Famiglia Duck

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Duck (famiglia))

La famiglia Duck è una famiglia immaginaria di anatre dei cartoni animati e fumetti Disney, legata al personaggio di Paperino. Ad essa sono legate anche le famiglie Coot, dell'Oca e Paperone, così come il Clan de' Paperoni. Oltre a Paperino, i membri più noti della famiglia Duck sono i suoi tre nipoti Qui, Quo e Qua.

I membri della famiglia Duck appaiono più che altro nelle storie a fumetti di Paperino (benché alcuni abbiano fatto apparizioni animate). Nel 1993 il fumettista statunitense Don Rosa pubblicò un albero genealogico dei paperi che stabiliva le relazioni di ciascun personaggio ai fini delle sue storie. Rosa creò anche una linea temporale immaginaria per definire le date di nascita di alcuni personaggi. Alcuni altri autori di fumetti, sia prima sia dopo la pubblicazione dell'albero genealogico di Rosa, hanno mostrato variazioni nella famiglia.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Carl Barks (a sinistra) e Don Rosa (a destra)

Nei primi anni cinquanta Carl Barks era nel suo secondo decennio di creazione di storie a fumetti con protagonista Paperino e i suoi vari parenti. Molti di questi erano stati creati da lui, e Paperon de' Paperoni e Gastone Paperone erano i più importanti. Ma il rapporto esatto tra loro era ancora un po' incerto. Barks decise di creare una versione personale del loro albero genealogico. Per definire meglio le loro relazioni, aggiunse diversi parenti precedentemente sconosciuti. Barks non ha mai voluto pubblicare questo albero genealogico, poiché lo aveva creato per il suo uso personale.

Il primo tentativo di pubblicare una biografia coerente dei paperi venne pubblicato nel 1974. An Informal Biography of Scrooge McDuck, dello scrittore di fantascienza Jack Chalker, usò nomi ed eventi delle storie di Barks (e pochissimi quelli non-Barks) per creare una storia della vita di de' Paperoni. Essa fornì le basi per una biografia di Paperone inclusa nel People's Almanac.[1]

Nel 1978 la famiglia Duck era sufficientemente radicata nella cultura popolare, tanto che un personaggio del film L'estate della Corvette dice "Chiamatemi Gastone" dopo essere stato fortunato.[2]

Nel 1981 Barks si era ritirato da tempo, ma le sue storie erano rimaste popolari e gli avevano fatto guadagnare una fama inaspettata. Aveva dato diverse interviste e risposto alle domande sulle sue opinioni personali sui personaggi e le loro storie. Tra gli altri argomenti, Barks descrisse la sua prima versione dell'albero genealogico. Schizzi dell'albero sono stati pubblicati in una serie di fanzine. I fan dei personaggi rimasero soddisfatti dell'antefatto che era stato loro aggiunto. A questo punto Mark Worden decise di creare un disegno di questo albero genealogico tra cui i ritratti dei personaggi citati. In realtà, Worden fece alcune modifiche all'albero, in particolare l'aggiunta di Paperina come principale interesse amoroso di Paperino. La sua versione illustrata della struttura venne pubblicata prima in diverse fanzine e poi nella Biblioteca di Carl Barks. Quest'ultima era una raccolta in dieci volumi delle sue opere in bianco e nero con copertina rigida.

Nel 1987 Don Rosa, da lungo tempo fan di Carl Barks e amico personale di Mark Worden, iniziò a creare le sue storie con Paperon de' Paperoni e soci. I suoi racconti contenevano numerosi riferimenti alle precedenti storie di Barks, nonché diverse idee originali. Dopo alcuni anni egli aveva maturato un suo fanbase. Nei primi anni novanta la Egmont, la casa editrice che impiegava Don Rosa, gli offrì un incarico ambizioso. avrebbe dovuto creare la versione definitiva della biografia di Paperone e un albero genealogico che l'accompagnasse. Questo avrebbe dovuto mettere fine a decenni di contraddizioni tra le storie che avevano causato confusione per i lettori. Il progetto diventò la Saga di Paperon de' Paperoni. L'albero genealogico che l'accompagna venne pubblicato in Norvegia il 3 luglio 1993.

Nel processo di lavoro sulla biografia di Paperone, Rosa studiò vecchie storie di Barks che citano il suo passato. Poi aggiunse una serie di sue idee. Tra di esse c'erano le informazioni biografiche per i personaggi di supporto di Paperone. In un certo senso la biografia di Paperone era anche la loro biografia.

Antenati[modifica | modifica wikitesto]

Paperinocchio Codacorta[modifica | modifica wikitesto]

Paperinocchio Codacorta (Pintail Duck) è un antenato e precedente incarnazione di Paperino, apparso unicamente nella storia di Barks "Zio Paperone e il tesoro della regina", pubblicata su Uncle Scrooge n. 16 del dicembre 1956.[3] In essa viene mostrato che Paperinocchio, vissuto nel XVI secolo, aveva servito nella Royal Navy come nostromo a bordo della HMS Falcone Reale che aveva razziato navi spagnole nel Mar dei Caraibi tra il 1563 e il 1564, quando la nave era stata affondata. Paperinocchio era amico del primo ufficiale della nave Malcolm de' Paperoni (anch'egli un antenato di Paperino), insieme al quale aveva seppellito in un'isola al largo di Trinidad un tesoro di sole patate. È stato inserito nell'albero genealogico di Rosa come membro più antico della famiglia Duck.

Prima generazione[modifica | modifica wikitesto]

Humperdink Duck[modifica | modifica wikitesto]

Humperdink Duck, noto anche come Dabney, è il marito di Nonna Papera e nonno di Paperino. Prima che il personaggio venisse definito da Don Rosa, il nonno di Paperino era stato raffigurato più volte con design differenti. La prima di queste occasioni fu una striscia di Bob Karp e Al Taliaferro del 10 aprile 1948, in cui appare in un dipinto con addosso un'uniforme da soldato.[4] Appare effettivamente per la prima volta in flashback come un vecchio amore di Nonna Papera nella storia "Nonna Papera e la vendita di beneficenza" (nella cui versione italiana è chiamato Alcibiade), disegnata da Bill Wright e pubblicata su Vacation Parade n. 2 del luglio 1951.[5] Nel corto del 1955 La stagione della caccia appare come un pioniere, mentre nella storia di Tony Strobl del 1964 "Nonna Papera la mattacchiona", dove è chiamato Nonno Papero, appare in un flashback in cui si prende cura del piccolo Paperino insieme alla moglie.[6]

Al personaggio viene dato un aspetto definitivo da Rosa, che lo include nel suo albero genealogico col nome Dabney (poi corretto in Humperdink) e lo utilizza nelle storie "L'invasore di Forte Paperopoli" e "Paperino e lo scalognofugo triplo". In esse viene raffigurato come un agricoltore di Paperopoli padre di Quackmore, Daphne ed Eider, conosciuto col soprannome "Papà Papero". Tuttavia, in un flashback nella storia danese del 2013 "Gode naboer" appare il Nonno Papero di Strobl.[7]

Nonna Papera[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Nonna Papera.

Elvira "Nonna Papera" Coot (Elvira "Grandma Duck" Coot) è la nonna di Paperino, Gastone Paperone e Paperoga, così come la matriarca della famiglia Duck. Nella maggior parte delle storie, lei è indicata semplicemente come Nonna Papera. La nonna è stata introdotta nell'universo dei fumetti Disney da Al Taliaferro nelle strisce a fumetti - come illustrazione nel 1940, in persona nel 1943. Taliaferro trovò l'ispirazione per lei nella propria suocera, Donnie M. Wheaton.

Seconda generazione[modifica | modifica wikitesto]

Quackmore Duck[modifica | modifica wikitesto]

Quackmore Duck è nato a Paperopoli nel 1875 da Humperdink Duck ed Elvira Coot. Fin da piccolo era evidente che aveva un cattivo carattere. Lavorò nella fattoria dei genitori fino al 1902, quando incontrò Ortensia de' Paperoni e si fidanzò con lei. Iniziò così a lavorare per il fratello della fidanzata, Paperon de' Paperoni.

Nel 1908 stava aiutando Ortensia e sua sorella Matilda de' Paperoni a gestire l'impero del fratello come capo contabile di Paperone, soprattutto perché Paperone pensava che come possibile erede avrebbe probabilmente lavorato sodo e sarebbe rimasto onesto. Nel 1920 sposò finalmente Ortensia e poi nello stesso anno divenne il padre di due gemelli: Paperino e Della Duck. Così lui e Ortensia divennero genitori quando avevano già più di 40 anni, secondo Don Rosa.

Rimase il capo contabile fino al 1930, quando una lite tra Paperone e la sua famiglia interruppe tutte le relazioni tra di loro. Quackmore adesso vive al Deposito con la moglie.

Ortensia de' Paperoni[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ortensia de' Paperoni.

Ortensia de' Paperoni (Hortense McDuck) è la moglie di Quackmore Duck e madre di Paperino. È nata in Scozia nel 1876 ed è la sorella di Paperon de' Paperoni.

Daphne Duck[modifica | modifica wikitesto]

Daphne Duck, secondo il racconto di Don Rosa Paperino e lo scalognofugo triplo, è la figlia di Humperdink Duck ed Elvira Coot. Il giorno della sua nascita, un lavoratore itinerante dipinse un gigantesco scalognofugo triplo sullo stabile dei suoi genitori. Il simbolo avrebbe dovuto portare fortuna alla bambina, e lo ha fatto: Daphne è sempre stata incredibilmente fortunata.

