Stereo8

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un nastro Stereo8

Lo Stereo8 era uno standard di registrazione audio su nastro magnetico racchiuso in particolari cassette miste.

Utilizzato negli anni sessanta e settanta del XX secolo, come formato di registrazione inizialmente fu utilizzato solo dall'industria discografica per la commercializzazione di musica. Per l'utenza comune infatti solo dopo vari anni furono disponibili in commercio, oltre a lettori Stereo8, anche registratori Stereo8. La particolarità del nastro Stereo8 era la bobina unica, con la possibilità di essere riprodotto in continuo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Un lettore Stereo8

Nacque nel 1966 principalmente come formato per la riproduzione musicale in auto. I primi prototipi degli 8-track, questo il nome originale americano, vennero progettati dall'americano Bill Lear nel 1964 ed i primi lettori commerciali vennero offerti come optional sulle vetture Ford modello 1966; essi ebbero successo, poiché facili da trasportare e utilizzare. Successivamente vennero presentati lettori portatili e lettori-registratori anche per uso Hi-Fi domestico.

In Italia lo Stereo8 cominciò a diffondersi a partire dalla fine degli anni sessanta, promosso dal produttore italiano di apparecchi radio-TV Voxson, che lanciò una gamma di autoradio dotate di lettore denominata "Sonar". Tuttavia, diversamente da quanto avvenne negli Stati Uniti, in Europa subì fin dall'inizio la forte concorrenza della musicassetta (decisamente più piccola e agevole, in commercio già dal 1965) e cominciò a perdere velocemente mercato verso la metà degli anni '70. Nonostante questo durante la prima metà di tale decennio la quasi totalità delle edizioni su vinile e musicassetta ebbe anche la corrispondente stampa su Stereo8. Tra le etichette discografiche che produssero edizioni in questo formato ricordiamo la RCA italiana (anche con la serie RCA Lineatre), la Dischi Ricordi - Orizzonte, la CGD e la CBS. Con l'evolversi della tecnologia, il formato Stereo8 venne definitivamente abbandonato nel 1983.

Funzionamento[modifica | modifica wikitesto]

8track inside.JPG

I supporti su cui era basato il sistema erano dei contenitori in materiale plastico definiti cartucce, contenenti un nastro ad anello senza fine avvolto su una singola bobina; la fine e l'inizio del nastro erano giuntati insieme. Il nastro veniva sfilato dal centro della bobina e, dopo essere passato sugli organi di trascinamento e riproduzione del lettore, veniva recuperato all'esterno della bobina stessa. Il nastro era dotato di una sezione metallica in corrispondenza della giunzione, che, passando su dei contatti elettrici situati nel lettore, chiudeva il circuito di un elettromagnete che spostava la testina del lettore sul paio di tracce successive.

La cartuccia comprendeva anche un rullo in gomma o plastica denominato pinch roller che serviva a pressare il nastro sull'albero di trazione del lettore, denominato capstan, consentendone il trascinamento; erano inoltre compresi dei feltrini montati su molle, necessari a fare aderire il nastro alla testina di lettura ed ai contatti elettrici dell'elettromagnete di cambio traccia.

Il nastro Stereo8 era alto 1/4 di pollice, scorreva ad una velocità di 9,5 cm/s ed era dotato di uno strato di grafite sulla faccia insensibile allo scopo di diminuire gli attriti e disperdere le cariche elettrostatiche dovute allo strofinamento reciproco delle spire di nastro nella bobina; era registrato su 8 tracce, che venivano lette 2 alla volta in stereofonia permettendo di registrare 4 diversi programmi musicali su una singola cartuccia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]