Creepshow 2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Creepshow 2
Creepshow 2.png
Logo del film
Titolo originaleCreepshow 2
Lingua originaleInglese
Paese di produzioneUSA
Anno1987
Durata89 min
Rapporto1.85 : 1
Genereorrore, commedia
RegiaMichael Gornick
SoggettoStephen King
SceneggiaturaGeorge A. Romero
ProduttoreDavid Ball
Produttore esecutivoMitchell Galin
FotografiaRichard Hart
Tom Hurwitz
MontaggioPeter Weatherley
Effetti specialiHoward Berger
Tom Savini
Gregory Nicotero
MusicheLes Reed, Rick Wakeman
ScenografiaBruce Alan Miller
CostumiEileen Sieff Stroup (come Eileen Mae Sieff)
TruccoEd French
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Episodi
  • Vecchio Capo Testa di Legno
  • La zattera
  • L'autostoppista

Creepshow 2 è un film a episodi del 1987. Sequel di Creepshow, è diretto da Michael Gornick, che fu direttore della fotografia del primo episodio cinque anni prima. Stephen King (autore dei soggetti) fa una comparsata come camionista.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un sinistro figuro alla guida di un furgone si ferma presso un'edicola di una piccola cittadina per consegnare un pacco contenente la nuova edizione appena stampata della rivista Creepshow,che pubblica racconti horror a fumetti di cui il piccolo Billy é un fan accanito; questi,che la stava aspettando con impazienza,ne compra subito una copia e comincia a leggere tre nuove storie.

Episodio 1: Vecchio capo Testa di Legno[modifica | modifica wikitesto]

Ray e Martha Spruce sono un'amabile coppia di anziani gestori di una bottega di artigianato in un desolato paesino di provincia in una riserva indiana ai quali viene affidato un antico tesoro della tribù locale come pegno di riconoscenza per i loro servigi; la stessa notte,tuttavia,i due vengono crudelmente assassinati durante una rapina perpetrata da tre giovani balordi del posto,decisi ad impossessarsi del tesoro per trasferirsi in California a fare fortuna.Ma proprio mentre i criminali si stanno organizzando per partire,la statua di legno esposta fuori dalla bottega degli Spruce (raffigurante un guerriero pellerossa) si anima e, prima dell'alba,vendica i suoi proprietari infliggendo una morte raccapricciante a ciascuno dei tre assassini e restituisce il tesoro al capo tribù.

Episodio 2: La zattera[modifica | modifica wikitesto]

Due giovani coppie di fidanzati in gita in montagna decidono di fermarsi presso un tranquillo laghetto e,sfidando la temperatura rigida,di raggiungere nuotando la zattera che galleggia al centro dello specchio d'acqua.Una volta arrivati,però,i ragazzi si accorgono troppo tardi di essere in trappola in quanto quella che sembrava una innocua macchia scura di sudiciume si rivela in realtà un essere vivente insidioso e ghiotto di carne umana che si muove sull'acqua e li assedia senza via di scampo; nonostante i quattro facciano di tutto per tenersi al riparo sulla zattera,questa non li proteggerà a lungo dalla misteriosa creatura,che nel corso di una giornata riuscirà ad inghiottirli tutti.

Episodio 3: L'autostoppista[modifica | modifica wikitesto]

Un'affascinante signora sposata con un ricco avvocato,si mette alla guida della sua automobile di lusso a notte fonda e si affretta a tornare a casa per nascondere al marito i suoi incontri sessuali con un gigolò. Percorrendo una strada buia,però,in un momento di distrazione le capita accidentalmente di travolgere un autostoppista,uccidendolo sul colpo; nonostante sia tormentata dal rimorso,la donna é anche in preda al panico al pensiero della propria responsabilità e di mettersi nei guai con il marito e decide di fuggire prima che qualcuno si accorga dell'accaduto.Poco dopo,però,il suo viaggio verso casa diventa un incubo allucinante quando l'autostoppista ucciso riappare sottoforma di orrido fantasma sanguinante per reclamare il passaggio che non ha mai avuto e la sua vendetta verso la donna che,non riuscendo a sbarazzarsene,finisce per impazzire dal terrore fino ad essere uccisa a sua volta.

Il film si conclude con Billy che,assalito da una gang di bulli,si fa inseguire da loro fino a un parco abbandonato e qui li fa divorare da una gigantesca pianta carnivora nata dai semi che aveva precedentemente acquistato proprio come inserito di Creepshow mentre l'individuo del furgone contempla la scena e riprende il suo viaggio verso un'altra cittadina.

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel primo episodio compare un'immagine di Eddie the Head mascotte degli Iron Maiden.
  • Nel terzo episodio, sul comodino dell'amante, vi è una copia del romanzo IT, appunto di Stephen King.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema