Amica (periodico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Amica
Logo
StatoItalia
Linguaitaliano
Periodicitàmensile
Generemoda
stili di vita
attualità
Fondazione1962
Inserti e allegatiAmica Kitchen
The Accessory Issue
Amica International
SedeVia Rizzoli 8
Milano
EditoreRCS MediaGroup
Tiratura124 886 (luglio 2016)
Diffusione cartacea595 000 (2016)
DirettoreEmanuela Testori
Sito webwww.amica.it
 

Amica è una rivista mensile di moda fondata nel 1962 a Milano, edita da RCS MediaGroup.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Amica è una rivista di moda fondata come settimanale nel 1962 da alcuni giornalisti e da alcune redattrici del Corriere della Sera. Nacque come "rivista di moda e attualità" del Corriere. Fu Dino Buzzati, grande inviato del quotidiano milanese, a proporre il nome della testata [1]. La copertina del primo numero (marzo 1962) fu dedicata a Sophia Loren[2].

Primo direttore fu Enrico Gramigna, seguito da Guglielmo Zucconi (1963-65).

Il vero "salto" Amica lo fece sotto la direzione di Antonio Alberti. Alla metà degli anni sessanta Amica raggiunse il traguardo delle 400.000 copie, superato nel 1968 con 500.000[3]. Questo risultato fu ottenuto con la cosiddetta "rivoluzione dei redazionali": mentre gli altri settimanali femminili si ostinavano a presentare alle lettrici del ceto medio le collezioni di alta moda, Amica cominciò a presentare le collezioni del prêt-à-porter. La conseguenza fu che le maisons di questo settore iniziarono a inviare spontaneamente i loro campionari al settimanale, perché vi dedicasse degli articoli, e a incanalare su Amica una parte consistente della propria pubblicità[4].

Negli anni settanta la guida del settimanale fu affidata a Paolo Pietroni, che attraversò la stagione del femminismo e delle lotte per l'emancipazione della donna con evidente apertura[5]. Negli anni ottanta Pietroni modificò la politica dei redazionali, avendo preso atto del fatto che ormai le case di alta moda stavano dirigendosi esse stesse verso il prêt-à-porter e simmetricamente le lettrici potevano permettersi tali prodotti. Perciò Pietroni propose agli stilisti italiani di focalizzarsi su Amica piuttosto che sui mensili specializzati, ma a scarsa diffusione. Nel fare questo Pietroni abbandonò le indicazioni che separavano gli articoli dalla pubblicità[4].

Dal 1983 al 1998 è apparsa su Amica la rubrica "Parliamo d'amore" tenuta da Barbara Alberti[6].

Nel 1990 per la prima volta una donna salì alla direzione: Giovanna Mazzetti[7]. Il suo successore fu Fabrizio Sclavi di Vogue Germania[8].

Nel 1982 il settimanale fu soggetto ad un restyling complessivo.

Nel 2002 Amica, che era stato fin dalla sua fondazione un settimanale, cambiò periodicità diventando un mensile.

Dal 2011 al 2013 Amica è stata diretta da Cristina Lucchini[9].

Da marzo 2013 Amica è diretto da Emanuela Testori[10].

Dal 2016 la proposta editoriale di Amica si è arricchita con la una nuova brand extension semestrale Amica Kitchen dedicata al food. Ampie immagini, stile e sguardo contemporaneo sono i fondamentali della sua cifra stilistica[11].

Direttori[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Maria Luisa Agnese, 50 anni con la voce di "Amica". Il femminile trasgressivo, in Corriere della Sera (Milano), 15 novembre 2012. URL consultato il 28 novembre 2012.
  2. ^ Maria Luisa Agnese, 50 anni con la voce di «Amica» Il femminile trasgressivo, in Corriere della Sera. URL consultato il 14 maggio 2017.
  3. ^ Una donna per Amica, su archiviostorico.corriere.it. URL consultato l'8 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  4. ^ a b Gian Luigi Falabrino, Pubblicità serva padrona, Milano, Sole 24 Ore, 1989, pag. 178
  5. ^ Camilla Lascheri, Da ideale a consapevole: così i femminili cambiarono la donna
  6. ^ sito di Barbara Alberti
  7. ^ Lei e le altre, su leiweb. URL consultato il 14 maggio 2017.
  8. ^ i Sclavi il direttore di Amica - MEDIA E PUBBLICITA' - Italiaoggi, su www.italiaoggi.it. URL consultato il 14 maggio 2017.
  9. ^ Cristina Lucchini – Fotografia di Moda e Identità di Brand – AFIP International, su www.afipinternational.com. URL consultato il 14 maggio 2017.
  10. ^ AMICA PRESENTA AMICA KITCHEN, in RCS MediaGroup, 19 maggio 2016. URL consultato il 14 maggio 2017.
  11. ^ (IT) Amica, in RCS MediaGroup, 14 gennaio 2014. URL consultato il 19 maggio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]