La zona morta (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La zona morta
Titolo originale The Dead Zone
Autore Stephen King
1ª ed. originale 1979
Genere romanzo
Sottogenere horror
Lingua originale inglese

La zona morta (The Dead Zone) è un romanzo horror di Stephen King pubblicato nel 1979.

È il quinto romanzo pubblicato da King e il primo la cui edizione rilegata sia arrivata in vetta alla classifica dei best-seller.[1] Ha avuto una trasposizione per il cinema e come serie televisiva.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Johnny Smith, un insegnante del liceo di una piccola città del Maine, resta gravemente infortunato in un incidente stradale che lo lascia in coma per cinque anni. Quando si risveglia, scopre che il mondo e la vita sono cambiati: la sua fidanzata Sarah ha sposato un altro uomo e ha avuto un bambino, mentre sua madre è diventata una fanatica religiosa; scopre inoltre di avere acquisito il potere della chiaroveggenza: toccando altre persone riesce ad avere visioni del passato, presente e futuro ma, a causa della sua "zona morta" - una porzione non attiva del suo cervello a causa dei danni dovuti al coma - alcune parti delle visioni restano oscure obbligandolo ad immaginarsi alcune cose partendo da quello che succede nella realtà.

Nonostante usi la sua nuova abilità per salvare la vita di una giovane ragazza, aiutare lo sceriffo ad identificare e catturare un serial killer, e salvare molti ragazzi da un incendio catastrofico, Johnny si trova a considerare il suo potere una maledizione piuttosto che un dono e comincerà a odiarlo.

Successivamente, a una conferenza politica, Johnny dopo aver stretto la mano a Greg Stillson, un popolare candidato al Congresso del New Hampshire, ha una visione di quest'ultimo che giura come Presidente degli Stati Uniti d'America e, molti anni nel futuro, di una devastazione apocalittica (dovuta alle scelte di Stilson come presidente), così terribile e completa che si sente obbligato ad impedire ad ogni costo a Stillson di raggiungere il potere.

Dedica[modifica | modifica wikitesto]

Il libro è aperto dalla seguente dedica: «Dedicato a Owen. Ti voglio bene, vecchio orso».

Edizioni pubblicate[modifica | modifica wikitesto]

Adattamenti[modifica | modifica wikitesto]

Influenza culturale[modifica | modifica wikitesto]

  • L'episodio n.27 Ti ho visto morire del fumetto Dylan Dog è chiaramente ispirato al libro di King.[senza fonte]
  • In uno speciale di Halloween della serie I Simpson un episodio è intitolato The Ned Zone ("La Zona Ned"); in questo caso è Ned Flanders a ricevere questo potere e sarà Homer Simpson l'uomo da fermare prima che faccia esplodere la centrale nucleare. Nella stessa serie inoltre il romanzo e il film sono parodiati un'altra volta in The Bart Zone ("La Zona Bart"), in un altro speciale di Halloween, dove Bart con i suoi poteri può modificare la mente delle persone.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stephen King, On Writing: Autobiografia di un mestiere, Sperling & Kupfer, 2001. ISBN 8820031019 p. 195

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura