Silvano Piccardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Silvano Piccardi (Ponte San Pietro, 1º gennaio 1946) è un attore, regista e doppiatore italiano, fratello dell'attore Alvaro Piccardi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Silvano Piccardi è attore, regista ed autore teatrale, oltre che attore e doppiatore cinematografico, televisivo e radiofonico. Debutta come attore in televisione nel 1955, all'età di 9 anni. Reciterà poi in numerosi sceneggiati televisivi (RAI e Mediaset). In teatro ha lavorato con le principali realtà teatrali italiane (dalla compagnia Cimara a quella di Ernesto Calindri, dalla Compagnia dei Giovani al Piccolo Teatro di Milano) , oltre che con quelle fuori dal circuito tradizionale (La Comune, Nuovo Canzoniere Italiano, gruppo della Rocca, etc.). Nel periodo 1969-1973 sospende temporaneamente l'attività dedicandosi, tra l'altro, al giornalismo teatrale. Ha diretto il laboratorio teatrale dell'Università degli Studi di Milano e collaborato con l'Università degli Studi di Bologna nei corsi di perfezionamento post-laurea. Nel 2011 ha vinto il Premio Enriquez per la regia dello spettacolo "Donna non rieducabile" scritto da Stefano Massini, con Ottavia Piccolo protagonista.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Attore e regista, oltre che autore teatrale, inizia a lavorare in teatro a 12 anni in tournée con la compagnia di Ernesto Calindri e da allora lavora con le maggiori compagnie teatrali italiane, non disdegnando esperienze più sperimentali. Dal 1970 affianca all'attività di attore anche quella di regista e di autore, realizzando spettacoli per il Teatro dei Filodrammatici e il Teatro Pierlombardo di Milano, collaborando anche con Lugano Teatro e il Festival di Spoleto. Dal 1991 cura la regia di vari spettacoli che vedono protagonista l'attrice Ottavia Piccolo : "Buenos Aires non finisce mai" (2000) di Biolchini e Arthemalle (tratto dal romanzo "Le irregolari" di Massimo Carlotto), "Terra di latte e miele" (2003) di Manuela Dviri, "Donna non rieducabile" ed "Enigma, niente significa mai una cosa sola" (2015), questi ultimi su testo di Stefano Massini.

Per lo spettacolo "Donna non rieducabile" sulla giornalista russa Anna Politkovskaja, con Ottavia Piccolo protagonista e le musiche dal vivo dell'arpista Floraleda Sacchi, ha ricevuto il Premio Enriquez 2011 (miglior regia, miglior testo, migliore interpretazione); lo spettacolo ha riscosso un notevole successo di pubblico e critica e, pur avendo esordito nel 2009, è tuttora richiesto dai teatri italiani ed è stato rappresentato al Parlamento Europeo di Bruxelles. Ne è stata anche realizzata una versione televisiva, dal titolo "Il sangue e la neve" e successivamente commercializzata in DVD trasmessa da Rai2.

come attore[modifica | modifica wikitesto]

  • "Processo a Dio" di Stefano Massini, compagnia La Contemporanea, regia di Sergio Fantoni (2007)
  • "Romeo e Giulietta - nati sotto cattiva stella" di Leo Muscato (2012)
  • "Io ho visto il cielo in terra" di e con Silvano Piccardi (2013)
  • "Enigma - niente significa mai una cosa sola" di Stefano Massini, regista ed interprete con Ottavia Piccolo (2015)

come regista[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2011: Premio Enriquez 2011 alla miglior regia per lo spettacolo "Donna non rieducabile"

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • "La scugnizza" regia di Silverio Blasi (1955)
  • "L'ostrica e la perla" (1956)
  • "Via Belgarbo" (1957)
  • "Il romanzo di un giovane povero" (1957)
  • "Arabella" (1980)
  • "Il diavolo al Pontelungo" (1982)
  • "Piccolo mondo antico" (1983)
  • "I promessi sposi" (1989)

Filmografia Parziale[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Film TV e Miniserie[modifica | modifica wikitesto]

Cartoni Animati[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]