L'acchiappasogni (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'acchiappasogni
Dreamcatcher.JPG
Beaver e Jonesy assistono alla migrazione degli animali
Titolo originaleDreamcatcher
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneUSA, Canada
Anno2003
Durata136 min
Genereorrore, fantascienza
RegiaLawrence Kasdan
SoggettoStephen King
SceneggiaturaWilliam Goldman, Lawrence Kasdan
FotografiaJohn Seale
MontaggioRaúl Dávalos, Carol Littleton
Effetti specialiIndustrial Light & Magic
MusicheJames Newton Howard
ScenografiaJon Hutman
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

L'acchiappasogni (Dreamcatcher) è un film del 2003 diretto da Lawrence Kasdan, adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo di Stephen King (2001).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nell'immaginaria città di Derry, quattro amici (Jonesy, Beaver, Pete e Henry) di lunga data si ritrovano per l'annuale caccia tra i boschi. Tutti e quattro condividono una storia che li ha visti protagonisti da bambini: l'aver salvato un quinto bambino ritardato di nome Duddits da dei teppisti che lo stavano picchiando e umiliando. Per ricompensa, il piccolo regala loro speciali poteri di tipo telepatico. I quattro non si stupiscono di quello che è capace di fare Duddits avendo già intuito dal loro primo incontro che egli è in qualche modo speciale. Così essi passano le giornate ad addestrarsi ad usarli, iniziando a servirsene per cercare aiutare le persone, in particolare una ragazzina Down caduta dentro un pozzo nel bosco. Duddits in più di un'occasione avverte i quattro bambini di qualcuno di pericoloso:

«A-attenti a ister Gay» Duddits.

Durante il ritrovo annuale, ormai adulti, scoprono che a loro insaputa nella zona si è diffuso uno strano virus, che infetta uomini e animali e che l'esercito tenta di contrastare in ogni modo possibile. Mentre i quattro vengono a contatto con misteriose entità mangia-uomini che iniziano a infettarli, i militari iniziano la caccia agli alieni che popolano la zona.

Mr Gray, un alieno con l'intenzione di infettare e conquistare il mondo, si impossessa del corpo di Jonesy tentando di infettare l'acquedotto della città di Boston, così da diffondere vermi mangiauomini nel pianeta e sterminare il genere umano. Henry, unico sopravvissuto dei quattro amici assieme a Jonesy, viene intanto catturato dall'esercito e messo in quarantena: gli umani sospetti di essere portatori di alieni vengono infatti rinchiusi e sterminati dal colonnello Curtis.

Henry riesce a convincere il tenente Owen, sottoposto di Curtis, nell'aiutarlo a trovare Jonesy in quanto portatore dell'alieno e, grazie all'aiuto di Duddits, ormai malato terminale di leucemia, che in verità si rivela essere un alieno mandato a compiere una missione contro l'entità malvagia che è all'origine dell'epidemia, salva il mondo.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Ad un certo punto del film Pete, dopo essere andato a prendere le birre in auto, afferma ad una donna "Tesoro, sono a casa!": chiaro riferimento alla frase cult del film "Shining"
  • Il Colonnello Curtis chiama il "virus" Ripley, dal nome della protagonista di "Alien". In effetti il film prende parecchio spunto dalla saga di Alien.
  • Nel libro da cui è tratto, a differenza del film, Duddits non si rivela essere un alieno, bensì un normale essere umano dotato di enormi poteri mentali.

Slogan promozionali[modifica | modifica wikitesto]

  • «Four friends hung a dreamcatcher in their cabin. It's about to catch something it cannot stop.»
  • «A circle of friendship. A web of mystery. A pattern of fear.»
  • «Catch The Nightmare.»
  • «Evil Slips Through»
  • «Il male è riuscito a passare.»
  • «La fine ha inizio.»

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN175884472 · GND: (DE4743219-6