Edizioni musicali Acqua azzurra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Edizioni musicali Acqua azzurra
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà a responsabilità limitata
Fondazione1969 a Milano
Fondata da
Sede principaleMilano[1]
SettoreEditoria
Fatturato1 050 000 [2] (2008)

La Edizioni musicali Acqua azzurra srl è una casa editrice musicale italiana, attualmente in liquidazione[3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La casa editrice venne fondata il 5 marzo 1969 a Milano da Lucio Battisti e Mogol, per affrancarsi dalle edizioni musicali Ricordi, che detenevano fino a quel momento i diritti d'autore dei due artisti; nello stesso contesto Mogol e Battisti fondarono, insieme ad alcuni collaboratori, la casa discografica Numero Uno.

Tra gli autori che hanno lavorato per Acqua Azzurra vi sono Alessandro Colombini, Marva Jan Marrow, Bruno Lauzi, Euro Cristiani, Alberto Radius, Carlo Donida, Italo Salizzato e molti altri.

La casa editrice ha continuato - ad oggi - a detenere i diritti su molte canzoni di Battisti. All'ultima chiusura fiscale (dicembre 2016) la proprietà di Acqua Azzurra risulta così suddivisa: Universal Music Publishing Ricordi, che fa capo alla Vivendi di Vincent Bollorè ha una quota del 35% di Acqua Azzurra (rilevata dalla BMG, a sua volta succeduta alla RCA Italiana).Gli altri soci di Edizioni Musicali Acqua Azzurra sono con il 56% Aquilone srl, detenuta pariteticamente dalla vedova di Lucio Battisti, Grazia Letizia Veronese (che di Acqua Azzurra è presidente), e il figlio Luca, e con il 9% L'Altra Metà srl, controllata all'89% da Mogol, al 10% da Alfredo Rapetti e all'1% da Carolina Rapetti.[4]

Secondo Il Sole 24 ore dal 2005 al 2008 l'azienda ha avuto un fatturato stabile intorno a 1 milione e 50 000 euro.[2] Fatturato e guadagni che sono però in lento - ma continuo - declino. Acqua Azzurra ha chiuso infatti il bilancio 2015 con un valore della produzione derivante dai ricavi delle vendite e delle prestazioni pari a quasi 800mila euro e un utile di 510.278 euro (circa 780mila euro e 536mila euro nel 2014).[4]

La liquidazione della società[modifica | modifica wikitesto]

Dopo una serie di disaccordi, contenziosi fra i soci (nel luglio 2016 la sentenza di primo grado della causa promossa da Mogol contro la società e la vedova di Lucio Battisti, parzialmente accolta) e complici i guadagni sempre minori, la Universal ha così deciso di defilarsi dalla società, cercando una monetizzazione immediata dell'intero catalogo. Su richiesta della stessa Universal - nel consiglio di amministrazione del 10 gennaio 2017, i consiglieri hanno constatato che la casa discografica Universal «ha dichiarato di non essere favorevole» alla proroga della società in occasione dell'assemblea del 21 dicembre 2016, quando non è stata «raggiunta la maggioranza richiesta per l'adozione delle modifiche statutarie, necessaria per prorogare il termine della durata della società».[4]

Mentre poco cambierà per gli aventi diritto, che continueranno a ricevere una percentuale dagli incassi derivanti dallo sfruttamento delle canzoni anche dai nuovi proprietari, la Acqua Azzurra è stata posta in liquidazione con decisione presa nelle assemblee del 9 e 14 marzo 2017. È stato stabilito di "porre in essere le attività ritenute utili e/o necessarie per il miglior realizzo dell'intero catalogo editoriale"[4]. La richiesta ai liquidatori è di facilitare "la vendita in blocco” entro il 31 dicembre 2017; si cerca quindi, accorpando le canzoni più redditizie a quelle meno note o spendibili, di evitare di svalutare il prezzo di realizzo del catalogo.[5]

A partire dal 29 settembre 2019, a seguito della decisione del liquidatore della società di restituire a SIAE il mandato per l'utilizzo online dei brani, il catalogo con gli album firmati da Battisti e Mogol diventa disponibile su tutte le principali piattaforme di streaming e di download digitale.[6]

Le principali canzoni pubblicate dalla Acqua Azzurra[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Autori del testo Autori della musica Principali esecutori
1969 Mamma mia Mogol Lucio Battisti Camaleonti
1969 Mi ritorni in mente Mogol Lucio Battisti Lucio Battisti
1969 7 e 40 Mogol Lucio Battisti Lucio Battisti
1969 Questo folle sentimento Mogol Lucio Battisti Formula 3
1970 Emozioni Mogol Lucio Battisti Lucio Battisti
1970 Fiori rosa fiori di pesco Mogol Lucio Battisti Lucio Battisti
1970 Anna Mogol Lucio Battisti Lucio Battisti
1970 Io e te da soli Mogol Lucio Battisti Mina
1970 Mary oh Mary Mogol Lucio Battisti Bruno Lauzi
1970 E penso a te Mogol Lucio Battisti Bruno Lauzi
1970 Per te Mogol Lucio Battisti Patty Pravo
1970 Io ritorno solo Mogol Lucio Battisti Formula 3
1970 Sole giallo sole nero Mogol Lucio Battisti Formula 3
1970 Perché dovrei Mogol Lucio Battisti Sara
1970 Dio mio no Mogol Lucio Battisti Lucio Battisti
1971 Amore caro amore bello Mogol Lucio Battisti Bruno Lauzi
1971 L'aquila Mogol Lucio Battisti Bruno Lauzi
1971 Eppur mi son scordato di te Mogol Lucio Battisti Formula 3
1971 Un papavero Mogol Lucio Battisti Flora Fauna Cemento
1971 La folle corsa Mogol Carlo Donida e Lucio Battisti Little Tony e Formula 3
1971 La canzone del sole Mogol Lucio Battisti Lucio Battisti
1971 La mente torna Mogol Lucio Battisti Mina
1971 Una Mogol Lucio Battisti Lucio Battisti
1971 Pensieri e parole Mogol Lucio Battisti Lucio Battisti
1972 Sognando e risognando Mogol Lucio Battisti Formula 3
1972 Storia di un uomo e di una donna Mogol Lucio Battisti Formula 3
1972 Il mio canto libero Mogol Lucio Battisti Lucio Battisti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ www.alacrastore.com[collegamento interrotto]
  2. ^ a b TgFin: Lucio Battisti: 1 milione di euro l'anno di diritti d'autore - 05.09.2008 Archiviato il 9 settembre 2008 in Internet Archive.
  3. ^ Vivendi costringe gli eredi Battisti e Mogol a vendere i diritti delle loro canzoni, in Repubblica.it, 20 aprile 2017. URL consultato il 21 aprile 2017.
  4. ^ a b c d Gli eredi di Battisti, Mogol e Vivendi vendono il catalogo di Acqua Azzurra, in Il Sole 24 ORE. URL consultato il 21 aprile 2017.
  5. ^ Notizie Radiocor - Finanza - Borsa Italiana, su www.borsaitaliana.it. URL consultato il 21 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 22 aprile 2017).
  6. ^ www.ansa.it, http://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/musica/2019/09/28/opera-battisti-mogol-online-in-streaming_da2564bb-e6bb-4a8b-8540-10bd4a468601.html. URL consultato il 28 Settembre 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica