...bugiardo più che mai... più incosciente che mai...

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
..bugiardo più che mai... più incosciente che mai...
Bugiardo più che mai Mina 1969.jpg
ArtistaMina
Tipo albumStudio
Pubblicazionenovembre 1969
Durata44:16
Dischi1
Tracce12
GenerePop
EtichettaPDU
ArrangiamentiAugusto Martelli (tranne A4 e B6)
FormatiLP
Mina - cronologia
Album precedente
(1969)
Album successivo
(1970)
Singoli

...bugiardo più che mai... più incosciente che mai... è il diciassettesimo album della cantante italiana Mina, pubblicato nel novembre 1969 dalla PDU.[1][2]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

La prima edizione molto ben curata del disco, distribuita dalla Durium, aveva la copertina apribile, la cui foto presentava uno sfumato tra immagine e fondo nero praticamente perfetto.[senza fonte] Nel risvolto interno era stampata una presentazione di Mario De Luigi. Nelle ristampe successive della EMI, a cominciare da quella pubblicata qualche mese dopo, la copertina è a busta chiusa, la sfumatura nella foto è più grossolana e di qualità inferiore. La presentazione è stata rimossa e non sarà presente neppure sulle ristampe in CD, catalogo PDU CPD 7902712.

È stato l'album più venduto nel 1970.[3]

La fotografia in copertina è tratta, come sovente nei dischi della cantante, da un carosello girato nel 1969 per la Barilla in cui viene utilizzata la canzone Un colpo al cuore, con la regia di Antonello Falqui.[senza fonte]

Arrangiamenti, orchestra e direzione d'orchestra: Augusto Martelli, eccetto Emmanuelle (Gianni Ferrio) e Attimo per attimo (Berto Pisano).

Il tecnico del suono è Nuccio Rinaldis.[senza fonte]

I brani[modifica | modifica wikitesto]

L'album contiene tutti brani inediti, eccetto Un'ombra/I problemi del cuore pubblicati a ottobre sul singolo di anticipazione e la canzone Non credere.

Altri due 45 giri sono stati estratti l'anno seguente.

Non c'è che lui è la cover di un brano presentato pochi mesi prima da Sonia e Armando Savini al Festival di Sanremo, senza riuscire ad entrare in finale.

Com açucar, com afeto è una canzone scritta da Chico Buarque de Hollanda, già incisa sia dall'autore sia da Nara Leão nel 1967.

Emmanuelle e Attimo per attimo fanno parte rispettivamente delle colonne sonore dei film Io, Emmanuelle, diretto da Cesare Canevari nel 1969, e Sissignore, diretto e interpretato da Ugo Tognazzi nel 1968.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato A
  1. Un'ombra – 3:22 (testo: Claudio Daiano, Paolo Limiti – musica: Roberto Soffici; edizioni musicali Fono Film / PDU)
  2. Un giorno come un altro (Un premier jour sans toi) – 2:45 (Nino Ferrer; edizioni musicali Leonardi / PDU)
  3. Una mezza dozzina di rose – 3:57 (testo: Mina, Paolo Limiti – musica: Augusto Martelli; edizioni musicali Peer / PDU)
  4. Emmanuelle – 3:09 (testo: Antonio Amurri – musica: Gianni Ferrio; edizioni musicali CAM)
  5. Com açucar, com afeto – 4:15 (Chico Buarque de Hollanda; edizioni musicali Astra)
  6. Non c'è che lui – 3:36 (testo: Marisa Terzi[4] – musica: Carlo Alberto Rossi; edizioni musicali California)
Lato B
  1. Bugiardo e incosciente (La tieta) – 6:16 (testo: Paolo Limiti – musica: Joan Manuel Serrat; edizioni musicali Southern / PDU)
  2. I problemi del cuore – 3:44 (testo: Claudio Daiano – musica: Pino Massara; edizioni musicali PDU)
  3. Ma è soltanto amore – 2:52 (testo: Giorgio Calabrese – musica: Gian Franco Reverberi; edizioni musicali Tikle / PDU)
  4. Non credere – 4:06 (testo: Mogol, Ascri[5] – musica: Roberto Soffici; edizioni musicali Fono Film / PDU)
  5. Il poeta – 2:58 (Bruno Lauzi; edizioni musicali M.E.C.)
  6. Attimo per attimo – 3:16 (testo: Antonio Amurri – musica: Berto Pisano; edizioni musicali General / Slalom)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Discografia album, Mina Mazzini, sito ufficiale. URL consultato il 28 marzo 2017.
  2. ^ ...bugiardo più che mai... più incosciente che mai..., in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 28 marzo 2017.
  3. ^ Classifica annuale vendite album 1970, Hit Parade Italia. URL consultato il 28 marzo 2017.
  4. ^ Anche lei autrice e in seguito moglie di Carlo Alberto Rossi.
  5. ^ Pseudonimo di Luigi Clausetti.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]