Azzurra/PDU)1971
  5. La mente torna – 4:26 (testo: Mogol – musica: Lucio Battisti; edizioni musicali Acqua Azzurra/PDU)Inedito su album

Arrangiamenti e direzioni orchestrali[modifica | modifica wikitesto]

Tecnici del suono: Nuccio Rinaldis, Antonio Manzi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Del mio meglio n. 2, in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 25 gennaio 2018.
  2. ^ (EN) Ascoltami, guardami, su Discogs, Zink Media. URL consultato il 25 gennaio 2018.
  3. ^ Del mio meglio n. 2 - Immagini copertine interne, in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 25 gennaio 2018.
  4. ^ Nato nel 1947 come «Bolero Film», assunse tale denominazione nel 1966. Negli anni ottanta cambiò testata in «Tele Bolero». Fu chiuso nel 2010.
  5. ^ Classifica annuale vendite album 1973, Hit Parade Italia. URL consultato il 25 gennaio 2018.
  6. ^ Virginio Capitini

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]