Mangano (tessile)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il mangano è un macchinario costituito da semicilindri in acciaio o carbonio, all'interno dei quali ruotano dei rulli, un tipo di pressa o calandra, usato nell'industria tessile e nella lavanderia. Ve ne sono di tipologie diverse per i differenti usi.

Moderno mangano elettrico

Finissaggio dei tessuti[modifica | modifica wikitesto]

Nei trattamenti di finissaggio le pezze di tessuto finite vengono fatte passare tra i pesanti rulli del mangano, operazione chiamata manganatura, per modificarne l'aspetto e la mano, con rulli lisci e riscaldati il tessuto assume un aspetto liscio e lucido, con appositi rulli si ottengono grinzature[1].

Stampa tessile[modifica | modifica wikitesto]

Viene utilizzato tradizionalmente[2] per la stampa a ruggine su tela. A Santarcangelo di Romagna, in provincia di Rimini, presso l'Antica Stamperia Marchi, è attivo un antico mangano a ruota, di legno e pietre, del 1633; ancora utilizzato per "dare il lustro"-stirare i tessuti.

Stiratura[modifica | modifica wikitesto]

Mangano per stiratura industriale

La stiratrice professionale per capi di biancheria piana è costituita da conche e rulli, può essere a conca mobile o a conca fissa e rullo mobile. Le conche sono dei semicilindri in acciaio o acciaio al carbonio riscaldate normalmente a 180°C circa da vapore che scorre in intercapedini. Oltre i mangani a vapore esistono delle varianti a gas diretto, ad olio diatermico o elettriche (la cui conca è riscaldata da lunghe resistenze). Nei mangani ad olio diatermico, le conche sono riscaldate da serpentina o intercapedine posta sotto la conca attraverso cui fluisce, spinto da pompa l’olio caldo (220°C circa); possono essere provvisti di caldaia riscaldatrice di olio diatermico incorporata nella carcassa del mangano (si dicono mangani a gas) oppure da allacciare a impianto termico esterno. I rulli sono forati in modo che il vapore acqueo risultato dallo stiro e asciugamento dei capi, li attraversi per poi essere aspirato fuori dal mangano tramite dei ventilatori posti nei lati del rullo stesso. I rulli sono ricoperti di molle che possono essere elicoidali individuali, elicoidali ottenuti da un unico filo avvolto su un nastrino di acciaio o lamellari, le molle vengono poi coperte da un panno detto mollettone.

Le caratteristiche salienti di un mangano sono il numero dei rulli, la larghezza di stiro che varia da 500 mm a 4000 mm e il diametro del rullo variabile fino a 2000 mm. La biancheria da stirare viene inserita attraverso dei nastri di introduzione manualmente, oppure automaticamente tramite utilizzo di appositi macchinari detti "introduttori", e scorrendo tra rullo e conca viene asciugata e stirata. Generalmente all'uscita del mangano è posizionata una macchina detta "piegatrice" la quale in maniera automatica provvede alla piegatura dei tessuti appena stirati, oppure possono essere dotati di vasche per raccogliere la biancheria stirata. I mangani devono avere dei dispositivi di sicurezza salva mani, alla stregua delle taglierine professionali e delle presse industriali. I mangani sono utilizzati principalmente nelle lavanderie industriali, nei grandi alberghi, nelle comunità e nei condomini, ma anche nelle lavanderie a gettone.

Strizzatura[modifica | modifica wikitesto]

Strizzatura dei panni con mangano

Due rulli azionati da motore o manovella che strizzano i panni che vengono fatti passare tra loro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ MANGANATURA Definizione. Cruciverba Dizionario
  2. ^ La stampa a ruggine su tela

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

ingegneria Portale Ingegneria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ingegneria