Tom Savini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Thomas Vincent Savini

Thomas Vincent Savini (Pittsburgh, 3 novembre 1946) è un attore, regista e truccatore statunitense, nonché creatore di effetti speciali.

Tom Savini ha origini italiane.[1] Educato nella religione cattolica e si è laureato nella High School Central Catholic. Ha vinto diversi Saturn Award per il miglior trucco ed i migliori effetti speciali.[2] è inoltre noto per la sua collaborazione con George A. Romero nella tetralogia degli Zombi, così come per il lavoro svolto su Venerdì 13, Dimensione terrore e Maniac. Ha diretto il remake del 1990 de La notte dei morti viventi. Nonostante si sia ufficialmente ritirato dal settore degli effetti speciali, Savini continua a dirigere, produrre e partecipare in diversi lungometraggi. Tuttavia, il regista continua a sfornare nuove generazioni di creatori di effetti speciali con la sua scuola.

Effetti speciali[modifica | modifica sorgente]

Tom Savini è noto in primo luogo per il suo lavoro nel campo degli effetti speciali e del trucco. Iniziò a lavorare a fianco del regista di Pittsburgh George A. Romero, creando un buon effetto speciale - nonostante fosse primitivo - nella sequenza d'apertura di Wampyr (1977). L'anno successivo, lavorando con un budget molto più consistente su Zombi (1978), Savini riuscì a creare il suo cosiddetto "marchio di fabbrica": mutilazioni, decapitazioni e morsi sanguinolenti. Gli effetti sanguinolenti di Zombi vennero poi largamente imitati ma mai migliorati se non con il suo lavoro svolto sul successivo episodio della "tetralogia degli zombi", Il giorno degli zombi (1985).

Savini ha anche lavorato sui film di Dario Argento e Tobe Hooper. I suoi effetti speciali realistici si possono notare anche in film come Maniac, che non a caso contiene la controversa scena della sparatoria.

Forse il più famoso lavoro di Tom Savini per quanto riguarda gli effetti speciali è quello svolto sul primo episodio della saga di Venerdì 13.

Apparizioni in TV e al cinema[modifica | modifica sorgente]

Si faccia caso al fatto che la maggior parte dei personaggi che ha interpretato sono motociclisti.

Interpreta un personaggio innocuo e quasi inutile in Wampyr (1977), ma l'anno successivo passa a interpretare il minaccioso e "cattivissimo" motociclista in Zombi (1978), un ruolo che ha ripreso in un cameo nella continuazione del 2005 della serie, La terra dei morti viventi. Ha avuto una piccolissima parte in L'alba dei morti viventi, del 2004, nel ruolo di uno sceriffo. Un ruolo di maggiore spicco come motociclista è quello che gli venne assegnato in I cavalieri di Romero (1981). Il ruolo di maggiore importanza è quello che Quentin Tarantino e Robert Rodriguez gli assegnarono nel 1996 in Dal tramonto all'alba: il motociclista 'Sex Machine'.

Nel 2006, Savini ha interpretato Prester John, il leggendario nemico del film Sea of Dust. Sempre nel 2006, ha interpretato un eremita folle nel film Demonic.

Nel 2007, Savini ha interpretato il ruolo dello sceriffo Tolo in Planet Terror, uno dei due segmenti del film Grindhouse. "Planet Terror" è diretto da Robert Rodriguez.

Sempre sotto la direzione di Robert Rodriguez interpreta il ruolo di Osiris Amanpour nel film del 2010 Machete e in quello del 2013 Machete kills.

Inoltre ha doppiato se stesso nel cartone animato I Simpson.

Nel 2013 compare nel film Django Unchained di Quentin Tarantino dove interpreta un membro della banda alle porte di Candyland.

Servizio militare[modifica | modifica sorgente]

Savini fu un fotografo sul campo della guerra del Vietnam: qui la violenza e la morte da cui era circondato lo aiutarono, da un certo punto di vista, quando al ritorno negli Stati Uniti iniziò a lavorare sul trucco per i film horror.

Nel 1970, mentre Savini faceva da guardia sul campo di battaglia, un razzo luminoso venne fatto brillare nell'area di giungla che egli copriva. Andando contro il protocollo militare, Savini iniziò a sparare contro gli arbusti senza informare i superiori. Altri soldati, come lui, iniziarono a sparare sino a quando dai cespugli non uscì un'anatra, completamente illesa. A causa della disobbedienza agli ordini, Savini fu portato via dal suo bunker la sera successiva. Il bunker venne attaccato quella stessa sera e molti soldati vennero uccisi. Savini, da quest'episodio, si guadagnò il soprannome di "Ammazzanatre", e da quel giorno non mangia più anatre.[3]

Scuole[modifica | modifica sorgente]

Tom Savini è un collega di Dick Smith, che porta avanti un seminario sul trucco avanzato professionale nell'ultimo semestre del programma del Douglas Education Center. Smith è conosciuto per il suo lavoro sugli effetti speciali de L'esorcista.

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Attore[modifica | modifica sorgente]

Trucco[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ 3 Like1 Dislike0 Jan 27, 2012 by B. Alan Orange, EXCLUSIVE: Tom Savini Talks The Theatre Bizarre, MovieWeb.com, 27 gennaio 2012. URL consultato il 22 agosto 2012.
  2. ^ Dati forniti dalla lista dei vincitori dei premi Oscar su IMDb, disponibile qui; ultimo accesso il 26 gennaio 2007;
  3. ^ Intervista con Tom Savini in Bizarre del febbraio 2006.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 94546572 LCCN: n83024302