Silvano Piccardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Silvano Piccardi (Ponte San Pietro, 1º gennaio 1946) è un attore, regista e doppiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Silvano Piccardi, fratello minore dell'attore Alvaro Piccardi, è attore, regista e autore teatrale, oltre che attore e doppiatore cinematografico, televisivo e radiofonico. Debutta come attore in televisione nel 1955, all'età di 9 anni. Reciterà poi in numerosi sceneggiati televisivi (Rai e Mediaset). In teatro ha lavorato con le principali realtà teatrali italiane (dalla compagnia Cimara a quella di Ernesto Calindri, dalla Compagnia dei Giovani al Piccolo Teatro di Milano) , oltre che con quelle fuori dal circuito tradizionale (La Comune, Nuovo Canzoniere Italiano, gruppo della Rocca, etc.). Nel periodo 1969-1973 sospende temporaneamente l'attività dedicandosi, tra l'altro, al giornalismo teatrale. Ha diretto il laboratorio teatrale dell'Università degli Studi di Milano e collaborato con l'Università degli Studi di Bologna nei corsi di perfezionamento post-laurea. Nel 2011 ha vinto il Premio Enriquez per la regia dello spettacolo "Donna non rieducabile" scritto da Stefano Massini, con Ottavia Piccolo protagonista.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Attore e regista, oltre che autore teatrale, inizia a lavorare in teatro a 12 anni in tournée con la compagnia di Ernesto Calindri e da allora lavora con le maggiori compagnie teatrali italiane, non disdegnando esperienze più sperimentali. Dal 1970 affianca all'attività di attore anche quella di regista e di autore, realizzando spettacoli per il Teatro dei Filodrammatici e il Teatro Pierlombardo di Milano, collaborando anche con Lugano Teatro e il Festival di Spoleto. Dal 1991 cura la regia di vari spettacoli che vedono protagonista l'attrice Ottavia Piccolo: Buenos Aires non finisce mai (2000) di Biolchini e Arthemalle (tratto dal romanzo Le irregolari di Massimo Carlotto), Terra di latte e miele(2003) di Manuela Dviri, Donna non rieducabile ed Enigma, niente significa mai una cosa sola (2015), questi ultimi su testo di Stefano Massini.

Per lo spettacolo Donna non rieducabile sulla giornalista russa Anna Politkovskaja, con Ottavia Piccolo protagonista e le musiche dal vivo dell'arpista Floraleda Sacchi, ha ricevuto il Premio Enriquez 2011 (miglior regia, miglior testo, migliore interpretazione); lo spettacolo ha riscosso un notevole successo di pubblico e critica e, pur avendo esordito nel 2009, è tuttora richiesto dai teatri italiani ed è stato rappresentato al Parlamento Europeo di Bruxelles. Ne è stata anche realizzata una versione televisiva, dal titolo Il sangue e la neve e successivamente commercializzata in DVD trasmessa da Rai2.

Spettacoli teatrali[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

  • Anima nera, di Giuseppe Patroni Griffi, regia di Giorgio De Lullo, Bergamo, Teatro Donizetti, 6 aprile 1960.
  • 23 svenimenti, di Anton Čechov, regia di Egisto Marcucci, 1976
  • Calendimaggio, di Ivan Della Mea e Silvano Piccardi, regia di Nuccio Ambrosino, 1976
  • Romeo e Giulietta, di William Shakespeare, regia di Lorenzo Grechi, Milano, Teatro Filodrammatici, 18 dicembre 1979.
  • Avventure morte e dannazione di Don Giovanni, testo e regia di Alberto e Gianni Buscaglia, Milano, Teatro Filodrammatici, 11 marzo 1980.
  • Storia di Sofonisba, testo e regia di Giuseppe Di Leva, Milano, Centro Culturale di Brera, 4 maggio 1982.
  • Il ladro in casa, di Italo Svevo, regia di Edmo Fenoglio, Milano, Teatro Filodrammatici, 21 gennaio 1984.
  • Un corpo estraneo, di Renzo Rosso, regia di Alvaro Piccardi, Milano, Teatro Filodrammatici, 4 maggio 1984.
  • Terzetto, regia di Alvaro Piccardi, Milano, Teatro Filodrammatici, 8 ottobre 1984.
  • Sogno di Amleto, di Franco Brambilla, Milano, Teatro di Brera, 25 giugno 1985.
  • La stangata persiana, di Antonio Porta, regia di Alberto e Gianni Buscaglia, Milano, Teatro Filodrammatici, 14 ottobre 1985.
  • Scherzi drammatici, di Italo Svevo, regia di Silvano Piccardi, Milano, Teatro Filodrammatici, 31 marzo 1987.
  • Due farse di Fo (Non tutti i ladri vengono per nuocere e I cadaveri si spediscono e le donne si spogliano), di Dario Fo, regia di Giorgio Gallione, Milano, Teatro Filodrammatici, 17 febbraio 1988.
  • Lancillotto e Ginevra, di Roberto Mussapi, regia di Silvano Piccardi, Milano, Teatro Filodrammatici, 11 dicembre 1989.
  • Arsa di Giuseppe Manfridi, regia di Silvano Piccardi, Milano, Società Umanitaria, 10 giugno 1994.
  • Processo a Dio, di Stefano Massini, regia di Sergio Fantoni (2007)
  • Ho perso la faccia, di Sabina Negri Calderoli, regia di Renato Giordano, Pietrasanta, La Versiliana, 23 luglio 2008.
  • L'afropugliese, testo e regia di Massimo de Vita, Milano, Teatro Officina, 22 febbraio 2012.
  • Romeo e Giulietta - nati sotto contraria stella, testo e regia di Leo Muscato (2012)
  • Io ho visto il cielo in terra, liberamente tratto dalla La navigazione di san Brandano, regia di Silvano Piccardi, Milano, Teatro Delfino, 20 febbraio 2013.
  • Enigma - niente significa mai una cosa sola di Stefano Massini, regia di Silvano Piccardi, Milano, Teatro Studio Melato, 4 ottobre 2016.
  • Dieci piccoli indiani …e poi non rimase nessuno!, di Agatha Christie, regia di Ricard Reguant, 2018.

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cartoni animati[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Non basta una bandiera, dietro ci vuole un popolo e davanti ci vuole un partito, Collettivo Teatrale La Comune, 1973
  • 1922: barricate! Come un popolo sconfisse i fascisti, Collettivo Teatrale La Comune, 1973

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2011: Premio Enriquez 2011 alla miglior regia per lo spettacolo Donna non rieducabile

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alone in the Dark - The New Nightmare, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 9 maggio 2021.
  2. ^ Apocalypse, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 12 maggio 2021.
  3. ^ DmC: Devil May Cry, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 9 settembre 2021.
  4. ^ Chase the Express (Covert Ops: Nuclear Down), su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 1º Agosto 2021.
  5. ^ Crash Bash, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 12 agosto.
  6. ^ a b Harry Potter e la pietra filosofale, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 12 marzo 2022.
  7. ^ Harry Potter e la camera dei segreti, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato l'11 marzo 2022.
  8. ^ Harry Potter e il prigioniero di Azkaban, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 7 marzo 2022.
  9. ^ Harry Potter - La coppa del mondo di Quidditch, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 18 marzo 2022.
  10. ^ a b Crash Nitro Kart, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 13 agosto 2021.
  11. ^ Crash Twinsanity, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 17 agosto 2021.
  12. ^ Crash Tag Team Racing, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 15 agosto 2021.
  13. ^ Crash Bandicoot: N.Sane Trilogy, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 12 agosto 2021.
  14. ^ a b Crash Team Racing Nitro-Fueled, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 17 luglio 2021.
  15. ^ Crash of the Titans, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 15 marzo 2021.
  16. ^ Halo, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 27 aprile 2021.
  17. ^ Halo 2, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 28 aprile 2021.
  18. ^ Art of Murder - Caccia al Burattinaio, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 13 maggio 2021.
  19. ^ Avencast, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 21 maggio 2021.
  20. ^ Black Dahlia, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 30 maggio 2021.
  21. ^ The Black Mirror, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 1º giugno 2021.
  22. ^ BloodRayne, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 3 giugno 2021.
  23. ^ Borderlands 2, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 23 giugno 2021.
  24. ^ Borderlands: The Pre-Sequel!, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 26 giugno 2021.
  25. ^ Broken Sword - Il segreto dei Templari, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 29 giugno 2021.
  26. ^ Call of Juarez, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 27 luglio 2021.
  27. ^ Command & Conquer - Generals, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 7 agosto 2021.
  28. ^ Diablo II, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 17 settembre 2021.
  29. ^ Diablo III, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 21 settembre 2021.
  30. ^ Dracula: Origin, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato l'11 ottobre 2021.
  31. ^ Druuna, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 24 ottobre 2021.
  32. ^ Dune 2000, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 30 ottobre 2021.
  33. ^ The Elder Scrolls V: Skyrim, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 19 novembre 2021.
  34. ^ Ground control - Dark Conspiracy, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  35. ^ Half-Life, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  36. ^ Lo Hobbit, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 25 aprile 2022.
  37. ^ Hollywood Monsters, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 3 maggio 2022.
  38. ^ Imperium Civitas, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 12 maggio 2022.
  39. ^ Imperium - La guerra gallica, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 13 maggio 2022.
  40. ^ Imperium - Le grandi battaglie di Roma, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 13 maggio 2022.
  41. ^ Imperium – Le guerre puniche, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 26 maggio 2022.
  42. ^ Jack Keane - Al riscatto dell'Impero Britannico, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 19 giugno 2022.
  43. ^ The Journeyman Project 3 - Il retaggio del tempo, su Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 15 agosto 2022.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]