Shining (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Shining
Titolo originale The Shining
Stanley Hotel in Estes Park, Colorado.jpg
The Stanley Hotel a Estes Park, Colorado, USA, principale fonte di ispirazione di King
Autore Stephen King
1ª ed. originale 1977
Genere romanzo
Sottogenere thriller, horror
Lingua originale inglese
Protagonisti Danny Torrance
Coprotagonisti Wendy Torrance
Antagonisti Jack Torrance
Seguito da Doctor Sleep

Shining (1977) è un romanzo thriller-horror di Stephen King. Terzo libro pubblicato da King, rappresenta una delle tappe più importanti compiute dallo scrittore per l'allontanamento dal genere thriller-fantastico e l'avvicinamento all'horror, che raggiungerà con romanzi come Christine. La macchina infernale e It . Un film basato sul libro, Shining diretto da Stanley Kubrick, è di genere più prettamente horror con varie differenze nella trama, e fu girato nel 1980. Il libro fu poi riadattato per una miniserie televisiva.

La storia doveva essere originariamente ambientata in un parco divertimenti, ma durante una vacanza, King e la moglie Tabitha soggiornarono allo Stanley Hotel ad Estes Park Colorado mentre i dipendenti si preparavano alla chiusura invernale. L'hotel Stanley fu usato per la miniserie TV della ABC. King ha anche ammesso di aver basato la figura di Jack Torrance su se stesso.

Il titolo è stato preso da una canzone di John Lennon, "Instant Karma!". Nella canzone si dice "We all shine on". King voleva chiamare il libro "The Shine" ma lo cambiò quando scoprì che "shine" era usato anche come termine denigratorio per la gente di colore. Shining è uno dei testi che più hanno ispirato Kubrick nelle sue opere.

Nel 2013 è uscito il seguito del romanzo, intitolato Doctor Sleep, che narra di un Danny ormai adulto ancora alle prese con le visioni soprannaturali dovute alla sua "luccicanza".

Trama[modifica | modifica wikitesto]

King in quest'opera narra una vicenda che ha come protagonista una famiglia statunitense; vicenda che nel corso del libro viene appunto animata da macabri episodi che portano i personaggi ad avere paura l'uno dell'altro.

La storia è ambientata nell'immaginaria cittadina di Stovington (New Hampshire) tra la fine del 1976 e gli inizi del 1977. Jack Torrance, che ha perso il proprio lavoro d'insegnante di letteratura inglese dopo aver aggredito uno studente di nome George Hatfield, cerca di portare a termine una commedia alla quale lavora da tempo e accetta un lavoro offertogli dall'amico Al Shockley: trasferirsi come guardiano invernale all'Overlook Hotel, un imponente albergo con centinaia di stanze costruito all'inizio del XX secolo, che domina le alte montagne del Colorado e situato a 65 chilometri dal più vicino centro abitato. Jack accetta la proposta e porta con sé la moglie Wendy e il figlio Danny di cinque anni. La famiglia spera di ritrovare nell'albergo un periodo di serenità, correndo il rischio però di rimanere isolati da tutto il mondo esterno a causa della neve che li bloccherà durante l'inverno. Appena arrivati Jack ha un colloquio col direttore dell'albergo, Stuart Ullman, il quale informa che molti anni prima Delbert Grady, guardiano invernale di quell'anno, impazzì e si uccise dopo aver fatto a pezzi la moglie e le sue due figlie. Quello è stato solo uno dei tanti omicidi e suicidi avvenuti nell'albergo.

Prima che gli ultimi lavoratori lascino l'hotel, Danny conosce il cuoco afroamericano Dick Hallorann, con cui ha in comune dei poteri extra-sensoriali, la cosiddetta "aura" che gli permette di vedere fatti accaduti o che accadranno in futuro. Dick dice a Danny che vivendo nell'albergo potrebbe capitargli di vedere alcuni dei fatti di sangue accaduti in passato, ma non dovrà averne paura perché non sono immagini reali. Hallorann mette inoltre in guardia il bambino avvertendolo di non entrare nella camera 217 e che se mai avrà bisogno d'aiuto basterà chiamarlo con la forza del pensiero e lui lo sentirà.

Prima di andarsene Ullman fa un Tour per la famiglia e, arrivati alla camera presidenziale, Danny ha la visione di un dipinto di sangue e liquido celebrale sul muro ed inizia ad avere suggestione di un estintore.

Con il passare del tempo la famiglia si ritrova isolata dalla neve e Danny, grazie ai suoi poteri e all'aiuto dell'amico immaginario Tony, avverte il peso degli orribili avvenimenti passati che si materializzano davanti a lui, come l'omicidio nella camera 217, ma impara anche ad opporsi ad essi e a scacciare le insidiose presenze. Jack, nel giardino, ha una strana esperienza: vede le siepi a forma di animali cambiare posizione quando non le guarda.

Jack, che rovistando nel sotterraneo ha scoperto dei documenti compromettenti sulla storia dell'albergo, tenta di parlarne con Ullman rischiando di essere licenziato. Presto però, Jack rimane vittima delle forze maligne che l'albergo sembra aver assorbito e sotto il controllo di esse viene spinto ad aggredire la sua famiglia. Infatti Jack ha un incubo in cui suo padre gli parla tramite una radio, dicendogli che la sua famiglia sarà sempre contro di lui, portandolo a distruggere l'apparecchio. Durante questo avvenimento Danny va nella 217 e viene strozzato da una donna in putrefazione uscita dalla vasca da bagno. Wendy, vedendo le ferite al collo, crede che sia stato Jack e cerca di allontanarlo da esso. Jack, essendo innocente si altera e si reca nella sala da ballo parlando con il barman Lloyd degli anni venti bevendo dei martini e durante la conversazione vede delle persone in maschera che lo guardano, ma all'arrivo di Wendy sparisce tutto compreso Lloyd. Jack vuole dimostrare di essere innocente, quindi si reca nella 217 riuscendo però a fuggire prima che la donna lo raggiunga. Poco dopo Danny, giocando nel giardino, vede un bambino che chiede di "giocare con lui per sempre" e rivive la stessa esperienza vissuta dal padre con le siepi a forma di animali.

Col passare del tempo Jack inizia ad avere pensieri sempre più negativi riguardo la sua famiglia e Danny, percependo il pericolo per suo padre prova ed entrare nella sua mente, ma ne viene infine scacciato dalla volontà maligna dell'albergo che imitava la voce del padre e, in preda al panico, chiama Dick che accorre con un gatto delle nevi. Jack, girovagando nell'albergo, ritorna nella sala da ballo dove si sta svolgendo una festa. Confrontandosi ancora con Lloyd, Jack capisce che loro vogliono Danny e si ingelosisce poiché "è lui il custode dell'albergo". Subito dopo incontra il fantasma di Delbert Grady che cerca di convincerlo ad uccidere il figlio (per impadronirsi della sua anima) e la moglie, se si mette di mezzo. Il nervosismo, la sbornia e una botta alla testa annebbiano la mente di Jack, permettendo all'albergo di controllarlo.

