20 successi di Mina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
20 successi di Mina
20 successi di Mina 1964.jpg
Artista Mina
Tipo album Raccolta
Pubblicazione 11 aprile 1964
Durata 51:16
Dischi 1
Tracce 20
Genere Folk
Pop
Musica leggera
Etichetta Italdisc AS 11
Arrangiamenti Piero Gosio A2,A9,B3,B8,B10
Claus Ogerman B5
Marty Manning B7
Tony De Vita restanti, tranne A10
Registrazione mono[1][2]
Formati LP
Mina - cronologia
Album successivo
(1964)

20 successi di Mina è una raccolta di Mina, pubblicata dall'etichetta discografica Italdisc su LP (catalogo AS 11) nel 1964.[3][1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

A fine 1963 la cantante cambia casa discografica abbandonando l'Italdisc per approdare alla Ri-Fi[4] e già a dicembre pubblica con la nuova etichetta un singolo (in realtà un "disco tris") di inediti, che l'anno seguente avrà un successo senza precedenti.

In risposta Italdisc fa causa all'artista, accusandola di essere passata ad altra etichetta senza aver rescisso prima il vecchio contratto. In attesa del giudizio, che sarà sfavorevole a Mina,[4][5] e intendendo sfruttare commercialmente il più possibile i brani disponibili in catalogo, a febbraio 1964 Italdisc pubblica il singolo A volte/Non piangerò, che contiene due brani registrati dalla cantante negli Stati Uniti alla fine del 1962 e utilizzati solo per l'album Stessa spiaggia, stesso mare.

A seguire viene pubblicata questa la raccolta, quindi (a giugno) il singolo con due inediti Rapsodie (Rhapsodie)/Amore di tabacco, infine a ottobre sia una seconda raccolta Mina Nº 7, che ospita altri 16 successi tra cui i due inediti di giugno, sia una ristampa con copertina diversa di questo disco.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Come tutti gli EP anche le raccolte pubblicate durante il primo periodo d'attività dell'artista sono state inserite nella discografia ufficiale tra gli album. Mentre le antologie dal 1970 (Del mio meglio) al 2009 (Riassunti d'amore), prima presenti sul sito minamazzini.it, sono state rimosse nel 2012.[3]

Pubblicato da Italdisc l'11 aprile 1964 come N° 11 della serie "Niagara" (catalogata con la sigla AS), è stato ristampato (stesso numero di catalogo) il 5 ottobre sostituendo la copertina con quella già usata per l'album Stessa spiaggia, stesso mare.

Poiché le durate dei brani non sono riportate sui supporti, sono state indicativamente sostituite con quelle dei singoli. Inoltre raramente si incontrano LP a 33 giri di oltre 23/24 minuti per lato, è quindi probabile che alcune canzoni siano più brevi, soprattutto sul lato A.

Il sito ufficiale NON riporta l'ordine corretto dei brani sull'album.[3]

I brani[modifica | modifica wikitesto]

Vulcano, unico inedito, era già stato pubblicato su 45 giri nel 1963 con Stranger Boy come lato B. Quest'ultimo invece fa parte dell'album Stessa spiaggia, stesso mare.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

L'anno indicato è quello di pubblicazione dell'album d'appartenenza (di cui nasconde il link).

Lato A
  1. Il cielo in una stanza – 1:59 (Gino Paoli; edizioni musicali Fama)1960
  2. Renato (Renata) – 2:08 (testo: Alberto Testa – musica: Alberto Cortez; edizioni musicali Orchestralmusic)1962
  3. Due note – 3:34 (testo: Antonio Amurri, Bruno Canfora, Raffaele Sposito 'Faele' – musica: Bruno Canfora; edizioni musicali Ariston)1961
  4. Tintarella di luna – 3:00 (testo: Franco Migliacci – musica: Bruno De Filippi; edizioni musicali Accordo)1960
  5. Champagne Twist – 2:32 (testo: Dino Verde – musica: Bruno Canfora; edizioni musicali Curci)1962
  6. Una zebra a pois – 3:22 (testo: Lelio Luttazzi, Dino Verde, Marcello Ciorciolini – musica: Lelio Luttazzi; edizioni musicali Suvini-Zerboni)1960
  7. Stringimi forte i polsi – 2:31 (testo: Leo Chiosso, Dario Fo – musica: Fiorenzo Carpi; edizioni musicali Ritmi e canzoni)1962
  8. Vola vola da me – 2:14 (testo: Alberto Testa – musica: Vittorio Buffoli; edizioni musicali Orchestralmusic)1962
  9. Moliendo café – 2:57 (testo: Hugo Blanco – musica: José Manzo Perroni, Hugo Blanco; edizioni musicali Curci)1962
  10. Mi guardano – 2:44 (testo: Leo Chiosso 'Roxy Bob' – musica: Umberto Prous; edizioni musicali Orchestralmusic)1963
Lato B
  1. Stessa spiaggia, stesso mare – 2:12 (testo: Mogol – musica: Piero Soffici; edizioni musicali Peer)1963
  2. È vero – 3:00 (testo: Nicola Salerno – musica: Umberto Bindi; edizioni musicali Ariston)1960
  3. Folle banderuola – 2:20 (Gianni Meccia; edizioni musicali Ariston)1960
  4. Tu sei mio – 2:16 (testo: Roxy Bob – musica: Umberto Prous; edizioni musicali Orchestralmusic)1962
  5. Non piangerò (Just Let Me Cry) – 2:20 (testo: Leo Chiosso 'Roxy Bob' – musica: Ben Raleigh; edizioni musicali Orchestralmusic)1963
  6. Vulcano – 2:34 (testo: Mogol, Miki Del Prete – musica: Pino Massara; edizioni musicali M.E.C. / Ariston)Inedito su album - 1963
  7. A volte (Pretend That I'm Her) – 2:22 (testo: Leo Chiosso 'Roxy Bob' – musica: Norman Blagman, Sam Bobrick; edizioni musicali Orchestralmusic)1963
  8. La ragazza dell'ombrellone accanto – 2:25 (testo: Vito Pallavicini – musica: Vittorio Buffoli; edizioni musicali Codeville)1963
  9. Chihuahua – 2:10 (testo: Giorgio Calabrese – musica: Antonia Bertocchi, Mansueto De Ponti; edizioni musicali Ariston)1962
  10. Sabato notte – 2:36 (testo: Dino Verde – musica: Bruno Canfora; edizioni musicali Curci)1962

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b 20 successi di Mina, in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 4 dicembre 2016.
  2. ^ Né sul supporto né sulla copertina compaiono indicazioni che l'incisione sia stereofonica.
  3. ^ a b c Discografia album, Mina Mazzini, sito ufficiale. URL consultato il 4 dicembre 2016.
  4. ^ a b Diz. Curcio, op. citata, p.1091
  5. ^ Mariangela, Curiosità, Hit Parade Italia. URL consultato il 4 dicembre 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]