Lavorò nell'azienda agricola dei genitori almeno fino al 1902. Più tardi, smise di lavorare e iniziò a vivere con le cose che aveva vinto ai concorsi.

Sposò Gustavo Paperone e nel 1920 divenne la madre di Gastone Paperone. Il bambino nacque il giorno del compleanno, e sotto la protezione dello stesso simbolo, di sua madre.

Quando il fratello maggiore di Daphne, Quackmore Duck, sposò la sorella più giovane di Paperon de' Paperoni, Ortensia de' Paperoni, si può dire che lei e Paperone divennero cognati. Di conseguenza, Paperone sarebbe lo zio per affinità di Gastone.

Eider Duck[modifica | modifica wikitesto]

Eider Duck venne citato per la prima volta nell'agosto del 1944 nella storia Paperino e il falco di Carl Barks. In questa storia, Paperino riceve in regalo un falco da suo zio Eider che non vive a Paperopoli. Barks non ha mai più menzionato Eider, ma Don Rosa ha deciso di includerlo nel suo albero genealogico.

Secondo Rosa, Eider è il figlio di Humperdink Duck ed Elvira Coot. Almeno fino al 1902 lavorò nella fattoria dei suoi genitori. In seguito sposò Lulubelle Loon e divenne il padre di almeno due figli, Abner e Paperoga.

Quando il fratello maggiore di Eider, Quackmore Duck, sposò la sorella più giovane di Paperon de' Paperoni, Ortensia de' Paperoni, si può dire che lui e Paperone siano diventati cognati. Di conseguenza, Paperone sarebbe lo zio per affinità di Abner e Paperoga.

Lulubelle Loon[modifica | modifica wikitesto]

Lulubelle Loon è la moglie di Eider Duck e madre di Paperoga e Abner Duck. È apparsa esclusivamente sull'albero genealogico di Don Rosa.

Upsy Duck[modifica | modifica wikitesto]

Upsy Duck è lo zio di Paperino apparso nella storia Paperino lo scalatore del Monte Punteruolo (1965), illustrata da Tony Strobl. Nel primo pannello della seconda pagina, uno dei tre nipoti di Paperino dice che Upsy era il loro prozio. Secondo questa storia, si è guadagnato il soprannome di "Upsy" perché era un grande alpinista. Su Internet, Upsy è stato per lungo tempo conosciuto solo dalla sua apparizione su un albero genealogico tedesco dei Duck, dove fu chiamato Gipfel Duck e considerato come il fratello di Paperoga.

Terza generazione[modifica | modifica wikitesto]

Paolino Paperino[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Paperino.

Della Duck[modifica | modifica wikitesto]

Della Duck è la sorella gemella di Paperino e madre di Qui, Quo e Qua. Viene citata per la prima volta il 17 ottobre 1937 nella tavola domenicale di Al Taliaferro e Ted Osborne "Paperino e i paperotti" in cui avvisa Paperino, tramite una lettera, che gli invia i figli perché stiano con lui mentre il padre è all'ospedale per causa loro (ciò nonostante Della li definisce "angelici"). In tale occasione Della si firma come cugina di Paperino, e nella versione italiana è chiamata Anitra.[8] In una tavola di due mesi dopo, Della invia un telegramma in cui chiede che i figli tornino a casa e Paperino se ne libera volentieri, ma già da febbraio 1938 i nipotini riappaiono con Paperino senza alcuna spiegazione. Nel corto I nipoti di Paperino (1938), basato sulla stessa idea della tavola d'esordio di Qui, Quo e Qua, Della si firma come sorella di Paperino ma col nome di Dumbella.

Dopo essere stata inserita, col nome Thelma, nell'albero genealogico dei paperi realizzato da Barks, viene inserita anche in quello disegnato da Don Rosa col nome definitivo di Della; l'autore poi la fa apparire brevemente negli ultimi due capitoli della Saga di Paperon de' Paperoni e nelle storie "Paperino e lo scalognofugo triplo" e "Una lettera da casa", sempre in versione infantile e con abiti da marinaio simili a quelli di Paperino. Nel 2014 ha un ruolo centrale nella storia olandese 80 is prachtig!, realizzata per celebrare gli ottant'anni di Paperino;[9] in essa il fratello (con una sorta di retcon) racconta che Della, prima aviatrice e poi astronauta, gli aveva portato personalmente i piccoli Qui, Quo e Qua perché se ne prendesse cura nel fine settimana mentre lei era impegnata a testare in un viaggio di un'ora il primo razzo spaziale della storia lanciato alla velocità della luce, ma non era più tornata. Nel finale si scopre che, per la legge della relatività, Della è ancora nello spazio e il tempo passato fino ad allora per lei corrisponde a circa 15 minuti. Quando hanno occasione di parlare con lei, Qui, Quo e Qua decidono di non rivelarglielo e farle compiere ignara la sua missione, anche perché vogliono stare con lo zio. A partire dal 2017 Della appare in varie tavole comiche (sempre di produzione olandese) in cui viene mostrata la sua infanzia e adolescenza con gli altri abitanti di Paperopoli.

Nella serie animata DuckTales (2017) il figlio Quo scopre che Della era stata la compagna di Paperone e Paperino nelle loro avventure e inizia a indagare sulle cause della sua scomparsa insieme a Gaia Vanderquack. Successivamente scoprono che Paperone ha fatto di tutto per nascondere informazioni su di lei, insieme a una sua nota a Paperone che implica che lei l'abbia tradito. Nella contemporanea serie a fumetti della IDW Publishing vengono mostrate alcune avventure passate dal trio.

Gastone Paperone[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gastone Paperone.

Gastone Paperone (Gladstone Gander) è il figlio di Daphne Duck e Gustavo Paperone. Gastone è stato creato da Carl Barks ed è apparso per la prima volta nella storia Paperino lingualunga in Walt Disney's Comics and Stories n. 88 del gennaio 1948 (in Italia sul n. 64 degli Albi Tascabili di Topolino del 25 settembre 1949). Gastone è un papero pigro ed esasperatamente fortunato che non manca mai di turbare il suo primo cugino Paperino. La fortuna di Gastone sfida le probabilità e gli fornisce tutto ciò che desidera, quasi sempre senza sforzo.

Paperoga[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Paperoga.

Paperoga (Fethry Duck) venne creato per il Disney Studio Program da Dick Kinney e Al Hubbard e vene usato per la prima volta nella storia Paperino e il fanatico igienista, pubblicata il 2 agosto 1964. Kinney e Hubbard svilupparono il personaggio come un membro beatnik (che significa "una persona che rifiuta o evita un comportamento convenzionale") della famiglia Duck. Paperoga indossa colori diversi dello stesso maglione a seconda del paese in cui vengono pubblicate le sue storie. In Brasile è generalmente giallo, nei fumetti italiani di solito è rosso, e in quelli pubblicati dalla Egmont il colore tradizionale del suo maglione è rosa. Secondo una versione dell'albero genealogico dei paperi di Don Rosa, Paperoga è il figlio di Eider Duck e Lulubelle Loon, il cugino di Paperino, e ha un fratello di nome Abner Duck. Tuttavia, poiché Paperoga non era un personaggio di Carl Barks, e non era mai stato utilizzato in nessuna storia di Barks, Rosa non considera Paperoga membro della famiglia Duck. Sia come sia, a causa delle pressioni editoriali derivanti dalla popolarità del personaggio in Europa, Rosa lo ha incluso comunque nell'albero - a malincuore, e solo in variazioni selezionate.[10]

Abner "Chiarafonte" Duck[modifica | modifica wikitesto]

Chiarafonte (Whitewater Duck) è stato creato da Carl Barks e utilizzato solo nella sua storia Paperino conducente di tronchi, pubblicata in Walt Disney's Comics and Stories numero 267 del dicembre 1962 (in Italia sul numero 375 di Topolino, il 3 febbraio 1963). Secondo questa storia, è un lontano cugino sia di Paperino che di Qui, Quo e Qua, e lavora come taglialegna nel bosco, ed è in rivalità con Pietro Gambadilegno.

Nell'albero genealogico dei paperi di Don Rosa il vero nome di Chiarafonte è Abner Duck, con "Chiarafonte" solo come soprannome. Egli dimostra anche di essere un figlio di Eider Duck e Lulubelle Loon, e il fratello di Paperoga, facendo di lui un cugino di primo grado di Paperino.

Nella sua seconda apparizione in una storia, Zio Paperone - Il più furbo tra i duri (pubblicata negli USA in Uncle Scrooge n. 349 e in Italia in Zio Paperone n. 207) di Lars Jensen e Daniel Branca, Chiarafonte viene invece dipinto come il nipote del cugino di Paperon de' Paperoni, Douglas, facendo di lui il secondo cugino di Paperino.

Qui, Quo e Qua[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Qui, Quo e Qua.

Paperina[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Paperina.

Emy, Ely ed Evy[modifica | modifica wikitesto]

Emy, Ely ed Evy (April, May, and June Duck) sono le tre nipotine di Paperina. Anche alle riunioni di famiglia i genitori non sono presenti, e Paperina di solito le porta con sé. Presumibilmente vivono a Paperopoli. Sono state create da Carl Barks, e utilizzate per la prima volta in una storia pubblicata nel febbraio 1953, Paperino e la filosofia flippista.[11]

In alcune storie, per lo più olandesi, vivono con la zia, ma in altri fumetti, come i fumetti di Barks, sono solo in visita da Paperina. Le tre bambine agiscono come controparti femminilini, rivali, amiche o appuntamenti occasionali dei nipoti di Paperino, Qui, Quo e Qua. Sono membri dell'organizzazione Giovani Esploratrici, che fungono da controparti femminili delle Giovani Marmotte. Insolitamente per le bambine della loro età, le ragazze indossano normalmente scarpe col tacco alto.

Come i nipotini, Emy, Ely ed Evy di solito indossano i colori "Rosso", "Blu" e "Verde", ma a differenza loro non è mai stata stabilita l'assegnazione dei colori. Le ragazze indossano spesso anche "Giallo", "Viola" e "Arancione". Tuttavia, si potrebbe considerare il "Blu" come colore di Emy, dato che era il colore che indossava quando è apparsa da sola in Dell Giant n. 35. È anche ignoto quale nipotina stia insieme a quale nipotino quando fanno il doppio appuntamento con i loro zii Paperino e Paperina.[11]

Nel 1998 i redattori del settimanale olandese Donald Duck decisero che le tre ragazze dovevano essere modernizzate, e ottennero il permesso dalla Disney Company per farlo. Il fumettista olandese Mau Heymans progettò un nuovo taglio di capelli e nuovo guardaroba per Emy, Ely ed Evy. Adesso nelle storie olandesi non si assomigliano per niente, e non hanno più le occupazioni femminili che avevano quando Barks le creò. In alcune storie danesi è stata copiata la nuova pettinatura.

Emy, Ely ed Evy non sono state viste in animazione fino a quando non è stato dato loro uno speciale cameo nell'episodio di House of Mouse - Il Topoclub "La notte delle donne".[12]

Curiosamente, Emy, Ely ed Evy non sono mai apparse in DuckTales - Avventure di paperi, ma Gaia, una dei personaggi della serie, assomiglia molto a loro. Questo ha anche portato i traduttori olandesi a darle il nome "Lizzy", che viene utilizzato per Emy in olandese.

Emy, Ely ed Evy tornarono nei fumetti americani in Walt Disney's Comics and Stories n. 698. La storia le vede raccontare "Cappuccetto Rosso" con le ragazze al posto di Cappuccetto Rosso e la Banda Bassotti in quello del lupo.

Altri Duck[modifica | modifica wikitesto]

Duck che, per varie ragioni, non compaiono nell'albero di Rosa.

Paperetta Yè Yè[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Paperetta Yè Yè.

Paperetta Yè Yè è un personaggio dell'universo di Paperino creato da Romano Scarpa. È stata presentata come nipote di Doretta Doremì, ma in una storia di Romano Scarpa viene detto che è cugina di Qui, Quo e Qua. È diventata popolare in Italia, Danimarca, Brasile e altri paesi, mentre in altri (tra cui gli Stati Uniti) è quasi sconosciuta. Paperetta sembra essere più vecchia di Qui, Quo e Qua.

Pennino[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pennino (personaggio).

Pennino (Biquinho) è il nipote di Paperoga, e sembra essere un po' più giovane di Qui, Quo e Qua. Negli USA è conosciuto come Dugan Duck, in Danimarca come Pjuske, in Spagna come Tonito e in Norvegia come Klodrian. Questo personaggio, creato nel 1981 dal brasiliano Waldyr Igayara de Souza, originariamente aveva le piume gialle, una caratteristica fuori del comune per i paperi Disney, ma autorizzata dalla Disney Publishing Worldwide. È un bambino testardo la cui attività principale è quella di causare problemi a suo zio Paperoga e agli altri suoi parenti. La compagna più frequente di Pennino è una piccola maialina di nome Virginia, alla cui madre (che sembra essere la vicina di casa di Paperoga) Pennino sta davvero antipatico. Ebbe un enorme successo in Brasile nel corso degli anni ottanta, quando la sua figura carismatica veniva esplorata abbastanza dai fumettisti, ma è praticamente scomparso dai fumetti brasiliani nel decennio successivo. Alcuni fumettisti italiani utilizzano Pennino una volta ogni tanto, ma nei fumetti italiani appare sempre con le piume bianche.Non si sa bene chi siano i genitori, in quanto la sua storia d'esordio lo indica (nella versione originale) come figlio di una non meglio precisata sorella di Paperoga.

Moby Duck[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Moby Duck.

Moby Duck è stato creato dallo scrittore Vic Lockman e il disegnatore Tony Strobl nel 1967. La sua prima apparizione è in Donald Duck n. 112, dove viene visto salvare Paperino dall'annegamento in mare, dopo che Paperino è stato costretto ad accettare di lavorare come suo aiutante poiché il delfino di Moby, Porpy, faceva finta di essere uno squalo minaccioso. Nello stesso anno Moby ottenne un proprio giornale a fumetti, che durò 11 numeri fino al 1970, e poi dal 1973 al 1978 (numeri 12-30). Gli illustratori delle storia americane di Moby Duck includono Strobl, Kay Wright e Pete Alvarado. Inutilizzato negli Stati Uniti per due decenni, è ora in uso nei fumetti prodotti in Italia e in Brasile.

Phooey Duck (Que)[modifica | modifica wikitesto]

Phooey Duck è il quarto nipotino di Paperino e il fratello perduto di Qui, Quo e Qua. Non è davvero un personaggio, è il quarto nipotino disegnato per caso nei fumetti di Paperino. È stato chiamato Phooey dall'editore di fumetti Disney Bob Foster e talvolta chiamato in italiano Que. Il nome è in origine un termine che, a volte scritto phooie o fooey (in Italia "pfui"), esprime antipatia, dispiacere o delusione, ed è spesso usato da Paperino e dei suoi familiari.

Ci sono molti casi in cui Phooey appare. Alcune, tuttavia, non sono in realtà vere apparizioni, ma piuttosto un'altra Giovane Marmotta che assomiglia ai tre nipoti.

Un breve fumetto della Egmont scritto da Lars Jensen ha spiegato le sporadiche apparizioni di Phooey come uno scherzoso incidente della natura.

In un'avventura a fumetti del Saint Patrick's Day, Phooey appare come un Leprechaun o angelo custode mascherato da anatroccolo.

Pico De Paperis[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Pico De Paperis.

Gustavo Paperone[modifica | modifica wikitesto]

Gustavo Paperone (Goosetave Gander) è il padre di Gastone Paperone. Originariamente doveva essere sposato con Matilda de' Paperoni, ma Carl Barks in seguito cambiò idea e ne fece invece il marito di Daphne Duck. Essi sono considerati i genitori di Gastone; la fortuna del figlio e della moglie però non lo comprende.

Gastoncino Paperone[modifica | modifica wikitesto]

Gastoncino Paperone (Shamrock Gander), chiamato anche Gasparre e Clyde, è il nipotino di Gastone Paperone, a lui molto somigliante anche nella fortuna. La prima delle sue limitate apparizioni avvenne nella storia dedicata a Paperina del ciclo "Paperino e il festival dei paperi", disegnata da Tony Strobl e pubblicata su One Shots n. 649 del settembre 1955.[13] In seguito è apparso in altre tre storie fino al 1992; le ultime due lo presentano come un nuovo personaggio. Il suo legame con altri membri della famiglia non è stato mai chiarito.

Famiglia Coot[modifica | modifica wikitesto]

Il cognome "Coot" era stato usato su diversi paperi da vari artisti, di solito per i personaggi che erano parenti di Paperino ma non erano parte della famiglia Duck o del Clan de' Paperoni. Quando Don Rosa ha creato il suo Albero Genealogico dei Paperi nel 1993, incluse i Coot utilizzati da Carl Barks e da lui poiché Nonna Papera è una discendente di Cornelius Coot. Fu un'idea di Rosa quella di utilizzare Coot come cognome da nubile della nonna, e di avere Cornelius Coot come antenato di Paperino.

Cornelius Coot[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Cornelius Coot.

Cornelius Coot è il fondatore di Paperopoli, e il trisavolo di Paperino. Appare per la prima volta come statua in Walt Disney's Comics and Stories n. 138 nella storia del 1952 Paperino e il maragià del Verdestan di Carl Barks. La sua statua e l'eredità sono poi apparse in molte storie. Anche se Cornelius era un figura ben nota ai lettori di fumetti Disney, la sua storia non venne narrata fino a quando Don Rosa non iniziò ad usare il personaggio alla fine degli anni ottanta. Nelle vecchie traduzioni italiane il personaggio ha avuto altri nomi, quali Cornelio Ermogene, Cornelius Babn, Cornelio Virgola, Cornelio Van Coot, Cornelio Coot, Cornelio Papero e Cornelius Paper.

Clinton Coot[modifica | modifica wikitesto]

Clinton Coot (Paperopoli, 1830 - 1910) è stato menzionato per la prima volta in Uncle Scrooge Adventures n. 27 nella storia Zio Paperone e i guardiani della biblioteca perduta, pubblicata per la prima volta nel luglio 1994. Ci è stato presentato come il figlio di Cornelius Coot e il fondatore delle Giovani Marmotte, ispirate al libro datogli da suo padre.

Nella Saga di Paperon de' Paperoni si scopre che egli è il padre di Nonna Papera. Nell'Albero Genealogico dei Paperi di Don Rosa, Clinton è sposato con Gertrude Folaga e i loro due figli sono Nonna Papera (Elvira Coot) e Casey Coot.

Secondo la timeline di Rosa, Clinton Coot nacque nel 1830 e morì nel 1910, all'età di 80 anni.[14]

Egli prende il nome da Bill Clinton, che era candidato alla presidenza degli Stati Uniti quando Don Rosa creò il personaggio.[15]

Gertrude Folaga[modifica | modifica wikitesto]

Gertrude Folaga (Gertrude Gadwall) è la moglie di Clinton Coot, madre di Elvira Coot (nota anche come Nonna Papera) e Casey Coot, nonna di Quackmore Duck, Daphne Duck, Eider Duck, Pistacchio Coot e Fanny Coot, bisnonna di Paperino, Della Duck, Gastone Paperone, Abner Duck, Paperoga, Ciccio e, probabilmente, Sgrizzo Papero, e, infine, trisavola di Qui, Quo, Qua e, probabilmente, Pennino.

Casey Coot[modifica | modifica wikitesto]

Casey Coot è apparso per la prima volta in Zio Paperone e l'ultima slitta per Dawson, pubblicata nel giugno 1988. Egli si presenta come uno sfortunato cercatore d'oro e amico di Paperon de' Paperoni durante i suoi anni in Klondike. Bisognoso di soldi, vendette al molto più fortunato Paperone i suoi terreni a Paperopoli. In essi era compresa la "Collina Ammazzamuli" che, rinominata "Collina Ammazzamotori", comprende la terra in cui sorge il deposito di Paperone. In seguito è apparso ne L'argonauta del Fosso dell'Agonia Bianca e Cuori nello Yukon. Ne L'invasore di Forte Paperopoli viene rivelato che egli è il fratello di Nonna Papera.

Nell'Albero Genealogico dei Paperi di Don Rosa è descritto come un nipote di Cornelius Coot e figlio di Clinton Coot e di sua moglie Gertrude Folaga. Secondo l'albero era sposato con Greta Grebe e avevano almeno due figli di nome Fanny Coot e Pistacchio Coot. Egli è anche il nonno di Ciccio. È interessante notare che Paperino ha un prozio da parte di padre, Casey, e uno zio da parte di madre, Paperone, che sono vicini per età. È stato suggerito che sia anche il nonno di Sgrizzo Papero, anche se Rosa non ha usato quest'ultimo nel suo albero o nelle sue storie.

Secondo le timeline non ufficiali di Don Rosa, Casey Coot nacque nel 1860 e morì prima del 1970.[14]

Greta Grebe[modifica | modifica wikitesto]

Greta Grebe (Gretchen Grebe) è la moglie di Casey Coot, la madre di Fanny Coot e Pistacchio Coot e la nonna di Ciccio. È stato anche suggerito che lei sia la nonna di Sgrizzo Papero.

Fanny Coot[modifica | modifica wikitesto]

Fanny Coot venne menzionata per la prima volta nella striscia a fumetti di Paperino del 9 maggio 1938 in cui Ciccio fa la sua prima apparizione. Lei è la madre di Ciccio e la cugina del padre di Paperino. Nell'Albero Genealogico dei Paperi è descritta come una figlia di Casey Coot e sua moglie Greta Grebe, e così una nipote di Elvira Coot, nonna paterna di Paperino. Aveva anche un fratello di nome Pistacchio Coot. Fanny sposò Luca dell'Oca e così divenne la madre di Ciccio.

Luca dell'Oca[modifica | modifica wikitesto]

Luca dell'Oca (Luke the Goose) è il padre di Ciccio.

Originariamente avrebbe dovuto essere il padre di Gastone Paperone, il marito di Daphne Duck e lo zio Ciccio, ma Carl Barks in seguito cambiò idea su questo argomento e rese Gustavo Paperone (che in origine era il padre adottivo di Gastone dopo che Luca e Daphne erano morti "di indigestione ad un pranzo libero al sacco") il padre biologico di Gastone e marito di Daphne. Luca dell'Oca scomparve dall'albero.

Quando Don Rosa creò il suo Albero Genealogico dei Paperi, usò Luca dell'Oca e fece di lui il marito di Fanny Coot e il padre di Ciccio.

Ciccio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ciccio (personaggio).

Ciccio (Gus Goose) è il cugino di secondo grado di Paperino, e il bis-nipote di Nonna Papera.

Il tratto principale della personalità di Ciccio è l'essere piuttosto goloso, come Paperino scopre suo malgrado quando Ciccio va a fargli visita nella sua prima apparizione, il cortometraggio animato del 1939 Il cugino di Paperino.

All'interno dei fumetti Disney, Ciccio viene solitamente mostrato mentre vive nella fattoria di Nonna Papera fuori da Paperopoli, dove lavora come suo bracciante agricolo. Oltre a essere ingordo, Ciccio è mostrato nei fumetti come molto pigro, spesso facendo poco o nessun lavoro nella fattoria della nonna.

Pistacchio Coot[modifica | modifica wikitesto]

Pistacchio Coot (Cuthbert Coot) è stato introdotto nella storia Paperino cow-boy, pubblicata per la prima volta nell'aprile 1945, come un lontano cugino di Paperino e un allevatore. Nell'albero genealogico di Don Rosa è incluso come membro della famiglia Coot e più specificamente come figlio di Casey Coot e sua moglie Greta Grebe, il che fa di lui un nipote di Elvira Coot, un fratello di Fanny Coot, un cugino di primo grado di Quackmore Duck, un cugino di primo grado di Paperino e uno zio di Ciccio.

Sgrizzo Papero[modifica | modifica wikitesto]

Sgrizzo Papero è un cugino di Paperino apparso esclusivamente in storie di produzione italiana. Appare per la prima volta nella storia "Sgrizzo il più balzano papero del mondo", realizzata da Romano Scarpa e pubblicata su Topolino n. 465 del 25 ottobre 1964.[16] Sgrizzo ritorna all'improvviso nella vita di Paperino facendosi precedere da una cartolina in cui avvisa che i medici del manicomio in cui era rinchiuso hanno concluso che, ormai, è guarito. Sgrizzo dimostra però fin da subito di essere ancora completamente folle e incontrollabile, e col suo temperamento irruento e imprevedibile finisce per portare scompiglio nella vita del cugino infilandosi in situazioni disastrose. Il personaggio presenta forti somiglianze con Paperoga, creato quasi contemporaneamente, tanto che Scarpa tornerà a utilizzarlo solo 24 anni dopo nelle "Paperolimpiadi" per poi abbandonarlo definitivamente.[17] Sgrizzo viene poi recuperato a partire dal 1997 da autori come Luca Boschi, Nino Russo, Massimiliano Valentini, Andrea Freccero e soprattutto dal disegnatore Enrico Faccini, ottenendo una certa popolarità che lo fa apparire, fino al 2003, in oltre venti storie e diverse tavole comiche (tra cui le brevi serie Sgrizzo a ruota libera e Un disastro per cugino); in alcune di esse, Sgrizzo lavora insieme a Andy Ascott come cronista del quotidiano Il Grillo Parlante, diretto da Gedeone de' Paperoni. In seguito le sue apparizioni si sono fatte nuovamente molto sporadiche.

Sebbene la sua esatta collocazione all'interno della famiglia non sia mai stata chiarita, Sgrizzo solitamente chiama Gedeone "zio".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "The People Who Never Were -- Yet Live Today." The People's Almanac, edited by David Wallenchinsky and Irving Wallace. Garden City, N.Y.: Doubleday & C., 1975. p. 1235-1237.
  2. ^ Reviews & Ratings for Corvette Summer
  3. ^ Zio Paperone e il tesoro della regina, in INDUCKS.
  4. ^ Donald Duck, in INDUCKS.
  5. ^ Nonna Papera e la vendita di beneficenza, in INDUCKS.
  6. ^ Nonna Papera la mattacchiona, in INDUCKS.
  7. ^ Gode naboer, in INDUCKS.
  8. ^ Paperino e i paperotti, in INDUCKS.
  9. ^ 80 is prachtig!, in INDUCKS.
  10. ^ The D.U.C.K.man - Don Rosa's Duck Family Tree - Don Rosa's own comments, Duckman.pettho.com. URL consultato il 6 luglio 2010.
  11. ^ a b April, May & June: Daisy's Nieces, Disney's HooZoo. URL consultato l'11 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2008).
  12. ^ Ladies' Night Archiviato il 30 agosto 2009 in Internet Archive.. The Encyclopedia of Disney Animated Shorts Archiviato il 8 gennaio 2010 in Internet Archive.. Retrieved on March 22, 2008.
  13. ^ Paperino e il festival dei paperi, in INDUCKS.
  14. ^ a b Rosa, Don, Birth And Death Dates Of The Ducks, Coots And McDucks, su Don Rosa on himself. URL consultato il 25 novembre 2007.
  15. ^ Rosa, Don, The Life and Times of $crooge McDuck - Episode 10, su The Life and Times of $crooge McDuck. URL consultato il 25 novembre 2007 (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2007).
    «I wrote this story during the last presidential election. That explains why Grandma Duck's father is named Clinton Coot.».
  16. ^ Sgrizzo il più balzano papero del mondo, in INDUCKS.
  17. ^ Sgrizzo Papero, su topolino.it, Panini.
Controllo di autoritàVIAF: (EN35252956 · GND: (DE118808931
Disney Portale Disney: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Disney