Madre e figlio capiscono che Jack non è più lo stesso e Wendy va a cercarlo nella sala da ballo, venendo però minacciata di morte dal marito. La giovane moglie trova così il coraggio di ferirlo con un fiasco e riesce a rinchiuderlo dentro alla dispensa. Jack, chiuso all'interno della dispensa, sente di nuovo la voce di Grady che è disposto ad aprirgliela a patto che si occupi di Danny e di sua moglie. L'uomo accetta e la porta della dispensa si apre. Jack per un istante ha l'impressione che dietro la porta dove c'era la voce di Grady vi fosse qualcosa di orribile e maligno. Wendy, sentendo strani rumori, va nella sala da ballo a controllare venendo però pestata da Jack con una mazza da croquet. Dopo aver accoltellato Jack, Wendy si rinchiude nella stanza da bagno. Qui Dick Hallorann, che nel frattempo era partito dalla Florida, torna all'albergo con il gatto delle nevi e viene aggredito da uno delle siepi a forma di leone, ma riesce ad entrare nell'albergo giusto in tempo per essere stordito da Jack, fracassandogli la mascella. Lui insegue Danny per i corridoi riuscendo presto a raggiungerlo. Qui Danny si fa coraggio e cerca di fare tornare in se il padre ormai impazzito. Jack esce infine dalla follia in cui era piombato, implorando a Danny di scappare prima che sai tardi, dicendogli infine di avergli sempre voluto bene. Danny tutta via cerca di aiutare il padre, ma in quel momento la mano di Jack afferra la mazza e fracassandosi la faccia. In quel momento la faccia di Jack diventa irriconoscibile e inumana. Danny vi vede le facce di tutte le persone morte nell'Hotel. L'entità maligna, ha preso infine pienamente possesso del corpo di Jack, desiderosa di prendere Danny per i sui poteri. Il bambino, in quel momento ricorda ciò che era stato dimenticato esclamando che la pressione della caldaia non era stata abbassata da ore, e che tra poco sarebbe esplosa, e sia suo padre che l'entità se lo erano dimenticati. L'entità sconvolta e terrorizzata, decide di lasciare perdere Denny e scappando con il corpo di Jack si dirige nella cantina per abbassarla. Danny fugge avvertendo Halloran e sua madre di scappare perché l'albergo sarebbe esploso. L'entità raggiunta la cantina gira al massimo la pressione della caldaia. Gridando vittoria pensando di avertercela fatta, in quello stesso istante la caldaia esplode, avvolgendo tra le fiamme l'intero hotel. Pochi istanti prima dell'esplosione, tuttavia, Wendy, Danny e Hallorann fuggono dall'esplosione col gatto delle nevi.

L'epilogo si svolge la stessa estate del 1977 dove Hallorann ha trovato un lavoro in un ristorante alpino, ricevendo visita da Wendy e Danny. Qui Dick tenta di consolare Danny per la morte del padre.

Genere[modifica | modifica wikitesto]

La storia è un'entrata nel genere thriller e soprannaturale ed usa il concetto di edificio che ha una coscienza (o un'anima), un'idea già esplorata da Edgar Allan Poe in La caduta della casa degli Usher.

Temi[modifica | modifica wikitesto]

L'autore affermò che Shining include un'esplorazione della dipendenza da alcool e delle relazioni personali tra genitori e figli.

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo ha venduto nella prima edizione rilegata 47mila copie,[1] mentre nella prima edizione economica ha superato i quattro milioni di copie vendute.[2] In Italia la prima edizione del 1978, ormai rarissima, apparve con il titolo "Una splendida festa di morte".

Citazioni e riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel film Ho sposato un'aliena l'attrice Kim Basinger, che interpreta un'extraterrestre che tra gli altri ha anche il potere di leggere tutto il contenuto di un libro prendendolo soltanto in mano, prende il libro da uno scaffale e, dopo aver provato un brivido, lo posa immediatamente.
  • Nell'episodio Three Kings, de I Griffin (episodio dedicato a Stephen King) Peter afferma che voleva fare una parodia di Shining, ma l'idea di Stewie che brandisce un'ascia gli sembrava assurda.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Emmett Meara, Stephen King's Silver-lined Prose, Bangor Daily News, 12 febbraio 1977. In L'orrore secondo Stephen King, a cura di Tim Underwood e Chuck Miller, Milano, Arnoldo Mondadori, Editore, 1999 ISBN 88-04-46422-4 p. 15
  2. ^ Charles L. Grant, Stephen King: I Like to Go for the Jugular, Twilight Zone, aprile 1981. In L'orrore secondo Stephen King, p. 28

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Edizioni di Shining in Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Associazione culturale Delos Books.
Controllo di autorità GND: (DE4475807-8
letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura