I sonnambuli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I sonnambuli
I sonnambuli.png
Titolo originale Sleepwalkers
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1992
Durata 92 min
Rapporto 1.85:1
Genere orrore
Regia Mick Garris
Soggetto Stephen King
Sceneggiatura Stephen King
Fotografia Rodney Charters
Montaggio O. Nicholas Brown
Musiche Nicholas Pike
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

I sonnambuli è un film del 1992, tratto da un romanzo non pubblicato di Stephen King.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ultimi due esseri rimasti al mondo di una razza di vampiri mutanti che, per sopravvivere, deve alimentarsi attraverso la linfa vitale di ragazze vergini, Mary e Charles Brady, madre e figlio (ma convivono come se fossero marito e moglie) vivono come nomadi negli Stati Uniti in cerca di vittime. Charles è, tra i due, incaricato di trovarle per nutrire se stesso e la madre. I due possiedono poteri sovrannaturali: possono rendersi invisibili, manipolare la materia (in una scena Charles cambia modello e colore alla sua macchina) e spostare gli oggetti con la forza del pensiero; inoltre si possono trasformare in esseri mostruosi, metà umani e metà felini. Proprio i gatti sono i soli a riconoscerli per ciò che sono in realtà: attirati naturalmente nei luoghi in cui le creature vivono, pronti ad attaccarli e gli unici a riuscire a vederli quando si rendono invisibili, oltre ad essere i nemici naturali delle misteriose creature; infatti i graffi inferti dai felini ai mutanti sono l'unica cosa che li può uccidere.

Trasferitisi a Travis, Charles conosce Tanya Robertson, un'attraente liceale del posto. Charles, mostrandosi come un ragazzo carino e premuroso, invita la ragazza a fare un pic-nic in un vecchio cimitero. Ma in poco tempo, il suo carattere gentile svanisce lasciando spazio alla furia della creatura, che tenta di ferirla e sottometterla per potersi così cibare di lei. Tanya riesce però a difendersi ferendolo alla gola e ad un occhio con un cavatappi, riuscendo a fuggire. Inseguita da Charles, incontra l'agente Simpson e si ripara nell'automobile di quest'ultimo, che tenta di difendere la ragazza invano, venendo ucciso poi da Charles. Il gatto Clovis, amico e compagno abituale del poliziotto, attacca il ragazzo e lo graffia in volto sfigurandolo. Terrorizzata, Tanya chiama la polizia mentre Charles fugge verso casa moribondo. La madre, affamata di quella linfa che le è necessaria, si reca a casa di Tanya e uccide i suoi genitori, prima di rapirla e condurla a casa sua per far nutrire Charles, di modo che guarisca dalle ferite causategli dallo scontro al cimitero e non muoia.

Il cottage dove vivono sarà assediato da numerosi agenti di polizia, che però periranno tutti, uccisi dalla madre di Charles. Infine, riescono a introdursi nella casa le moltitudini di gatti che si trovavano al di fuori del cottage, attirati proprio dalle creature loro antagoniste. I gatti attaccano Mary, la madre di Charles, lacerando il suo corpo che, reagendo alle ferite, si incendia, bruciandola viva. Charles, non essendo riuscito a nutrirsi, muore per le ferite subite. L'unica superstite sarà Tanya, insieme al gatto Clovis.

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora del film è costituita dai seguenti brani:

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema