The Mangler - La macchina infernale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Mangler - La macchina infernale
The mangler la macchina infernale.png
Una scena del film
Titolo originale The Mangler
Paese di produzione USA
Anno 1995
Durata 106 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere horror
Regia Tobe Hooper
Soggetto dal romanzo di Stephen King
Sceneggiatura Tobe Hooper
Produttore Dave Barcham
Produttore esecutivo Helena Spring, Harry Alan Towers, Sudhir Prajee, Sanjeev Singh
Fotografia Anmon Salomon
Montaggio David Heitner
Effetti speciali Stephen Brooks
Musiche Barrington Pheloung
Scenografia Tobe Hooper
Costumi Jaqueline West
Trucco Scott Wheeler
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Mangler - La macchina infernale (The Mangler) è un film horror del 1995 diretto da Tobe Hooper, con Ted Levine e Robert Englund, e tratto dal racconto Il compressore di Stephen King.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Presso Rikers Valley, cittadina immaginaria del Maine, c'è una lavanderia industriale risalente ai primi anni del XX Secolo, la Gartley’s Blue Ribbon Laundry, gestita austeramente dall'imprenditore Bill Gartley. Un giorno, quando Sherry Ouelette, nipote di Garley e operaia presso lo stabile, cerca di girare una leva per migliorare le prestazioni di un vecchio mangano, si taglia accidentalmente il palmo della mano, e contemporaneamente due fattorini che trasportano una ghiacciaia urtano la grossa macchina, generando una scossa elettrica tra i due macchinari. Alcune ore dopo Adelle Frawley, un'operaia anziana, perde alcune delle sue pillole nel nastro trasportatore del mangano, e nel tentativo recuperarle il suo braccio viene risucchiato dal nastro, e intrappolato nella bobina. Sherry e una sua collega cercano di liberare la donna, ma Adelle viene trascinata nel meccanismo del mangano e stritolata a morte.

Sul luogo dell'incidente viene avviata un'indagine e il detective incaricato John Hunton, particolarmente turbato alla vista del corpo della signora Frawley, attribuisce l'accaduto a un malfunzionamento del macchinario. Il giorno seguente però viene effettuato un esame sull'efficacia del sistema di sicurezza del mangano, che viene dichiarato funzionante e a norma, e la vicenda si chiude frettolosamente come un caso di "morte accidentale". Sulle prime John passa oltre, ma alcuni giorni dopo nella lavanderia un condotto del vapore si rompe, ustionando gravemente tre operaie, e John si reca all'ospedale della città, per raccoglie le loro testimonianze. Una di loro, Annette, spiega alcuni dettagli dell'incidente della sua collega e fa una singolare dichiarazione, sostenendo che in qualche modo il mangano cerca di uccidere intenzionalmente le persone. Verso la sera John, che cena insieme al suo cognato Mark, spiega gli eventi della sua indagine all'uomo, che essendo studioso di arti magiche, sostiene che il mangano sia probabilmente posseduto da un demone, ma John liquida subito la sua teoria in quanto assurda.

Tuttavia, una sera un bambino viene soffocato dalla stessa ghiacciaia proveniente dalla lavanderia. John esamina l'elettrodomestico, e quando Mark, che si è unito a John, cerca di liberare una colomba rinchiusa in essa, la ghiacciaia afferra il suo braccio, cercando di trascinarlo al suo interno. John libera il suo cognato e si accorge che sulla ghiacciaia c'è un'impronta di sangue, lo stesso che aveva unto il mangano dopo l'infortunio di Sherry, e convintosi della supposizione di Mark, prende un grosso martello e distrugge la ghiacciaia, dalla quale esce uno spirito che svanisce poco dopo. John decide allora far cessare in tutti i modi l'utilizzo del mangano, ma Bill Gartley si oppone fermamente, minacciando l'uomo di farlo sospendere dalle autorità e dalla corte, corrotte dall'imprenditore. Non avendo altra scelta John e Mark decidono trovare un modo per fermare il macchinario.

Quella stessa sera anche l'addetto alla sicurezza cerca di convincere Bill a disfarsi del macchinario, ma invano. Poco dopo, Bill rivela alla sua dipendente e amante, Lin Sue, rimasta anch'ella ferita dal macchinario, un inquietante particolare sul suo passato: molti anni prima, onde riuscire a ottenere una vita di potere e opulenza, Bill fece un patto col diavolo, insito nel mangano, che in cambio della sua prosperità chiese un sacrificio umano e a tal proposito Bill sacrificò sua figlia, offrendo anche parti del proprio corpo per legarsi al mangano, e pertanto, anche Lin Sue era ora legata all'entità racchiusa in esso. Di li a poco l'addetto rimane vittima del macchinario, e John e Mark, su consiglio dell'amico fotografo J.J.J., morto per gli esiti di un cancro, si recano al suo studio, dove J.J.J. aveva preparato appositamente per lui un album recante al suo interno degli articoli di giornale narranti l'apparente morte incidentale della figlia di Bill, e le misteriose scomparse di alcune ragazzine, tutte avvenute il giorno del loro sedicesimo compleanno, e tutte figlie degli attuali maggiori esponenti della città. John e Mark si rendono inoltre conto che quella stessa notte Sherry compie sedici anni, e si precipitano da lei, che però viene catturata dallo zio e l'amante, che intendo immolarla per saldare definitivamente il loro debito con il Diavolo.

John e Mark fermano il rituale sacrificale e gettano Bill e Lin Sue nel mangano, poi iniziano a esorcizzare il macchinario e l'operazione sembra riuscire, ma i due commettono un errore nel rituale e il mangano si anima di vita propria diventando un mostro di ferro e si lancia all'inseguimento del trio. Mark muore cercando di scacciare il demone senza successo, John porta con sé Sherry, che per un breve istante cerca di lasciarsi prendere dal mangano così che esso si plachi, e viene afferrata dal macchinario: Ma John la strappa via in tempo, scendono una lunga scalinata e giungono nella fogna dove il mangano, inspiegabilmente, si ferma. Un mese dopo, la nipote di Bill, che ha ereditato l'azienda di famiglia fa la direttrice della stessa lavanderia, e John che era venuto a portarle dei fiori fa un'amara scoperta: alla ragazza, che ora mostra lo stesso comportamento tirannico dello zio, manca un dito. John capisce così che il mangano si era fermato perché esso e Sherry avevano stretto un patto nel momento in cui le aveva reciso il dito e amareggiato, getta i fiori e lascia la città.

Differenze tra il racconto breve e il film[modifica | modifica sorgente]

  • Nel racconto il personaggio di Bill Gartley viene vagamente menzionato, mentre nel film è il principale antagonista.
  • Anche il ruolo di Sherry viene esteso nel film rispetto al racconto.
  • Il personaggio di Martin, tra i secondari nel racconto, non appare nel film.
  • L'infortunio di Sherry e la morte del bambino per mano della ghiacciaia vengono narrate palesemente, mentre nel film le due vicende acquisiscono maggiore rilievo.
  • John Hunton è un semplice poliziotto nel racconto, mentre nel film è un detective.
  • John aveva una moglie e una figlia, ma nel film viene menzionata solo la moglie.
  • Il finale del racconto è totalmente diverso da quello del film: Dopo il fallimento dell'esorcismo e l'uccisione di Mark, John rimane traumatizzato a tal punto che i suoi capelli imbiancano. Si reca alla casa di Martin, il personaggio che non appare nel film, e supplica il suo aiuto. Martin cerca di chiamare soccorsi, ma i due vengono raggiunti dal mangano, e le loro sorti sono sconosciute.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Sebbene il film ottenne buoni incassi, la critica parlò male del film, e ottenne molte recensioni negative.
  • Il mangano posseduto è un modello industriale "Hadley Watson Model-6 Steam Ironer & Folder".

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema